Boomerang Fu – Recensione

Boomerang Fu è un Party Game indie sviluppato da Cranky Watermelon, uscito il 13 Agosto 2020.

Gameplay 

Non ci sono grandi intenti dietro la realizzazione di questo titolo, ciò che desidera essere è semplicemente un passatempo occasionale con cui ravvivare le serate fra amici e in questo ha indiscutibilmente successo.

Il gameplay è molto semplice, ma non per questo poco coinvolgente! Si gioca da due a sei persone e lo scopo è affettare gli avversari usando il proprio boomerang. Le azioni che si possono fare sono quattro: Lanciare il boomerang, colpire in corpo a corpo, schivare e richiamare il proprio boomerang. Nulla di trascendentale e questo è un ottimo punto a favore vista la natura del gioco, grazie a questo è infatti molto veloce da spiegare anche a chi il pad lo ha visto solo appeso nei negozi, permettendo di gettarsi nell’azione e nel divertimento rapidamente.

É possibile anche avere qualche variazione sul tema, giocando a squadre oppure con la modalità “Boomerang D’oro”, nella quale il vincitore sarà il giocatore in grado di tenere nelle proprie mani il suddetto trofeo il tempo necessario a riempire il cerchio colorato sotto ai propri piedi.

A scombinare le carte in tavola e rendere il titolo molto più vario e imprevedibile ci sono i potenziamenti che è possibile raccogliere durante la partita, se ne possono mantenere fino a tre alla volta e durano fino a che vengono rimpiazzati raccogliendone uno nuovo.
Non sono moltissimi, sono undici più due trappole, per un totale di tredici. Pur non essendo una cifra esorbitante sono resi estremamente interessanti dalle sinergie che si creano fra di essi e dalla creatività a cui danno accesso.
Ad esempio poter schivare attraverso i muri apre la possibilità di scampare a situazioni terribili e portare attacchi molto inaspettati, mentre il boomerang multiplo combinato con la telecinesi può creare una tempesta di morte turbinante e fruttata.

Le arene in cui affrontarsi sono in buon numero e soprattutto portano un buon livello di varietà, con alcune che favoriscono un approccio più diretto e aggressivo e altre che invece mettono enfasi su movimenti cauti. Alcune arene hanno anche dei portali che è possibile sfruttare per muoversi e per colpire con lanci di boomerang da angolazioni impreviste, mentre altre dispongono di leve che attivano elementi nello scenario.

Si hanno a disposizione anche alcune opzioni per raffinare l’esperienza di gioco verso il proprio gusto, con la possibilità di disattivare il richiamo del boomerang o usare solo alcuni potenziamenti. Non si può però fare moltissimo con queste opzioni e il difetto maggiore è l’impossibilità di cambiare i comandi, non è un problema grave, ma sarebbe carino poterli sistemare a proprio piacimento visto che l’impostazione base non è particolarmente sensata.

Parlando di difetti, si incorre a volte in alcuni piccoli glitch, niente che possa rovinare l’esperienza di gioco in modo drastico, ma può capitare di venir presi alla sprovvista e precipitare fuori dalla mappa in modo inaspettato o vice versa salvarsi senza capirne il perché.

Se poi vogliamo considerarlo un difetto, abbiamo il fatto che all’infuori del giocare in compagnia Boomerang Fu non offra assolutamente nient’altro. È Possibile affrontare la CPU a diverse difficoltà, ma di questo ci si stanca molto rapidamente, è chiaro che l’intento degli sviluppatori fosse semplicemente realizzare un party game da sfruttare in compagnia per innumerevoli serate e in questo sono riusciti in pieno, ma sarebbe stato carino avere qualche modalità secondaria per arricchire le possibilità single player.

Grafica e Audio

Graficamente parlando il titolo è davvero molto facile da apprezzare, tutti i personaggi sono simpatici e nel loro piccolo mostrano grande carattere, non mi era mai capitato di affezionarmi ad un cartone del latte.
I colori sono vivaci e danno il giusto tono scanzonato all’esperienza di gioco e le animazioni sono semplici ma ben realizzate. Il tutto però risulta anche pulito e di semplice lettura, rendendo facile seguire l’azione e trovare tutto quello che serve sullo schermo. Solo in casi piuttosto rari capita di perdere il proprio boomerang sulla mappa o di non vederne arrivare uno nemico e in genere questo è dovuto a casi sfortunati in cui il colore dell’arma è troppo vicino a quello dell’arena su cui si sta giocando.

Il comparto audio è anch’esso funzionale all’esperienza di gioco, ma se la grafica aiuta ad accentuare lo stile ed è un punto di forza del titolo, la componente sonora si limita a fare il proprio mestiere senza infamia e senza lode. Gli effetti sonori sono facilmente identificabili e aiutano a capire l’azione in gioco, ma non risultano particolarmente iconici. La musica è invece solamente uno sfondo, per niente memorabile e a tratti quasi superflua. Questo è un problema decisamente secondario però, giocando in compagnia è praticamente garantito che si andrà a parlare e schiamazzare coprendo così qualsiasi virtuosismo il gioco potesse anche solo pensare di proporci.

Conclusione

Boomerang Fu è un piccolo gioco, non ha grandi pretese e non vuole rivoluzionare nulla, vuole solo colorare qualche serata e far sorridere in compagnia. È un classico party game che potrete rispolverare infinite volte e che si presta a ogni tipo di giocatore, rendendolo un ottimo compagno per divertirsi un po’ in gruppo.
Un peccato che Cranky Watermelon non abbia nemmeno provato a inserire qualche elemento di gioco in singolo, ma per quello che il gioco si premette di fare è anche una scelta comprensibile e facilmente giustificabile.
Il gioco ha molto carattere date le sue dimensioni ristrette e la simpatia dei suoi personaggi sorprende.

Boomerang Fu
6.3 / 10 Recensione
Gameplay6
Grafica7
Longevità6
Pro
  • Immediato e divertente
  • Grafica colorata ma pulita
  • Contro
  • Molto piccolo, forse troppo
  • In singolo non c'è nulla da fare
  •  

    Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 69 Articoli
    Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *