Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Kirby Blowout Blast - Screen6

Kirby è ormai da tempo sinonimo di semplicità e divertimento, sin dalle sue origini nel 1992 i giochi che portano il suo nome sono stati molto accessibili e alla portata di tutti, così anche Kirby’s Blowout Blast resta fedele a questa filosofia e anzi per certi versi fa qualche passo indietro dai titoli più moderni.

Kirby Blowout Blast - Screen2

Il concept di gioco è molto simile a quanto visto in Planet Robobot nel minigioco sfida 3D Kirby, ma viene ampliato in modo da poter essere un titolo a se stante.
Non abbiamo quindi la possibilità di ottenere i poteri dai nemici assorbiti, che invece andranno a costituire i nostri proiettili da soffiare addosso agli ostacoli lungo il nostro percorso.
Sempre presenti e affidabili invece i molteplici salti di cui il beniamino rosa si può vantare, che rendono le rare sezioni platform del titolo molto leggere e piacevoli e con questo si conclude la lista di azioni che possiamo compiere.

Ma non è di un platform che stiamo parlando, giocando proprio sulla semplicità di questa combinazione il titolo ci presenta elementi combinati diventando qualcosa a metà tra un frenetico puzzle game ed uno strano shooter in terza persona. Il gioco è forse quello che ogni Kirby sarebbe potuto essere se la serie fosse proseguita fedelmente all’originale, in cui l’eroe rosato, ai tempi bianco, non aveva ancora la capacità di ottenere poteri speciali.

In Kirby’s Blowout Blast si apre tutto in modo molto leggero, i primi livelli mostrano giusto il funzionamento delle meccaniche e ci abituano a ciò a cui stiamo andando incontro. Ben presto però la curva della difficoltà comincia a salire, ma poco alla volta, senza mai lasciarci disorientati per un cambio di rotta repentino, il giocatore ha infatti sempre il tempo di abituarsi alla difficoltà crescente dei nuovi scenari.

Avanzando il titolo diventa sempre più veloce e con passaggi di maggiore complessità, tuttavia la difficoltà raramente sta nel terminare il livello, quanto piuttosto farlo con un buon punteggio.
E’ infatti grazie all’ottenimento di punteggi alti che si può accedere a versioni ancora più elaborate dei livelli appena affrontati, in questo modo chiunque ha la possibilità di raggiungere lo scontro finale, l’ultimo livello, ma per poter vedere il gioco in tutto il suo splendore e completarlo al 100% bisogna impegnarsi!

Kirby Blowout Blast - Screen1Il tutto resta comunque molto veloce e contenuto, adatto a rapide sessioni su una console portatile e allo stesso tempo questa formula rende piacevole fare rapidi tentativi in successione per raggiungere punteggi migliori, il tutto resto ancor più piacevole dalla semplicità dei controlli, che sono letteralmente due tasti più l’analogico per muoversi.

Graficamente Kirby’s Blowout Blast non lascia nulla da desiderare, di certo non si tratta di una meraviglia della tecnica neppure sulla console portatile di casa Nintendo, ma i colori e i mondi da esplorare sono sempre molto piacevoli, così come il design dei nemici tipici della serie è pulito e azzeccato.
L’opzione 3D della console viene sfruttata in modo gradevole, ma causa alcuni sporadici cali di frame rate che sanno essere piuttosto fastidiosi e può benissimo essere ignorata in favore di un gioco più fluido.
Soddisfacente come sempre invece il comparto audio, che come in ogni titolo di Kirby si presenta accattivante fin da subito, con melodie originali molto gradevoli e che ormai hanno fatto la storia dei videogiochi. La battaglia finale con King Dedede è resa ancora migliore proprio grazie alle note familiari che accompagnano gli scontri dei due personaggi ormai da sempre.

Kirby Blowout Blast - Screen3

In definitiva non si tratta certo di un titolo enorme, è un piccolo gioco che possiamo accaparrarci ad un prezzo estremamente competitivo e che sa comunque tenerci attaccati alla console quanto basta. Raggiungere i punteggi migliori in ogni scenario non è certo un impresa da poco, ma spesso vi troverete a raggiungere la cifra che vi garantisce l’accesso ai livelli speciali e nulla più.
Grazie però alla semplicità e immediatezza del titolo si possono sempre cogliere quei 10 minuti di attesa per una partita mordi e fuggi, rendendolo un aggiunta perfetta in ogni 3DS.

Kirby quindi in questo suo anniversario dei 25 anni ci ha dato un’altra piccola perla che può davvero essere piacevole per chiunque, un gioco originale seppur semplice che racchiude l’essenza della mascotte rosa.

La recensione di Kirby’s Blowout Blast si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Kirby’s Blowout Blast
7.8 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica8
Longevità7.5

 

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 60 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.