Call of Duty: Modern Warfare – Recensione

Call of Duty Modern Warfare recensione

Call of Duty: Modern Warfare non è un remake, ne un reboot, ne una remastered.
Ma allora cos’è? Proseguiamo nel leggere questa recensione e lo scopriremo presto.

Beh, potremmo definirlo impropriamente un punto zero. Una nuova partenza, dato anche che probabilmente l’anno prossimo avremo già un CoD su PlayStation 5.
Chiariamoci, in termini di numeri di vendita Call of Duty non è mai stato in difficoltà, e come potrebbe? Stiamo parlando di un prodotto di punta, una saga pluridecennale e un vero blockbuster dei videogiochi moderni.
Eppure, si chiedeva una forte spinta nelle vendite, e data la community sempre molto esigente, che vuole di più e chiede di meglio, va riconosciuto agli sviluppatori l’impegno nel cercare di accontentare quanto più possibile la propria utenza. Certo, ci sarà sempre una fetta che si lamenterà, ma in linea generale, l’accoglienza è stata molto buona.
Quest’anno, a sviluppare uno tra i più celebri franchise di guerra, ci ha pensato Infinity Ward, che lo scorso 25 ottobre ha distribuito il gioco per PlayStation 4, Xbox One e PC.

 

Come detto in precedenza, non si tratta di un reboot, ma nonostante ciò, la campagna spolvera una nostra vecchia conoscenza, il Capitano John Price.
Stiamo parlando di uno dei personaggi più iconici, se non quello più, celebre in assoluto, una mossa necessaria data la qualità un po’ calante delle ultime campagne (a mio avviso, mai in grado di pareggiare le vette dell’originale Modern Warfare e Black Ops 1 e 2).
Non è che si possa fare tanto nelle campagne di Call of Duty, la storia è sempre quella. C’è un cattivone, nemico della democrazia e della libertà, con il suo esercito, un piano folle e magari con paio di armi di distruzioni di massa. E poi ci sono i buoni, americani quasi sempre, che girano per il mondo a liberarlo dal male.
Con queste premesse, è ovvio che la trama sia sempre un po’ imprigionata in questo corridoio. Eppure quest’anno, Call of Duty tenta di stupirci, fornendoci una profondità dei personaggi forse mai così tanto sviluppati dai tempi di Mason, e una narrazione con qualche colpo di scena in più.
Senza spoilerare troppo, la storia ruota intorno a Price e la sua squadra, inviata nelle zone più calde del pianeta a dare la caccia allo spietato Generale russo Roman Barkov, intenzionato a lavare via con il sangue la minaccia del terrorismo in medio oriente (insomma, “buoni” intenti con pessime attuazioni).
Una storia un po’ troppo russofobica (perdonate l’orribile termine), forse in linea con i recenti scandali che hanno coinvolto la Russia con il resto del mondo, volta quindi a cavalcare quest’onda e gettare altro discredito sul paese europeo. La community ha percepito tale direzione, e non l’ha così tanto digerita, arrivando a penalizzare pesantemente la Campagna su Metacritic (la media negativa attualmente è tre volte superiore ai pareri positivi).
La longevità non è delle più lunghe, circa 5-7 ore, ma abbastanza in linea con la media della saga.

Call of Duty Modern Warfare recensione

Inoltre in Call of Duty: Modern Warfare possiamo trovare l’interessante modalità Spec Ops, che allunga la Campagna.
In questa modalità impersoneremo i soldati della task force di Price, impegnati in particolari operazioni di raid da svolgere in co-op online.
All’inizio verrà proposto di scegliere una particolare classe di equipaggiamenti, che però si rivelerà abbastanza inutile ai fini del completamento. In effetti, non vi è una necessaria componente ruolistica nel perseguire gli obiettivi di Spec Ops, data anche la natura basilare e poco ispirata delle missioni (vere e proprie mappe vuote, infarcite di bot dallo spawn senza fine, cui unico scopo e rallentare la nostra missione).
Più interessante è invece la modalità Spec Ops Survival, modalità esclusiva per PS4 fino a ottobre 2020.
Si affrontano sempre orde di nemici, gestendo al meglio gli equipaggiamenti disponibili, sfruttando i drop e organizzando trappole. La varietà di mappe include anche alcune prese dalla campagna, e ci vorrà del tempo prima di padroneggiare ogni angolo e tendere l’imboscata migliore.
Una soluzione che di certo gasa gli utenti Sony, e sconforta tutti gli altri.

