Nel 2016 Dropzone riporta il Core Gaming nei giochi di strategia in tempo reale

Gameforge e lo sviluppatore Sparkypants Studios annunciano l’arrivo del gioco di strategia in tempo reale (RTS) per PC “Dropzone“.

Il titolo Free-to-Play fonde una profonda pianificazione strategica con tanta azione ad alta adrenalina e offre un elevato grado di personalizzazione grazie alle infinite combinazioni possibili per l’equipaggiamento. I giocatori assumeranno il controllo di tre piloti alla guida di potenti robot, i Rig, e combatteranno per accumulare punti preziosi. Grazie al motore Sparkle Engine sviluppato appositamente per il gioco, i match online 1 VS 1 saranno i protagonisti della rivoluzione del genere prevista per il 2016.

Lotta per Europa

Nel XXII secolo l’esistenza dell’umanità dipende dai Core, una misteriosa risorsa energetica disponibile solo su Europa, il satellite di Giove.  Temerari capitani mercenari combattono su Europa per la conquista della preziosa risorsa. Nel bel mezzo dell’invasione dei Kavash, una razza aliena organizzata in sciami, gli impavidi comandanti inviano in battaglia tre piloti al comando di altrettanti potenti Rig. Anche nel futuro, però, sembra valere la regola “Il tempo è denaro”: ciascuna delle pericolose battaglie dura 15 minuti per round.

Ritorno alle radici

Come in qualsiasi RTS, nei vari match ciascun giocatore controlla tutti i suoi Rig contemporaneamente. In questo vasto metagioco i piloti possono essere personalizzati scegliendo tra numerose armi e abilità passive. In ogni round il giocatore deve controllare uno Squad formato da tre piloti personalizzati, ciascuno dei quali assegnato a un determinato Rig e, di conseguenza, a una determinata classe. La scelta della classe viene rimessa al gusto e alla tattica del singolo comandante. Nell’attuale versione alpha di Dropzone è possibile scegliere tra diversi Tank (lenti, ma ben corazzati), Gunner (armi potenti a scapito della corazza) e Mechanic (unità di supporto mobili) da inviare nella zona di combattimento a bordo della Dropship. La formazione dello Squad partendo dalle diverse unità non è soggetta ad alcuna restrizione.

Il nucleo della questione

L’obiettivo di ogni match consiste nel distruggere uno sciame di Kavash e nel depositare al centro della mappa i “Core” predati, trasformandoli così in punti. Se un avversario distrugge un Rig sul quale si trova un Core, quest’ultimo resta a terra e può essere raccolto da qualsiasi altro pilota. Le unità distrutte ricompaiono nella propria Dropship dopo un certo lasso di tempo, che varia a seconda del livello del singolo pilota. Durante il combattimento tutti i piloti possono usare le Dropship come rifugio nel quale effettuare le riparazioni necessarie.

Oltre all’obiettivo principale, ogni mappa offre tre missioni secondarie generate casualmente che, a seconda del livello di difficoltà, permettono di guadagnare ulteriori punti. “Total Vision”, per esempio, conferisce diversi punti. L’obiettivo di questa missione consiste nell’impossessarsi di quattro Vision Tower uniformemente distribuite sulle mappe. Oltre ai punti extra, questi impianti di sorveglianza portano anche un vantaggio tattico, offrendo ai possessori un quadro dell’andamento della battaglia.

Informazioni su Matteo Pollastro 351 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*