Follow
Gamepare > Home > Splatoon 2 > Splatoon 2 – Recensione

Splatoon 2 – Recensione

Colorare non è stato mai così divertente.

Nintendo si è sempre dimostrata un passo avanti rispetto agli altri nell’innovare i giochi per la sua console.  Era il lontano 2015 quando durante l’evento E3 presentò Splatoon un gioco che rinnovava il concetto di multiplayer e sparatutto. Questo perché l’obbiettivo primario non era sparare a nemici o avversari, ma colorare completamente il livello con l’aiuto di armi particolari. Il gioco fu molto apprezzato soprattutto perché aveva introdotto un concetto avanzato di multiplayer alla console Nintendo Wii U. Dopo l’uscita di Nintendo Switch, la casa di Kyoto era decisa a riportare i titoli di maggior successo anche sulla nuova console, come è accaduto per Mario Kart 8 Deluxe in versione completa con tutti i DLC su Nintendo Switch. Successivamente è stato annunciato il ritorno dei calamari con Splatoon 2. Questo ha entusiasmato molti fan, con le scorte di Nintendo Switch, specialmente in Giappone, che si sono esaurite pochi giorni dopo l’annuncio.

Splatoon 2 ricalca il vecchio capitolo tornando nelle strade di Coloropoli con il nostro personaggio, in questa città potremo acquistare vestiti per personalizzare il nostro personaggio con un nuovo look tra: scarpe, magliette e cappellini. Girovagando ancora per Coloropoli troveremo un negozio di armi tra cui le classiche rullo splat e lo splatter a carica, ma anche nuove armi come il repolper duplo. Tutti questi oggetti potranno essere acquistati spendendo le monete guadagnate giocando.

Se però pensate che Splatoon 2 sia solo multiplayer, vi sbagliate: come nel precedente capitolo ci troveremo ad affrontare una campagna single player, cercando di scoprire chi abbia rubato il prezioso Pescescossa. Consiglio questa sessione per padroneggiare con i comandi se è la prima volta che giocate a Splatoon. Questo vi permetterà di affrontare vari livelli battendo gli Octariani fino al boss finale, accompagnati da una classica storia che sicuramente vi porterà a scoprire nuove sfaccettature della narrazione. Potete inoltre provare una serie di divertentissime armi forgiate appositamente per introdurvi al multiplayer.

A piazza Coloropoli però le esperienze non sono finite, troveremo anche un’agenzia di collocamento molto particolare, chiamata Ursus & Co. che permette di essere collocato in un nuovo lavoro di squadra chiamato Salmon Run, questa modalità permette di battere i Salmoinoidi rubandogli più uova possibili. Si tratta di una modalità a onde dove arriveranno molti nemici da abbattere in compagnia di max 3 giocatori oppure da soli. Sicuramente questi tipo di gioco è più facile se giocato in compagnia, perché alcuni nemici sono veramente forti. Queste uova potranno essere vendute per acquistare miglioramenti di look e armi nei tanti negozi della piazza. Purtroppo però questa modalità non è sempre attiva, come nella vita reale il lavoro che vi appaltano è part-time e non sempre continuativo.

Splatoon 2 Screenshot

Piazza Coloropoli

Il multiplayer colorato di Splatoon 2

Passando dalla parte centrale della piazza arriveremo ad una specie di ascensore, ed entrando al suo interno si presenterà una schermata su cui scegliere partite PRO o Amichevoli. Questo è il punto di partenza per arrivare alla lobby. Selezionata una modalità potremo attendere l’arrivo dei giocatori, ma senza poter fare praticamente nulla. A differenza del precedente capitolo della serie, infatti, durante l’attesa nella lobby non potremo dilettarci con il piccolo gioco arcade e quindi attendere divertendosi, con un’attesa che a volta pare troppo snervante soprattutto se i giocatori non sono disponibili. Sarebbe potuto essere utile in quel frangente sfogliare le armi disponibili oppure giocare a qualche piccolo gioco arcade.

