Guilty Gear Strive – Recensione

Guilty Gear Strive - Recensione - Copertina

Guilty Gear Strive è l’ultimo uscito della serie di picchiaduro 2D nata dalla mente di Daisuke Ishiwatari e sviluppata da Arc System Works.

Il primo Guilty Gear è stato rilasciato nel 1998 e i punti cardinali che lo hanno definito sono uno stile grafico che punta a ricordare gli Anime giapponesi, forte ispirazione dal mondo del rock e metal e un combat system veloce che lascia grande libertà al giocatore.

Ogni titolo della serie ha rispettato questi cardini e anche se lungo il percorso abbiamo visto alcuni passi falsi piuttosto bizzarri, la serie è andata sempre in crescendo e ora, grazie anche al successo ottenuto da Dragon Ball Fighterz che ha accresciuto non poco la notorietà di Arc System Works, siamo davanti ad un titolo che ha potuto raggiungere una vastità di pubblico mai conosciuta prima dalla serie.

Smell of the game

Guilty Gear è una serie famigerata per la complessità e profondità dei propri giochi, e Strive ha puntato molto sul migliorare l’accessibilità agli aspetti più complessi e in questo è riuscito quasi alla perfezione.

Rispetto ai predecessori è decisamente più semplice e questo in un primo momento ha spaventato gli appassionati di vecchia data, ma stick alla mano questa semplicità non si traduce anche in mancanza di profondità: anzi, non ci si può mai adagiare sugli allori perché qualcosa di nuovo da scoprire e imparare è sempre dietro l’angolo.

Ad aiutare il processo di apprendimento c’è un’ottima modalità missioni che spiega a fondo molti aspetti che potrebbero risultare piuttosto difficili da afferrare anche per un appassionato del genere picchiaduro. Ottimo come queste spiegazioni riescano ad essere sia intuitive che efficaci.
Qualche accortezza in più devo però dire sarebbe stata gradita, in particolar modo un indicatore che renda più chiaro il tempismo con cui compiere determinate azioni non proprio facili da eseguire; si tratta però di piccole macchie che non danneggiano la fruibilità del gioco.

Il gameplay come detto è quindi più accessibile ma non per questo meno profondo, a fare da cardine in tutto questo c’è il nuovo sistema dei Roman Cancel, classica meccanica della serie.
Questa capacità speciale disponibile a tutti i personaggi permette di cancellare qualsiasi mossa durante un qualsiasi punto della sua animazione, dando vita ad un grado di libertà e creatività unico. Il nuovo sistema è sia più semplice per i novellini che estremamente articolato per coloro che vogliono comprenderne ogni singolo dettaglio e già masticano la serie da anni.

Le modalità di gioco non sono moltissime e riflettono per lo più le classiche modalità viste di solito nei picchiaduro, ma son tutte eseguite in modo ottimo.
In particolare la storia è ancora una volta raccontata in stile anime, e sono completamente assenti scontri di qualunque tipo, in modo da potersi concentrare sulla pura narrazione.
In sostanza, assieme al gioco avete una nuova stagione dell’anime di Guilty Gear della durata di circa quattro ore.
Un piccolo scoglio per i neofiti però lo potremmo trovare proprio in questa innocente modalità perché, per chi non lo sapesse, la trama di Guilty Gear è decisamente articolata e piena di scenari e colpi di scena veramente fuori di testa.
Non fatevi però scoraggiare, se ne siete interessati vale la pena cercare di rimettersi al passo e conoscere l’interezza dei fatti.

Heaven or Hell

Il comparto online di Guilty Gear Strive merita una sezione tutta sua.

La struttura in cui sono organizzate le lobby per il gioco classificato è decisamente originale. Molti hanno espresso diversi dubbi durante la beta, ma devo dire che personalmente trovo davvero piacevole questa impostazione.
Come sempre bisogna avvicinarsi ad una stazione apposita per il combattimento e attendere che il secondo posto venga occupato da un altro giocatore, o andare direttamente in una stazione con un giocatore in attesa; appena entrambi i giocatori sono pronti parte la sfida.

Trovo che uno dei pregi della lobby sia anche una certa riduzione del tasso di sale generato rispetto ad una controparte più tradizionale in cui gli incontri si susseguono in automatico. Se volete veramente sfidare qualcuno all’ultimo sangue potete inseguirlo per tutta la stanza, mentre se invece proprio non sopportate un certo personaggio potete andarvene, cercare un nuovo avversario e non tornare dai giocatori che presentano l’icona che tanto detestate.

C’è molta gente nelle lobby e le attese tendono ad essere brevi, bisognerà vedere quanto rimane alta la popolazione online del gioco andando avanti nei mesi, ma son fiducioso che con la vastità della playerbase che si sta creando potremo continuare a trovare partite facilmente.

