Magic Legends – Cos’è andato storto?

Magic Legends vede già la fine del proprio ciclo vitale: il gioco sviluppato da Cryptic Studios, Pubblicato da Perfect World Entertainment e con la famosissima IP di Wizzard of the Coast a spalleggiare il tutto non è riuscito ad uscire dalla beta prima di veder terminare la propria storia.

Come potete leggere di seguito nel comunicato ufficiale, non solo il gioco è al termine del suo sviluppo, ma a breve subirà uno sfratto inesorabile e dovrà dire addio ai propri server e ai (pochi) giocatori che se ne sono appassionati.

La data di questo ultimatum rovinoso è il 31 Ottobre, con tutti coloro che hanno speso soldi nel gioco che vedranno i propri investimenti rimborsati e nel frattempo il negozio in-game accetta solamente valuta interna, non più acquistabile con denaro reale.

Ma quello che ci interessa maggiormente discutere non è la notizia in sé, quanto come sia stato possibile che una cosa simile sia accaduta.

Il gioco è stato annunciato al pubblico come un action mmorpg per poi rivelarsi un “diablo-like”, e non sto usando questo termine in senso dispregiativo. Tuttavia, è comprensibile che già questo susseguirsi di fatti e finzione possa aver deluso le aspettative di qualche fan.

Ciò non è certo sufficiente a spiegare la situazione, e infatti i problemi che Magic Legends non è stato in grado di risolvere sono numerosi, in primis uno stile grafico piuttosto generico e non in grado di appagare gli appassionati del gioco di carte più famoso di sempre. Persino in una cosa semplicissima come le icone delle magie a disposizione del giocatore non si è fatto uso delle stupende artwork del gioco cartaceo, ma abbiamo invece avuto a che fare con qualcosa di piuttosto standardizzato e per nulla riconoscibile.

Stesso discorso vedasi per le magie stesse, inventate di sana pianta invece che riadattare qualcosa di esistente a cui i fan sono già affezionati.

I mondi esplorabili si rifacevano invece alla Lore di Magic, ma personalmente non ho trovato particolarmente accattivante la loro incarnazione digitale. Zendikar in particolare pare una boscaglia qualsiasi con qualche roccia fluttuante qua e là, niente che possa accendere il fuoco del cuore di un appassionato.

A peggiorare la situazione abbiamo un’ottimizzazione grafica veramente comica, pesante anche su macchine decisamente potenti senza però aver un riscontro che sia degno della fatica impiegata dal PC. Un problema che ha reso alcuni aspetti del titolo davvero tediosi per molti, tant’è che non sono pochi i casi di giocatori che lo hanno abbandonato principalmente per questo motivo.

Ad aggiungere l’ultimo chiodo alla gabbia del becchino abbiamo una creazione personaggio veramente spoglia. Si hanno a disposizione pochissime opzioni di customizzazione, molte delle quali prossime alla mostruosità ammuffita. Per di più di tutte le meravigliose e accattivanti razze di Magic non si vede traccia alcuna. Siamo per forza uno stupido, banale umano indistinguibile da tutti gli altri.
All’annuncio del gioco speravo di poter creare un possente gattone o un astuto vedalken, un Fblthp magari. Speravo che il mio personaggio potesse essere nativo di Mirrodin, o Ravnica o persino Shandalar, invece tutte queste fantasie sono rimaste tali.

Le idee di gameplay non sono invece un abominio canceroso, ma la loro implementazione è piuttosto discutibile. Il sistema che fa ruotare le magie in modo da simulare un mazzo di carte per cercare così di strizzare l’occhio al gioco originale è un’idea carina sulla carta, ma nella pratica porta a spammare bottoni un po’ a casaccio aspettando che arrivino quelle più forti. Oltre ad essere meccanicamente piatto, non è abbastanza evocativo da potersi permetter di giocare il ruolo di unicorno stimato dagli appassionati.

È lecito chiedersi se partendo da Magic the Gathering non si potesse puntare ad un gameplay più tattico e ragionato, a costo anche di ottenere qualcosa di più lento, ma pare che Cryptic avesse paura che i giocatori si sarebbero annoiati passando più di tre secondi senza schiacciare qualcosa. Non che non si tratti di una scelta comprensibile, visto che molti videogiocatori hanno una certa abilità da testa calda, ma personalmente trovo che sia l’ennesimo spreco del potenziale racchiuso nell’IP dietro al gioco.

Il lead developer Steven Ricossa ha dichiarato di aver imparato molto da questa esperienza e questo è seriamente un bene, speriamo che i prossimi lavori dello studio possano proliferare più di Magic Legends.

E speriamo che anche Wizzard e Hasbro abbiano imparato qualcosa, perché dubito che buona parte dei problemi non potessero venir risolti con una presenza maggiore di questi tutori illuminati. Soprattutto per quanto riguarda gli asset artistici l’impressione che ci sia stata una certa avarizia dell’accaparratore è piuttosto forte.

Ero rimasto molto deluso da Magic Legends, ma non mi sarei mai aspettato una tale morte improvvisa.

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 81 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*