Bloodhunt closed alpha – Prime impressioni

In questi due giorni ho avuto modo di mettere le mani su Vampire The Masquerade: Bloodhunt in closed alpha. Sviluppato da Sharkmob e in arrivo su Steam entro l’anno si presenta come uno shooter in terza persona con differenti classi e abilità.
Sebbene ad un rapido sguardo sembra essere non molto diverso da quei multiplayer di discutibile qualità che solitamente accompagnano titoli principalmente single player, come ad esempio Uncharted o The Last of Us, questo gioco si distingue per essere riuscito a prendere elementi funzionanti da diversi battle royale e creare una miscela valida e con un’identità perlomeno accettabile.

Per il momento sono disponibili le modalità solo e team da 3, la seconda più divertente della modalità in solitaria. I giocatori hanno la possibilità di scegliere tra 6 personaggi con differenti abilità ed è ovvio aspettarsi che altri arriveranno dopo il lancio. Lo shooting è buono e le armi sono abbastanza equilibrate, forse troppo addirittura. C’è una leggerissima componente PVE composta dall’esercito che sorveglierà le zone più ricche di bottino e da civili, fonti vita e di piccoli buff ma anche utili per mimetizzarsi, se come me decidete di giocare prevalentemente coi piedi per terra e non sugli alti palazzi di Praga.

Buone le musiche, buono l’audio e gli aspetti più tecnici di matchmaking e connessione. Avrei da ridire giusto sulla mappa davvero mancante in varietà, e sull’originalità dei consumabili che per ora si limitano ai soli oggetti curativi, utili in combattimento ma rimpiazzati dagli umani in condizioni di tranquillità.
Bloodhunt mi è sembrato nel complesso valido e con buone potenzialità. Resta da vedere che tipo di supporto a lungo termine Sharkmob abbia intenzione implementare e soprattutto come il pubblico lo accoglierà, il timore che possa trattarsi dell’ennesimo titolo che viene abbandonato dopo il boom di curiosità iniziale è ormai naturale.

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 19 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*