Chernobylite – Un indie che ha molto da insegnare ai tripla A – Recensione

Chernobylite, titolo in early acces che vedrà la sua release definitiva questo 28 luglio è molto di più di un normale indie. È un’esperienza survival horror con elementi di esplorazione, crafting e gestione delle risorse che riesce a implementare in maniera eccelsa anche una superba storia fantascientifica con una narrazione non lineare, in cui ogni nostra scelta potrà avere ripercussioni non solo nell’immediato ma anche a distanza di ore di gioco, arrivando persino a modificare le missioni e gli eventi disponibili.

Caratteristiche principali 

Graficamente solido, nonostante uno stile grafico fotorealistico e sicuramente non tra i più leggeri, basato su Unreal Engine 4, questo titolo riesce alla perfezione a catturare la desolazione e la natura dell’area circostante la centrale di Chernobyl, aggiungendo elementi fantastici ma pienamente in sintonia con l’ambiente. L’atmosfera horror e la tensione sono sempre al massimo grazie anche alle colonne sonore sempre presenti ma mai invadenti.

Si giocherà nei panni di Igor, un fisico sopravvissuto al disastro della centrale che è sulle tracce dell’amata scomparsa misteriosamente durante l’incidente anni prima. Mentre vengono alla luce indizi e si tenta di sopravvivere alle avversità della zona, ci si ritroverà coinvolti in una cospirazione più grande di quanto ci si aspettava, con al centro una misteriosa pietra scoperta a seguito delle forti emissioni radioattive: la chernobylite. Non saremo soli nella nostra ricerca: i nostri compagni sono la chiave per sopravvivere, trovare contatti e formare un team affiatato. Dovremo prenderci cura di loro e venire incontro alle loro esigenze, altrimenti si correrà il rischio che questi abbandonino la squadra. Questo non sarà un bene, considerati i preparativi necessari per la missione finale.

La base va costruita facendo attenzione a non eccedere: bisogna dare pari importanza sia agli strumenti di costruzione che al comfort dei compagni. Tenere d’occhio la qualità dell’aria e la difesa dalle radiazioni è fondamentale per incorrere in spiacevoli effetti sulla salute psichica e mentale.

Chernobylite consente di giocare seguendo le proprie regole e con il proprio stile: preferisci l’approccio furtivo o fare una carneficina? La scelta spetta a te. Preferisci lanciarti diretto verso il tuo bersaglio o esplorare con calma tutta la mappa prima di dirigerti all’obiettivo? Adegua di conseguenza il tuo equipaggiamento. Niente viene imposto dal gioco, e tutto è nelle mani del giocatore.

Infine, Chernobylite presenta un sistema di esperienza e gestione dei dialoghi che si avvicina molto a quello dei migliori GDR e un sistema di personalizzazione delle armi che, potrà rendere felici i fanatici della balistica.

Conclusione

Nonostante l’incredibile mix di generi e caratteristiche proposte dal titolo, gli sviluppatori sono riusciti a equilibrare tutti gli elementi in maniera certosina, senza eccessi nè squilibri, creando un’armonia davvero ammirevole. Quasi privo di difetti e con una longevità che si aggira attorno alle 25 ore (e a un prezzo più che contenuto per un titolo di questa qualità) Chernobylite potrebbe davvero essere uno dei migliori titoli dell’anno, sia del panorama indie che in generale.

Chernobylite
8.7 / 10 Recensione
Gameplay9
Grafica8.5
Longevità8.5
Pro
  • Trama e narrazione davvero coinvolgenti
  • Tecnicamente solido e con un perfetto mix tra generi
  • Molti tripla A dovrebbero imparare dalla missione finale
Contro
  • Un po' criptico in alcuni punti
  • Per il momento poca personalizzazione del rifugio
  • Purtroppo è ancora troppo poco conosciuto
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 17 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*