Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Recensione PS4 > NBA 2K19 – Recensione

NBA 2K19 – Recensione

La serie NBA 2K compie vent’anni, e ovviamente si presenta schiacciando a canestro con una potenza tale da far suonare gli allarmi delle auto nel parcheggio.
Uscito lo scorso 7 settembre per PlayStation 4, Nintendo Switch, Xbox One e Microsoft Windows, il gioco più caldo del momento 
dedicato alla palla a spicchi  è ora tra noi.
Partendo dalla base, da quella che dovrebbe essere la natura del gioco sviluppato da 2K e Visual Concepts, e scorporando il delizioso contorno (stiamo pur sempre parlando di un gioco di pallacanestro), il gameplay di NBA 2K19 si mostra aggiornato con alcune rifiniture rispetto al suo predecessore.
Chiunque non sia un neofita della serie sa benissimo come la complessità dei controlli permetta sì di eseguire azioni e movimenti spettacolari, ma solo dopo moltissimo allenamento. La curva di apprendimento è crudele, ma una volta imparati i fondamentali, la progressione sarà soddisfacente e darà i suoi frutti.
Piccola pecca, l’eccessiva facilità con cui si ruba la palla (lo scorso anno invece era troppo semplice tirare da fuori dall’arco).

La difesa risulta ancora una volta la meccanica meglio costruita e più completa, capace di punire i giocatori più egoisti e meno votati all’utilizzo degli schemi. Sicuramente l’IA (avversaria e non) ci mette del suo, chiamando in maniera abbastanza palese gli schemi, permettendo di effettuare le contromisure in tempo.
Difendere e attaccare non è mai stato così realistico e complesso.

Novità più interessante è l’introduzione dell’impeto, ovvero un boost temporaneo che esalta le abilità del proprio giocatore. Per caricare tale barra sarà necessario svolgere al meglio i compiti durante le partite, come ad esempio non sbagliare troppi tiri o passaggi.

NBA 2K19

Graficamente parlando, è inutile negare l’ovvio. A volte c’è il dubbio di stare effettivamente guardando un match in televisione. Le animazioni sono state migliorate (sebbene un po’ ripetitive), la qualità grafica è stata alzata (seppur con qualche grossolano e simpatico bug) e i minifilmati pre e in-game sono proprio gli stessi che si vedono sui parquet americani.

Ma NBA 2K non è solo gioco e realismo. Le features sono sempre costantemente aggiornate, come le puntate settimanali di 2K TV o la colonna sonora accuratamente e minuziosamente scelta.
Nota di merito per il commento, sempre puntuale e preciso (seppur limitato e anch’esso ripetitivo a volte), che in alcuni fasi della “Mia carriera” sarà pure in cinese. Perchè?

Perchè quest’anno la “My career” parte dalla Cina!
Le problematiche di AI, nostro alter ego virtuale, alle prese con la cultura (sportiva e non) del lontano oriente saranno anche nostre.
Scartati dal Draft NBA, saremo costretti a ripartire dal lontano Oriente, alla riconquista del posto che ci spetta tra i giganti del parquet NBA.
Complice anche un carattere non dei più disponibili (AI si contraddistingue per essere presuntuoso, arrogante e convinto di essere il migliore del mondo, finito in Cina per uno sbaglio), la risalita sarà costellata di difficoltà (autoindotte a volte, perchè tirare fuochi d’artificio alla macchina del coach e insultare la città dove si gioca in G-League non è mai una scelta vincente…). Questo ovviamente ci porterà a perdere occasioni importanti, amicizie e rispetto.
La storia viene narrata con una sceneggiatura notevole, caratterizzata da un taglio registico al pari di un film hollywoodiano e da un pacchetto animazione-doppiaggio al limite del realismo.
Alla fine potremo scegliere in quale squadra andare a giocare, tra un gruppo limitato di squadre interessate a noi in seguito alle nostre performance. Dopodiché dovremo negoziare il contratto, decidendo minuti, ruolo e salario prima di accedere (finalmente) al famoso “Quartiere”.

NBA 2K19

Forse quest’anno la 2K ha dato retta alla community (forse), perchè i miglioramenti effettuati in questa modalità sono evidenti.
Tutti i punti di riferimento sono stati convogliati all’interno di un rettangolo. Al centro sono presenti gli immancabili ed essenziali campetti (dove è possibile giocare con gli amici o altri giocatori presenti nel server), mentre tutto attorno avremo i vecchi NBA Store, Foot Locker, la palestre, il tatuatore e il barbiere, l’ufficio del manager e (novità) il casinò, dove attraverso alcuni minigiochi potremo guadagnare VC per migliorare il nostro personaggio.
Gli aggiornamenti sono pressochè quotidiani, presentando sfide e ricompense che riguardano VC, abbigliamento e oggettistica varia.
Unico piccolo difetto riscontrato nel Quartiere è, ahinoi, sempre lo stesso. Nelle partite online al campetto si verificano ancora insopportabili lag e cali (problema che affligge ogni modalità multigiocatore).
Altra piaga…le microtransazioni. Essendo così marcata la necessità di VC (la moneta virtuale) per accelerare la crescita delle statistiche del giocatore, si è generata già dopo pochi giorni dall’uscita una netta differenza tra chi sceglie di spendere i proprio soldi in game e chi no.
Nei forum e sulle pagine dedicate al gioco, sono già molto forti le lamentele su questo argomento. Un problema che si ripete progressivamente di anno in anno.
Non è questa la sede per giudicare o condannare l’atteggiamento delle case (come la 2K o la EA con Fifa), che fanno giustamente i loro interessi, sebbene contribuendo a creare un sitema dove la pigrizia e la carta di credito di giocatori svogliati (o inetti) possono battere ore di gioco di chi questi soldi aggiutivi non li vuole spendere. Limitiamoci semplicemente a segnalare ancora una volta questo problema, che prevedibilmente si riproporrà anche il prossimo anno.

