Follow
Gamepare > Home > Pulse > Pulse Pulse – Recensione

Pulse Pulse – Recensione

Creare ai giorni nostri qualcosa di nuovo nel mondo dei videogame è veramente difficile, ma i ragazzi della Pixel Pi Games hanno dato vita a un platform davvero innovativo.

Uno degli aspetti migliori dei giochi indie è che gli sviluppatori sono in grado di correre rischi su idee che nessun grande studio oserebbe mai prendere in considerazione.

Pulse contiene un’idea molto interessante: gestiamo un personaggio non vedente di nome Eva che “vede” i luoghi attraverso i “suoni”, un metodo simile al sonar dei pipistrelli. Insieme alla protagonista visiteremo quindi un luogo cercando di sopravvivere, ma non raccogliendo risorse o costruendo case: l’obiettivo consiste nel percorrere la strada giusta e avanzare nell’ambiente. Inoltre potremo affidarci ai racconti di un corvo con un occhio solo, che di tanto in tanto ci racconterà la storia di quest’avventura.

Pulse 19

Pulse è un platform 3D, nel quale avremo davanti a noi una visione degli ambienti limitata, dato che il nostro personaggio li “ricostruisce” solamente tramite l’udito. Tali ricostruzioni effettuate tramite i suoni verranno proposte a schermo in immagini singolari dai colori molto accesi e psichedelici. Sicuramente ci troveremo spesso ad avanzare a tentoni, a causa della visibilità molto limitata, e durante il nostro cammino potremo incontrare pericoli che a volte non vedremo. Tuttavia, troveremo lungo il percorso dei piccoli roditori di nome Moko, che potremo prendere in mano e scagliare lontano per produrre onde sonore. Queste piccole creature pelose dagli occhi dolci ci daranno quindi la possibilità di vedere molto più lontano grazie al rumore generato.

Un esempio pratico della visione tramite suoni è che se rimaniamo fermi in un punto senza muovere alcun tasto, l’ambiente intorno a noi diventerà silenzioso e cupo. Muovendosi velocemente con il personaggio avremo possibilità di produrre più onde sonore causando una visione maggiore del percorso, ma come contro, velocizzando il nostro cammino, avremo più possibilità di cadere in qualche trappola, oltre ad aumentare la stanchezza di Eva.

L’impatto visivo ed artistico di Pulse è veramente particolare, psichedelico in modo anche eccessivo. Gli effetti ricreati a schermo, molto mobili e dai colori accesi, possono facilmente infastidire la vista del giocatore, portando a volte ad abbandonare il gioco per nausea.

Ma forse la vera missione è proprio questa: riuscire a proseguire senza venir sopraffatti dall’ambiente che ci circonda. Il gameplay comunque porta a sfidare se stessi per riuscire ad orientarsi senza perdere i sensi, ma non è cosa facile, sopratutto all’inizio quando non si avranno a disposizione i Moko.

Pixel Pi Games ha realizzato comunque un concetto di libro narrativo e interattivo, ben lontano da creare un vero e proprio videogioco. Le musiche di Joel Corelitz contribuiscono poi a creare l’atmosfera corretta per dare forti emozioni al gioco, ma purtroppo non sono abbastanza per portare Pulse al successo.

Se, in un prossimo aggiornamento, venisse inserita la possibilità di modificare i colori in toni meno accesi, questo potrebbe giovare al gameplay. Allo stato attuale, capita spesso di dover fare una pausa prima di poter proseguire.  Infine, Pulse risulta essere piuttosto corto, visto che in circa 2 ore, e pause permettendo lo si potrà terminare senza problemi o quasi.

Pulse 7

Positivo
  • Nuova idea di gameplay platform
  • Musiche convolgenti
Negativo
  • Porta alla nausea
  • Colori ed effetti fastidiosi
6.3
Discreto
Grafica - 7
Giocabilità - 6
Longevità - 6
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0