Più si vince più si sale nella struttura a torre delle lobby, con i nomi di ogni piano sono ispirati a canzoni rock e metal: un’altra piccola chicca che aggiunge sapore al gioco. I giocatori più in alto non possono scendere nei piani bassi, lasciando libertà agli inesperti di imparare il gioco fra loro, mentre chi è assegnato ad un piano più basso può salire a proprio piacimento alla ricerca di sfide più ardue. Non sono completamente convinto che questa scelta riuscirà in futuro a prevenire la difficoltà nel trovare incontri che spesso si ha nei picchiaduro vecchi di qualche anno, ma è un bel tentativo.

Ultimo ma non ultimo, il rollback netcode implementato in Guilty Gear Strive è fenomenale. Permette di giocare online senza praticamente alcun problema di lag ed è ciò di cui ogni picchiaduro moderno ha bisogno per poter permettere ai giocatori di rimanere a lungo e non fuggire dopo il primo mese di innamoramento.
Arc System Works ha fatto veramente un ottimo lavoro a riguardo e molti dovranno mantenere alta la barra del netcode se voglio avere una chance di competere.

Qualche lato negativo purtroppo al momento c’è: i server di Arc System Works probabilmente non erano pronti alla mole di giocatori che è arrivata, questo causa un po’ di lentezza nella connessione iniziale, e alcuni problemi a avviare le partite nelle lobby sia pubbliche che private. Personalmente non ho trovato queste due macchie un vero problema, ma sono fastidi che vanno assolutamente sistemati per il bene del gioco a lungo termine.

Let’s Rock!

Il comparto grafico è ancora una volta fenomenale. Stupendo sotto ogni punto di vista e in grado di rendere al meglio anche su macchine non eccelse.

Lo stile è al solito molto anime ed è comprensibile che chi non ama questo genere artistico non ne sia attratto, ma se anche solo lo digerite Guilty Gear Strive è una chicca per gli occhi.

Le animazioni sono incentrate su key-frames molto forti e netti, rendendo il tutto non solo molto bello e dinamico ma anche riconoscibile e facile da seguire, tutti fattori chiave in un picchiaduro.

La modalità storia offre poi un livello grafico altissimo e può essere considerata come un anime a tutti gli effetti.

Anche i vari menù sono belli da vedere e facili da navigare, con tutte le voci di facile lettura e comode da raggiungere.

Lo stile delle lobby si discosta un po’ da tutto questo, ma trovo lo stile in pixel art molto ben riuscito e gli omini che rappresentano i giocatori hanno un loro charme e sono piacevoli da customizzare.

Anche il reparto audio è assolutamente eccelso e anche questo è sempre stato un fiore all’occhiello della serie.

Gli effetti sonori son tutti ottimi, ben riconoscibili, memorabili e soddisfacenti all’orecchio. Aiutano in modo ottimo ad accompagnare qualsiasi azione del giocatore, che sia la navigazione nel menù o una combo.

Anche le musiche non deludono affatto, sono per la maggioranza molto ben riuscite e anche se prima del lancio avevo riserve sul fatto che ogni traccia legata ai combattimenti abbia una parte cantata, il tutto si è rivelato di ottima qualità ancora una volta.

Certo deve piacervi lo stile rockettaro spinto che il gioco ricerca, ma se è nelle vostre corde avete davanti una colonna sonora ottima che vale la pena di essere ascoltata anche mentre non state giocando.

Personalmente continuo a preferire alcune tracce dei vecchi giochi senza la voce a cantare, ma questo non è affatto un problema perché è possibile sbloccare un numero vastissimo di tracce dai precedenti Guilty Gear grazie al minigioco della pesca, per poi assegnarle agli scenari a proprio piacimento.

Nel complesso la presentazione del gioco è non solo ben studiata e coesa, ma eccelsa in ogni sua piccola parte andando a creare un risultato finale che è un piacere per i sensi.

Anche i personaggi contribuiscono a questo: sono tutti molto originali e presentano una gran varietà di opzioni così che chiunque possa trovarne uno che risuona con il proprio gusto.
Ognuno di essi ha stile da vendere ed è normale aspettarselo da questa serie, ma devo dire che alcuni design sono stati ulteriormente migliorati dalle versioni passate, ottenendo ancor più carisma. Il personaggio che reputo maggiormente migliorato di giochi passati è Ky, ma di certo non è l’unico.

Slash!

Guilty Gear Strive è un ottimo gioco non solo per approcciarsi a questa storica serie, ma anche per avvicinarsi ai picchiaduro in generale. Molto accogliente per i neofiti ma con una profondità in grado di catturare per anni qualsiasi appassionato. Il netcode è la ciliegina sulla torta che permette di giocare online con tranquillità e fare esperienza senza doversi sorbire chili di lag.
Graficamente impeccabile e piuttosto leggero anche su macchine non recentissime, accompagna il tutto con una colonna sonora fenomenale.

Guilty Gear Strive
8.7 / 10 Recensione
Gameplay9
Grafica9
Longevità8
Pro
  • Gameplay accessibile ed estremamente profondo
  • Comparto artistico accattivante e avvolgente
  • Netcode sopraffino
Contro
  • Le lobby hanno alcuni problemi scoccianti
  • Ci vuole un bel po' per connettersi al server
  • Bilanciamento migliorabile
Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 80 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*