Una volta entrati nel gioco vi divertirete un casino a colorare il livello o a splattare la squadra avversaria. Chi avesse giocato alla precedente versione su Nintendo Wii U saprà che la mappa era situata sull’altro schermo. In questo caso invece dovremo cliccare sul tasto per visualizzarla stando attendi a non farci splattare, questa è una piccola scomodità però risolvibile con la nuova App Nintendo Switch Online che in futuro ci permetterà di vedere in tempo reale la nostra mappa sullo smartphone. Inoltre questa app ci permette di ordinare oggetti dalla Calama-Zone, condividere l’esperienza con i tuoi amici, e consultare le informazioni sugli scenari. Dal punto di vista dell’utilizzo della chat vocale può sembrare un po’ scomoda in quando i fili possono essere di intralcio, l’altra problematica è che attualmente in questa versione per funzionare correttamente la chat è necessario che l’app resti attiva e lo schermo dello smartphone acceso. Questo è un fattore determinante per dover collegare un ulteriore cavo allo smartphone e ottimizzare così la durata della batteria.

Tornando al gameplay, dovremo maneggiare rulli, fucili a pompa, mitragliatrici, pennelli e secchi, ognuno con potenze di fuoco diverse, a questo si unisce anche la possibilità di un potere speciale che si ricarica mano a mano che coloreremo o splatteremo nemici. Una volta ricaricato potremo usare quel potere per generare vastità di colore. Abbiamo anche diverse armi secondarie tra cui le granate di vario tipo che devasteranno nemici e coloreranno un bel po’ di pareti e pavimenti.

Splatoon 2 Screenshot

Colora il più possibile

Nintendo Switch ha migliorato le richieste di amicizia e, come per le altre console nextgen, visualizzeremo se un amico sta giocando a Splatoon 2, e potremo ora accedere alla loro partita semplicemente cliccandoci sopra. Una volta effettuato l’accesso, il server vi metterà in una squadra o in un’altra in base alle disponibilità. Purtroppo quindi non potremo avere la certezza di essere in squadra con il nostro amico.

Nelle partite PRO invece è necessario collaborare il massimo possibile con i compagni di squadra. In questa modalità di gioco è essenziale utilizzare la chat con l’app Nintendo Switch Online, perché mentre per le partite amichevoli potrete divertirvi anche da soli, nel PRO i risultati sono utili per raccogliere punti e vincere la battaglia, avvicinando quindi l’esperienza alle partite dei tornei eSport.

Tornando a piazza Coloropoli, come in ogni Splatoon che si rispetti potremmo dover partecipare ad uno Splatfest, scegliendo l’argomento che ci piace di più. Se quella squadra vince porteremo a casa premi che ci serviranno per migliorare il nostro look e le armi. Gli Splatfest saranno eventi a cadenza regolare per i prossimi due anni.

Il multiplayer è possibile giocarlo in varie modalità, online con 8 giocatori in varie parti del mondo oppure locale con 8 Nintendo Switch senza bisogno di router, ma utilizzando il Wi-Fi direct.

È possibile inoltre giocare a Splatoon 2 in modalità split in 4 giocatori sulla stessa console: una gradita novità per giocare in compagnia.

Splatoon 2 Screenshot

Splatta l’avversario

Lo Splatter Conclusivo

Splatoon 2 ha un gameplay simile al precedente con molte migliorie e una componente hardware fondamentale, il Nintendo Switch che porta il titolo a sfiorare i 60 FPS. Il comparto tecnico e il suono sono stati creati alla perfezione. La ridefinizione della grafica porta alla pulizia e ad una esperienza maggiore anche in modalità portatile. Le texture più definite e il colore, parte essenziale del gioco, sono caratteristiche che dominano nel titolo portandolo inoltre a toccare i 100p in modalità TV. La localizzazione in italiano è stata ben progettata traducendo le armi, vestiti e personaggi in maniera egregia.

Sicuramente nel gameplay c’è ancora qualcosa da migliorare come tipo l’attesa della lobby, la comunicazione online e l’app Nintendo Switch Online, però in compenso è un titolo che si posiziona bene per la nuova console Nintendo Switch.

Come per il precedente capitolo saranno rilasciati aggiornamenti regolari, senza DLC a pagamento per i prossimi mesi, ampliando il gioco con maggiori livelli e nuove armi.

Dopo Zelda, ARMS e Mario Kart, Splatoon 2 è il 4° titolo Nintendo classificato come Must Have da giocare sulla nuova console Nintendo Switch.

La recensione di Splatoon 2 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>