E’
altrettanto vero che l’anno scorso fosse molto lunga la “scalata
al 99”
,
mentre in questa edizione i parametri sono stati ribassati, pur
restando alto il livello di impegno e applicazione richiesta. Da qui
la voglia di “shoppare” da parte di alcuni utenti.

Sempre in single player, abbiamo la storica modalità “Il mio GM”, la quale ci farà vestire i panni del general manager di una sqaudra a nostra scelta.
Il realismo, anche qui, è elevato, e bisognerà soddisfare numerosi parametri durante la nostra attività, come lo stato d’animo di staff e giocatori o il reparto finanziario. Novità interessante è la differenzazione tra due sottomodalità, “My GM classico” o il “MY GM con la storia”. Non una storia particolarmente ricca di cutscenes, soprattutto se paragonata alla modalità carriera, ma tutto sommato siparietti colorati e divertenti.

Modalità similare è “La mia Lega”, nella quale possiamo prendere una franchigia NBA e guidarla per oltre ottant’anni (80!), giocabile sia in single player che nella controparte “La mia lega online”.

Sempre molto apprezzata la modalità “La mia Squadra”, quest’anno migliorata introducendo nuove modalità come il Triple Threat (il classico 3vs3 sia offline che multigiocatore online), il Dominio (dove bisogna affrontare tutte le squadre NBA, le fantasquadre e le squadre più vecchie) e infine la modalità Unlimited che permette di gareggiare contro giocatori da tutto il mondo con la propria franchigia.
Si tratta della classica modalità alla “Ultimate Team”, la quale offre la possibilità di creare la franchigia dei propri sogni attraverso pacchetti di carte, acquistabili con soldi veri o ottenibili sul campo. Una modalità sempre interessante, ma affossata purtroppo anche qui dalla presenza delle microtransazioni. Inutile sottolineare come l’esperienza si sbilanci a favore di chi spende quattrini aggiuntivi nel gioco, senza perdere tempo e trovando le carte migliori.

NBA 2K19

Altra “palla sul ferro” è l’esperienza online, ormai un classico negativo.
Al momento attuale buona parte della community lamenta ritardi, lag e matchmaking interminabili, con ovviamente la linea che puntualmente cade una volta avviato l’incontro. Se poi si è tra i fortunati che riescono a a completare la partita, si segnala come l’accoppiamento sia sbilanciato, andando a giocare contro avversari o troppo scarsi, o troppo forti. Urge assolutamente una soluzione tempestiva.

In conclusione NBA 2K19 vive di assoluti, troppo concentrato ad accontentare sia la fetta più casual degli utenti, che quella più hardcore.
La base di gioco è ormai consolidata, grazie agli ultimi capitoli di alto livello (non esenti da difetti anche loro) e alla mancanza di concorrenza diretta.
Questo è purtroppo un male, che troppo spesso ha portato la 2K a sedersi sugli allori e a centellinare le migliorie.
Non va comunque ignorato il lavoro mastodontico che c’è costantemente dietro questa serie, capace di portare un’esperienza totale e sempre più simile al realismo.
Un titolo che ogni appassionato di basket non si fa mancare, ma che troppo spesso si sente allontanato a causa del fenomeno negativo delle microtransazioni e da un servizio online davvero pessimo.
È un peccato, perchè basterebbe sistemare questi difetti per arrivare a raggiungere il 10 perfetto in pagella. Non quest’anno però, non ancora…

La recensione di NBA 2K19 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Longevità pressochè illimitata grazie alle numerose modalità di gioco
  • Tecnicamente è spettacolare
  • La mia Carriera migliorata rispetto allo scorso anno
  • Gameplay quasi sempre al massimo della sua forma. Qualche sbavatura accettabile
  • La colonna sonora
  • Una miriade di divise sempre aggiornate (più quelle classiche)
Negativo
  • Ancora troppo pay to win. Basta microtransazioni!
  • Non tutti i soliti problemi del passato sono stati riparati
  • Server chiaramente al di sotto delle aspettative per una community così vasta
  • Matchmaking online lunghissimo
  • Alcuni bug imbarazzanti (da quello che elimina i salvataggi a quello che moltiplica vertiginosamente i VC)
  • Qualche soluzione anti-cheat sarebbe gradita
9
Ottimo
Gameplay - 9
Grafica - 9
Longevità - 9
Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

1 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>