Follow
Gamepare > Home > Crash Bandicoot N.Sane Trilogy > Crash Bandicoot N.Sane Trilogy – Recensione

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy – Recensione

Inutile negare l’evidenza. O Crash Bandicoot ti piace, o non ci hai mai giocato. E’ indiscutibile il successo che il marsupiale più rappresentativo della console Sony ha riscosso nella seconda metà degli anni Novanta, e la riconferma si è avuta lo scorso 30 giugno 2017. Sviluppato da Vicarious VisionsCrash Bandicoot N.Sane Trilogy si candida già alla palma di gioco dell’estate 2017. Anche perché non si parla semplicemente di un’uscita attesa a lungo, qui si parla di un vero e proprio evento. Vent’anni fa, agli albori delle console wars, in casa Sony si cercava una mascotte capace di contrastare il già affermato Mario della Nintendo, sia per stile di gioco che per immagine. Venne in aiuto Naughty Dog e il suo Willy the Wombat, fortunatamente ribattezzato poi Crash Bandicoot, iconico marsupiale geneticamente modificato dalla sua arcinemesi Neo Cortex. Grazie all’unicità dei suoi avversari, al dinamico gameplay e alla simpatia travolgente di Crash, si fece la storia, creando il più celebre platform legato alla prima PlayStation.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy Screen 1
Dato il peso storico che la saga si porta dietro, era molto difficile creare una remastered che potesse accontentare una ventaglio così ampio di videogiocatori, composto da intransigenti fan della prima ora e nuove leve. Activision e Vicarious Visions hanno accettato la sfida, e con rispetto e umiltà verso la trilogia di Crash, hanno letteralmente tirato fuori il coniglio dal cilindro. Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è una collection fedele dei primi tre titoli legati al marsupiale, un sincero potenziamento di una saga vecchia di vent’anni. Un tributo d’alto pregio, che spicca per il lavoro grafico svolto, curato con passione e profonda conoscenza dei dettagli.

La raccolta di N.Sane Trilogy punta tutto sul comparto tecnico, curato ai limiti della maniacalità (anche nei bug e nelle “scorciatoie” nei livelli) ma ottimamente bilanciato tra stile classico ed esigenze next-gen. A livello grafico, le animazioni e le cutscenes sono state rifatte da zero, sebbene appaiano come un potenziamento di quelle originali. Il gameplay è fedele, praticamente uguale a quello di vent’anni fa, senza soffrire eccessivamente il salto temporale. Certo, le meccaniche non sono proprio all’avanguardia, anzi sono un po’ legnose, e nonostante l’aggiunta dell’utilizzo della levetta analogica (i veri fan utilizzeranno ancora le frecce direzionali però) è richiesta grande pazienza e buona memoria. Ritmo, attesa, ma al tempo stesso tempismo e buoni riflessi sono la chiave per conseguire il successo in Crash Bandicoot N.Sane Trilogy.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy Screen 4

La difficoltà, soprattutto nel primo capitolo, mette a dura prova anche la pazienza del più tenace gamer. Ci vuole pratica e pazienza, tenendo conto che si parla sempre di una trilogia vecchia di vent’anni. Nell’attesa di una patch che renda i tempi di caricamento meno lunghi e i salti meglio calibrati, al fine di rendere l’esperienza più piacevole e meno frustrante, va notato come la trilogia sia solida, bisognosa di un numero veramente esiguo di ritocchi aggiuntivi. Le poche aggiunte fatte alla serie (oltre la già citata possibilità di usare anche l’analog) coinvolgono Coco e le prove a tempo. Quest’ultime sono state estese anche ai primi due capitoli, aumentando la longevità del titolo, mentre la sorella di Bandicoot potrà essere utilizzata in tutti i livelli (boss esclusi). Non si tratta di un’aggiunta significativa, poiché usare Coco non porta vantaggi o svantaggi, ma di una semplice differenza dell’esperienza di gioco. Per quanto riguarda il comparto sonoro, il doppiaggio italiano è di buona fattura, abbastanza fedele ai dialoghi originali ma meglio interpretati.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy Screen 5La colonna sonora, invece, mostra un notevole avanzamento qualitativo. Le musiche non sono state toccate, ma semplicemente rimasterizzate e potenziate. Le orecchie della vecchia guardia non potranno che trarne godimento. In conclusione, Crash Bandicoot N.Sane Trilogy non va considerato come un semplice remake, ma una riproposizione fedele di un classico. In un’epoca di remastered da quattro soldi, dettati dalla sempre più cavalcata tigre dell’effetto nostalgia, questa collezione segna un solco importante. E’ così che i futuri remake dovranno essere gestiti, ed è questo che chiede il pubblico.

Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>