Blizzcon 2019: Non è mai troppo tardi per un riassunto!

Blizzcon 2019 logo

La conferenza annuale Blizzcon 2019 si è tenuta lo scorso weekend, 1 e 2 Novembre al Anaheim Convention Center, in California.

Abbiamo avuto molti annunci interessanti, interessanti vittorie nel panorama eSport e solo pochi capitomboli lungo il tragitto.
In realtà un solo capitombolo, che ci leveremo subito in quanto è ciò che ha aperto la conferenza.

Prima di cominciare a mostrare i trailer e gameplay dei giochi ed espansioni in arrivo nel panorama Blizzard, il presidente della compagnia, J. Allen Brack, è salito sul palco per prostrarsi in scuse coi fan a causa dei recenti eventi scottanti legati ad un evento di Hearthstone, l’acclamato gioco di carte.

Il vincitore dell’evento in questione, Blitzchung, si è espresso in posizioni politiche che toccano una faccenda molto delicata e si è visto arrivare una grossa punizione da parte della casa proprietaria del gioco di carte.
La punizione è stata in seguito ridotta, sebbene sia rimasta piuttosto dura e anche se non nominando la faccenda è abbastanza chiaro che il presidente di Blizzard si riferisse in special modo a questa vicenda nelle sue scuse.
Scuse che tuttavia sono parse prive di sostanza e niente di cui andar fieri, per alcuni anche una mossa con la quale dare uno specchietto alle allodole e sperare che l’opinione pubblica si dimentichi della faccenda.
Personalmente trovo la faccenda molto complessa e sebbene Blizzard abbia agito in modo molto brusco, probabilmente pure troppo brusco, bisogna riconoscere che è difficile affrontare una questione di questo genere in modo pulito e rispettoso per tutte le parti coinvolte pur mantenendo l’autorità che ci si aspetta dalla compagnia dietro ad eventi eSport così importanti.

Comunque rimandiamo la questione ad altri lidi, ora è il momento di entrare nel vivo di ciò che ci è stato mostrato al Blizzcon 2019.

Diablo 4

Diablo 4 Logo

Partiamo col botto, al Blizzcon 2019, Diablo 4 si annuncia al pubblico con un trailer estremamente cinematografico dalla qualità ottima e che lascia i fan col fiato sospeso.
Se le cutscenes e la storyline del gioco rispettano le aspettative gettate dal filmato siamo decisamente di fronte ad un qualcosa di mai visto nella serie, che comunque già in passato soddisfaceva in questi due settori.
Il titolo promette di essere più duro e cattivo del precedente, tornando un po’ alle origini crudeli che hanno definito Diablo in passato. Nessuna vittoria sarà scontata e ogni nemico sarà pronto a prendersi la nostra pelle.
Graficamente abbiamo visto un’ottima evoluzione di qualcosa stilisticamente molto simile a Diablo 3, ma con ambientazioni differenti, a loro modo più grottesche e spaventose che possono ricordare maggiormente il secondo capitolo della saga.

La chicca che apparentemente ci aspetta è la possibilità di incontrare altri gruppi di giocatori durante le nostre avventure e con questi potremo collaborare per superare aree troppo toste o sconfiggere nemici più difficili oppure affrontarli in scontri PvP per tenersi tutto il prezioso loot per sé.
Una meccanica indubbiamente interessante che ricorda in qualche modo quanto già visto nei vari Souls.

È Presto per parlare di gameplay, ovviamente, ma quanto visto dai trailer appare sufficientemente convincente e difficilmente deluderà i fan del terzo capitolo, più difficile sapere se riuscirà davvero a ricatturare quel tipo di gioco tanto caro agli appassionati di più vecchia data.

Overwatch 2

Overwatch 2

Questo titolo è un azzardo ma anche un colpo di genio per la compagnia statunitense, un sequel la cui componente PvP è accessibile a tutti coloro che hanno già acquistato il primo Overwatch. Quindi… un’espansione? Potremmo vederla in questo senso in effetti e non sarebbe sbagliato, apparentemente i due titoli condivideranno l’esperienza competitiva, ma la seconda iterazione dell’FPS a squadre di Blizzard avrà una massiccia componente PvE di cui si sente la mancanza da tempo.

I personaggi di Overwatch sono decisamente interessanti e vederli vivere solo attraverso filmati cinematici rilasciati ogni tanto è un verso peccato. Finalmente si potrà prendere i panni di questi eroi in modalità storia e cooperative ben più massicce di quanto già visto in precendenza.

I personaggi avranno anche accesso a speciali talenti per personalizzare il proprio stile di gioco e affrontare sfide più ardue, ma questo resterà relegato alla componente cooperativa non rischiando quindi di andare ad intaccare un lato competitivo del titolo che funziona e sta avendo successo.

