Inside the gear Inside The Gear – Recensione

Giocare con la forza di gravità non è stato mai così semplice come in Inside The Gear. L’obiettivo è far arrivare la ruota di pietra sul masso “trigger”, e gli unici mezzi a nostra disposizione saranno lastre e cubi di cemento. Questo titolo è un puzzle game puro: come dice la descrizione del gioco, esso presenta una serie di livelli-rompicapo, che non sono collegati da alcun filone narrativo.

Seguendo i 25 livelli a disposizione, dovremo prima posizionare le lastre e i cubi di cemento e poi, semplicemente premendo il tasto enter, la gravità entrerà in gioco permettendovi di portare la ruota di pietra fino alla piattaforma di fine livello.

Inside The Gear_IG9

Un aspetto che lascia perplessi, però, è la scelta da parte degli sviluppatori utilizzare solo il tasti della tastiera invece del mouse. Questi controlli a volte possono essere molto macchinosi, sopratutto nei casi in cui è necessario utilizzare anche il tasto Tab per prendere il controllo di uno dei vari pezzi che dovremo utilizzare nei livelli più avanzati.

Sebbene la scelta dei controlli non sia delle migliori, posizionare i pezzi con questo metodo consente una maggiore precisione millimetrica. La particolarità di questo gioco infatti è anche questo: la precisione.

In ciascun livello non ci sarà una sola possibile soluzione, ma potranno essere seguiti diversi percorsi per arrivare al traguardo.

La nostra creatività ci permetterà quindi di risolvere i 25 livelli, nella speranza poi che in futuro gli sviluppatori ne inseriscano anche altri. È vero infatti che la difficoltà aumenta progressivamente, ma è anche vero che è possibile terminare il gioco nel giro di qualche ora.

Inside The Gear_IG7

La grafica del gioco è rilassante, e come scenografia nei livelli sono presenti alcuni ingranaggi in movimento, che non interferiscono con la ricerca della soluzione del livello. La grafica 3D poi dà un tocco di eleganza sia ai titoli che agli oggetti. Manca però un tocco di colore in più, in quanto alla lunga l’onnipresente colore rosso tende a stufare.

Per riassumere, questo titolo è un divertente e insolito puzzle game che sfida le leggi gravitazionali e ci terrà incollati per ore alla ricerca di una soluzione.


Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2491 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*