Follow
Gamepare > Home > Tales from the Borderlands EP.1 Zer0 Sum > Tales from the Borderlands EP.1 Zer0 Sum – Recensione

Tales from the Borderlands EP.1 Zer0 Sum Recensione

Una nuova avventura basata su Borderlands, nella quale i due protagonisti Rhys e Fiona, catturati da un misterioso samurari robot, raccontano individualmente la loro storia e come sono arrivati a quel punto. Fin qui tutto chiaro, se non che ognuno di loro la racconterà in modo diverso alcune vicende, con colpi di scena e strane successioni di eventi. La Telltale ha voluto raccontare gli eventi successivi ai fatti di Borderlands 2, proseguendo con questa avventura punta e clicca la storia di questo mondo.

Ma chi sono realmente questi due protagonisti?

Rhys, speranzoso di ottenere una promozione in Hyperion, scopre che il suo ex capo è stato sostituito da Vasquez, che lo declassa a custode. Vasquez chiede a Rhys e Vaughn di recarsi su un pianeta interessante per un potenziale profitto, così i due arrivano su Pandora, e dopo essersi abituati alla violenza dilagante, incontrano i concessionari del contratto, August e Sasha, che commerciano le Key Vault. Ma qui scoprono che le Key sono false.

Qui inizia l’avventura in stile punta e clicca, con una fase in cui ogni animazione scorre veloce e il giocatore dovrà eseguire in breve tempo le azioni richieste a video, altrimenti si andrà in gameover.

TALES FROM THE BORDERLANDS tales_rhysfiona

Oltre a decidere le azioni da compiere, dovremo selezionare i dialoghi opportuni per proseguire al meglio con la storia. I dialoghi sono ben strutturati e divertenti e possono far passare molte ore di gioco di divertimento.

Ci sono alcuni aspetti del gioco che possono essere appresi pienamente solo giocandolo, e non verranno spiegati in questa recensione per evitare spoiler di punti focali del gioco. Vi assicuriamo comunque che gli sviluppatori della Telltale sono riusciti anche questa volta a far rivivere il genere punta e clicca, in questa avventura grafica tratta dal gioco Borderlands.

Sicuramente non mancano i colpi di scena che saranno alquanto avventurosi, e in alcuni frangenti anche piuttosto spaventosi.

TALES FROM THE BORDERLANDS_loaderbot-v2

Ci troveremo comunque a seguire le due storie, di Rhys e Fiona, fino al loro incontro, scoprendo come e perché le loro strade si sono incrociate.

Il problema principale risiede comunque nella localizzazione ufficiale in Italiano che attualmente non è presente, anche se alcuni ragazzi stanno già lavorando ad una traduzione non ufficiale del gioco, come è successo già per i precedenti giochi della Telltale.

Continuando con il gioco, lo stile cartoon applicato alla grafica del gioco, gli ambienti e persino i dialoghi rendono il l’esperienza di gioco molto curata nei dettagli e visivamente completa. Il doppiaggio non è affatto male e ci renderemo presto conto della presenza di alcuni dialoghi in cui il livello è davvero professionale.

Il sonoro completamente azzeccato e gli effetti visivi danno al titolo una longevità che darà al videogiocatore la voglia di continuare a giocare senza fermarsi un solo momento.

Che dire, questo primo episodio sicuramente ha tutti i presupposti per essere giocato anche senza conoscere la precedente storia di Borderlands. Sia che siate fan della serie o che le avventure punta e clicca siano il vostro pane, questo gioco sicuramente non deluderà le aspettative.

Nell’attesa che esca il secondo capitolo della serie potete acquistare il primo sulle piattaforme PC, Xbox 360, Xbox One, PS3 e PS4.

Positivo
  • Ottima avventura grafica
  • Ottimo doppiaggio inglese
Negativo
  • Mancanza della localizzazione in Italiano
7.7
Buono
Grafica - 8
Giocabilità - 8
Longevità - 7
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>