Passiamo ora al multiplayer, che più interessa alla fanbase di CoD.
Apre la strada lo Scontro 2v2.
Come intuito dal nome, ci si sfida in due squadre da due giocatori, all’interno di piccole mappe. Vince chi sopravvive o chi conquista la bandiera (i round valgono 1 punto, e vince il team che arriva per primo a 6 punti). Unico deficit, il non poter scegliere l’equipaggiamento, che però livella completamente la partenza tra giocatori, proponendo randomicamente le classi che saranno consegnate a tutti i giocatori.
Una buona modalità, divertente, veloce e soprattutto premiante (vince l’astuto e il paziente).

Call of Duty Modern Warfare screenshot recensione 2

Segue, chiaramente, il classico multiplayer, composto da Deathmatch, Dominio, Uccisione Confermata, Tutti contro Tutti e soprattutto Guerra Terrestre. Ground War propone una mappa su vasta sala per addirittura 64 giocatori, con grattacieli e mezzi di trasporto disponibili (come elicotteri o quad). Molto interessante, anche se già vista su titoli concorrenti, e che sta dividendo equamente la critica dei giocatori. Infatti, questa modalità sembra essere il paradiso dei camper, arroccati sui grattacieli con il fucile di precisione, a fare le loro kill streaks. Difficilmente li potrete abbattere da terra, e questo si trasforma in un risultato frustrante per una buona fetta di giocatori. Le stesse partite ad Uccisione Confermata terminano troppo spesso con punteggi bassissimi, proprio perché nessuno va a raccogliere le piastrine.
Gli stessi punti di spawn al momento necessiterebbero di una sistematina. Ad esempio, si può ricomparire vicino ad un amico…magari nel mezzo della battaglia, e morire immediatamente!
Tra i cambiamenti più criticati, segnaliamo anche l’assenza del prestigio (sostituito dal “livello”) per le armi e di alcune modifiche alla minimappa. Sembrerebbe che gli sviluppatori stiano tornando alla minimappa classica, dopo che, tra le altre critiche, non comparissero gli avversari limitrofi mentre sparavano.
Punti di forza sono invece le pressoché infinite configurazioni delle armi, con combinazioni forse mai così numerose nella storia del franchise, e il fatto che tutti i DLC saranno completamente gratuiti.

In Call of Duty: Modern Warfare a conti fatti, i difetti non ci sembrano così insormontabili, e il multiplayer si è confermato solido come al solito. Lasciamo ai videogiocatori la libertà di trarre le proprie conclusioni sulle mappe, ma siamo sicuri che la loro soddisfazione generale non mancherà.
Va dato atto a Infinity Ward di aver provato ad innovarsi, nonostante l’ormai imminente calo di PlayStation 4 (versione che abbiamo provato) e la propensione a sviluppare IP per la quinta versione di questa console.
Il comparto grafico e audio si supera, anche grazie ai cinque anni di sviluppo dedicati dalla casa di produzione.
Pensionato l’ormai quindicenne IW engine, il nuovo motore di gioco ci mostra un’immagine più pulita, a limiti del fotorealismo, e i movimenti più naturali di soldati e armi (la sensazione sarà di avere davvero una vera arma in mano). Certo, difficile accorgersene durante la frenesia dell’online, ma consigliamo di perdersi nei particolari durante la Campagna.
Ineccepibile l’audio in game, cui segnaliamo per il sempre impeccabile doppiaggio italiano e una cura nei rumori circostanti, come passi e spari. Da provare con le cuffie!

Call of Duty Modern Warfare screenshot recensione 5
Una partenza oltremodo incoraggiante quest’anno, anche se forse troppo orientata ai nuovi fan, che costringerà lo zoccolo duro ad adattarsi alle ultime novità.

Call of Duty: Modern Warfare
8.5 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica8.5
Longevità8.5
Pro
  • La Campagna convince ed emoziona, anche se forse dura troppo poco
  • Grafica eccezionale, grazie al nuovo motore sviluppato negli ultimi cinque anni
  • Audio maestoso, anche nel multiplayer
  • Personalizzazione estrema delle armi
  • DLC gratuiti
Contro
  • Le novità potrebbero non piacere a tutti
  • Troppi camper
  • Alcune mappe un po’ pigre
  • Spec Ops poco avvincente
  • Nonostante gli sforzi, resta sempre la solita minestra. Più gustosa, con ingredienti nuovi, ma sempre la solita minestra…

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 157 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*