Ogni eroe riceverà un leggero re-design e avremo dal lancio due new entry in Sojourn ed Echo, la prima una canadese apparentemente DPS e la seconda un robot già visto nelle cinematic assieme a McCree, presumibilmente un Healer.

Il gioco è ancora in una fase embrionale dello sviluppo e ci vorrà tempo prima di avere una data di uscita.

World of Warcraft: Shadowlands

Sempre al Blizzcon 2019 è stata presentata la nuova espansione del popolare mmorpg approfondirà le Shadowlands, l’aldilà del mondo di Azeroth.

I personaggi dovranno stringere alleanze con le diverse fazioni che regnano su questo mondo, in modo da ristabilirne l’equilibrio e avranno anche l’occasione di incontrare alcune vecchie glorie della serie, uscite di scena per le ovvie ragioni che ora li rendono presenti.

Oltre a questo l’espansione offre nuovi elementi di gameplay, la Torre dei Dannati prende spunto dal genere roguelike puntando ad offrire grande rigiocabilità. Si affronteranno quindi aree sempre diverse, con scontri e ostacoli variabili ogni volta che si esplora la torre, ad ogni esplorazione di successo si avranno le classiche ricompense in oro e oggetti.
Una modalità interessante che è inedita non solo per World of Warcraft, ma anche per il genere stesso degli mmorpg.

Blizzard promette inoltre nuove opzioni di personalizzazione dell’aspetto dei personaggi, questo sia durante la creazione di nuovi personaggi, sia per quelli preesistenti grazie al barbiere presente in gioco. Un miglioramento che potrà aiutare il gioco a scrollarsi di dosso almeno parzialmente il peso degli anni, niente di formidabile ma è sicuramente molto ben accetto.

Infine pare che i livelli avranno un peso maggiore e ogni passo avanti sarà guadagnato con sforzo e darà quindi maggiore soddisfazione, avendo un impatto più grande nella crescita dei personaggi.
I giocatori attualmente a livello massimo inizieranno l’espansione a livello 50 e potranno raggiungere il nuovo massimo di 60.

Hearthstone: La discesa dei draghi

La Discesa dei Draghi è il nome della nuova espansione che comprende 135 carte inedite che verrà lanciata il 10 Dicembre.
Questa espansione porterà a termine la prima storyline continuativa del gioco di carte targato Blizzard, vediamo quali sono le features che ci aspettano.

Anzitutto tramite la nuova abilità Invocazione è possibile evocare il drago più potente dell’universo di Warcraft, Galakrond.
La ripetuta invocazione del drago può fargli raggiungere forme più potenti, la cui migliore è Galkrond, l’Oblio, che una volta in campo pare avere un effetto in grado di stravolgere la partita molto rapidamente, ovvero un grido di battaglia 4 volte più forte del normale.

Galakrond sarà una carta eroe che i giocatori riceveranno in tutte e 5 le versioni semplicemente accedendo al gioco ad espansione pubblicata.

Oltre alle carte verranno aggiunte anche nuove missioni secondarie che aiuteranno a mantenere alta la varietà di gameplay e a svecchiare un po’ lo stato del gioco per i giocatori più datati.

eSport

Abbiamo poi avuto diversi tornei nei titoli Blizzard più di successo nell’ambito eSport.

Per Hearthstone la vincitrice è VKlinoone, prima ragazza ad essere premiata come vincitrice ad un evento BlizzCon.
Qualificatasi dalla cina per poter partecipare all’evento, ha strappato la vittoria all’americano bloodyface con un convincente 3 a 0.

La ragazza cinese ha vinto l’evento pilotando un mazzo Quest Druid.

esports Blizzcon 2019

 

Si è tenuta anche la quarta Overwatch World Cup al Blizzcon 2019, che ha visto diverse nazioni darsi battaglia in un formato al meglio delle 3 durante i gironi per poi diventare al meglio delle 5 bracket finale.

Nella Top 4 abbiamo, partendo dal quarto classificato, Francia, Corea del Sud, Cina e Stati Uniti.

I membri del team vincitore sono Corey, sinatraa e KSF nel ruolo di DPS, SPACE e super nel ruolo di Tank, moth e Rawkus nel ruolo di Healer.

L’evento è stato un successo per l’azienda californiana e nonostante qualche malcontento dovuto principalmente alla faccenda di Blitzchung i fan sono largamente soddisfatti, inizia quindi la lunga attesa per saperne di più sui nuovi titoli presentati.

Ti ricordi cosa è successo al BlizzCon del 2014? Guarda un’altra news relativa all’evento: Blizzard annuncia al BlizzCon un nuovo titolo Overwatch 

 

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 62 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*