CD Projekt RED, la Polonia alla conquista dei GDR

Manca poco ormai al lancio dell’attesissimo Cyberpunk 2077, l’ultima fatica del talentuoso team polacco, che punta a spaccare in due l’industria dei videogiochi con un’opera frutto di numerosi anni di sviluppo e di date di pubblicazione rinviate.
CD Projekt RED è la software house che si è occupata dello sviluppo, forte del successo di The Witcher 3 pubblicato nel 2015 e vincitore del game of the year nel medesimo anno. Ma come nasce il team di sviluppo che si è nel corso degli anni guadagnato la stima di milioni di giocatori con GDR di fattura eccelsa? Scopriamolo in questo articolo che andrà a ripercorrere la time line del team baltico dalle sue origini alla rivalsa con la serie dei The Witcher.

Le Origini

CD Projekt Red nasce nel 2002 come settore dedito allo sviluppo di videogiochi di CD Projekt.
Il primo videogioco in sviluppo si basò sulle avventure dello strigo Geralt di Rivia, raccontate dall’autore
Andrzej Sapkowski, avventure che avrebbero poi preso il nome di The Witcher.

The Witcher, budget e personale ridotto non sono un limite

Figlio dello sviluppo di 120 persone, il primo capitolo dell’omonima saga dal budget molto limitato, circa cinque milioni di euro, venne inizialmente presentato a Lipsia e poi all’ E3 del 2007. Riceverà una grande approvazione da critica e pubblico vendendo un numero di copie decisamente superiore alle aspettative.
Proprio durante il periodo di successo che stava travolgendo gli sviluppatori, quest’ultimi annunciarono i lavori su un nuovo videogioco intitolato “They”, uno sparatutto in prima persona. Purtroppo però il progetto verrà poi accantonato per concentrare tutte le risorse sul seguito di The Witcher.

Stand CD Progekt RED all’E3 del 2004
Stand CD Progekt RED all’E3 del 2004

The Witcher 2, la pirateria ne compromette le vendite

Dopo l’ottimo lavoro svolto per il primo capitolo, i talentuosi sviluppatori iniziano i lavori su The Witcher 2: Assassins of Kings, pubblicato nel 2011. Il titolo ai tempi ricevette ancora una volta la totale approvazione di critica e pubblico, confermando la software house una delle più promettenti attualmente sul mercato. Esso apportò tra le novità un nuovo motore grafico molto performante, il REDengine, un sistema di combattimento più fluido, impegnativo e animazioni realizzate in motion capture. Ma qualcosa smorzò l’entusiasmo e le vendite molto positive, perché il gioco fu uno dei più piratati del periodo nonostante CD Projekt avesse scelto un sistema anti pirateria abbastanza collaudato: il secuROM. Da allora si optò per una politica DRM free perché la software house pensava che essi rappresentassero solo un’inutile complicazione.

The witcher 2 REDengine
Il REDengine fu decisamente un passo in avanti grafico

The Witcher 3: una pietra miliare dei GDR

Annunciato nel 2013, The Witcher 3 è un nuovo videogioco dalle tinte fantasy che abbiamo imparato ad amare nel corso degli anni, costato 4 anni di sviluppo e ben 81 milioni di euro. Pubblicato nel 2015 per PS4, Xbox One e PC rappresentò uno dei punti più alti per il genere videoludico, arrivando a vincere più di 800 premi e a vendere sei milioni di copie nel primo mese d’uscita. Vinse il game of the year 2015 e successivamente venne arricchito di ben due espansioni: Heart of Stone e Blood and Wine. Entrambe le espansioni (dalla qualità indiscutibile) aggiungevano al prodotto diverse ore di longevità, nuove quest e nuovi mostri.

Cyberpunk 2077: se ci metti Keanu Reeves hai vinto

Annunciato nel 2012, entrato in pieno sviluppo dal 2015, Cyberpunk 2077 si appresta ad essere un nuovo punto di riferimento del genere GDR. Si distacca dalle ambientazioni di The Witcher per abbracciare tematiche fantascientifiche e sci-fi. Narrerà le avventure di un trafficante che proverà a farsi strada in Night City, ambientazione principale delle avventure di V. Cyberpunk 2077 che è stato protagonista anche di una splendida presentazione nel corso dello showcase di Xbox all’E3 del 2019, in cui Keanu Reeves che, in seguito ad un trailer, ha rivelato la sua presenza come NPC nel videogioco.

script di Cyberpunk 2077
L’enorme script di Cyberpunk 2077, non vorremo essere nei panni dei doppiatori!

Si conclude il throwback nella storia di CD Projekt RED, fatta di tanti successi e di videogiochi indimenticabili, lo sarà anche Cyberpunk 2077? Beh di sicuro i presupposti ci sono tutti.
Vi ricordiamo che Cyberpunk 2077 è atteso per il 10 dicembre dell’anno corrente, non vediamo l’ora di metterci le mani sopra!

Informazioni su Giovanni Paciolla (Agonia) 4 Articoli
Troppo giovane per l'era dei cabinati, faccio parte della nuova generazione di videogiocatori. Da quando ho posato le mani sul..."particolare" controller del Nintendo 64, i miei polpastrelli hanno attraversato diverse generazioni di avventure videoludiche, e non sembrano volersi fermare.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*