Gamepare > Home > News > La città e le ambientazioni di The Sinking City spiegati nel video Development Diary

La città e le ambientazioni di The Sinking City spiegati nel video Development Diary

Attualmente in fase di sviluppo e sarà disponibile nel 2018
The Sinking City

Bigben e Frogwares presentano “Development Diary” di The Sinking City, un video che svela i dettagli del processo creativo e delle ispirazioni che hanno contribuito alla realizzazione della cittadina di Oakmont. In questa città, infatti, si svolgerà la nuova e sovrannaturale avventura che i giocatori potranno vivere a The Sinking City.

Nel video, Wael Amr, CEO di Frogwares, approfondisce la visione dello studio di sviluppo riguardo a Oakmont. Wael spiega come la città, così come l’ambientazione su cui si basa il gioco, ha permesso di produrre un gioco investigativo dove la persona potrà decidere e riflettere se l’esperienza appena vissuta sia stata reale o sovrannaturale.

Katerina Frolova, Architetto e urbanista, e Aleksey Yurkin, Lead Level Artist, raccontano di essersi ispirati, per rendere Oakmont tanto realistica quanto inquietante, allo stile di edifici dell’East Coast degli Stati Uniti, creando una visione originale della città americana dove i dettagli e la perfetta ricostruzione aiuteranno i giocatori a immergersi ed esplorare Oakmont a proprio rischio e pericolo.

Guarda il video:

Ambientato nel 1920, The Sinking City è un gioco d’avventura e investigazione con una struttura open world ispirata alle opere del famoso scrittore statunitense H.P. Lovecraft. Il giocatore avrà il ruolo di un investigatore privato appena arrivato a Oakmont Massachusetts, una città che sta soffrendo per una serie di inondazioni senza precedenti di origini sovrannaturali. Quindi, dovrà scoprire la fonte dell’attività sovrannaturale che ha preso possesso della città e della mente dei suoi abitanti.

The Sinking City è attualmente in fase di sviluppo e sarà disponibile nel 2018 per PC e console.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>