Epic Games e la causa contro Apple e Google

fortnite Epic contro Google

Epic Games sta facendo causa a Google per la rimozione di Fortnite dal Play Store di Android. Questo segue da una causa Epic depositata contro Apple ieri dopo che il gioco è stato rimosso anche dall’App Store iOS.

Cosa comporta la causa legale di Epic Games?

Essenzialmente, la natura della causa di Epic contro Google è simile a quella che ha presentato contro Apple. Secondo il team di Google, Epic sostiene che il gigante tecnologico di Mountain View “acquisisce illegalmente e mantiene un monopolio nel mercato dell’elaborazione dei pagamenti in-app Android”. Epic chiede alla corte di emettere un’ingiunzione a Google “proibire … comportamenti anticoncorrenziali e sleali ” e ” concedere ogni … equa riparazione necessaria” per rimediare ai danni causati dallo stesso.

Tutto questo è iniziato quando Epic ha introdotto un nuovo sistema di pagamento diretto a Fortnite per iOS e Android, oltre a scontare i contenuti sulle versioni per PC e console del gioco. Epic dice che Google e Apple prendono un taglio irragionevole di profitti riprodotti dagli acquisti in-game. Era intenzione di Epic bypassare quelle che vedeva come tasse esorbitanti. Come tale, V-Bucks e acquisti in denaro reale sono permanentemente scontati su tutte le versioni dei giochi.

Tuttavia, questo sembra aver violato sia i termini di servizio di Apple che Google per la distribuzione di app nei rispettivi app store. Google dice che non può “rendere più disponibile su Play Store [Fortnite] perché viola le nostre norme”. Dopo che Apple ha rimosso Fortnite dal negozio iOS, Epic ha creato un annuncio che prende in giro l’iconico spot di Apple del 1984 destinato a scegliere la decisione.

Nella causa, Epic sottolinea che Google è stata fondata sotto il motto aziendale di “Don’t Be Evil”(Non essere malvagio), ma che questo motto è stato “relegato… a quasi un ripensamento”, con Google “usando le sue dimensioni per fare il male sui concorrenti” nei mercati Epic sostiene che il gigante tecnologico della California sta monopolizzando. Epic sottolinea anche che ha raggiunto un accordo con il produttore di telefoni OnePlus per distribuire Fortnite tramite un’applicazione Epic Games su misura. Google ha bloccato detto affare, sostenendo che aveva una “particolare preoccupazione” su Epic “bypassando il Google Play Store”.

Google ha una storia di blocco di altre alternative di app store sul suo Play Store e di impostazione dei limiti su come gli studi e gli editori possono vendere contenuti tramite il Play Store. Sul prossimo servizio Project xCloud di Microsoft, ad esempio, se scarichi l’app dal Play Store, non sarai in grado di acquistare DLC per i giochi, ma puoi farlo se lo scarichi tramite il Samsung Galaxy Store. In una dichiarazione su questo problema, Microsoft afferma di “rispettare tutte le politiche del negozio”, alcune delle quali non consentono gli acquisti in-app.

Cosa succederà a Fortnite su mobile ora?

Vale la pena notare che puoi ancora scaricare Fortnite direttamente da Epic su dispositivi Android (gli utenti iOS che in passato avevano scaricato Fortnite possono scaricarlo di nuovo). Semplicemente non sarai in grado di trovarlo nelle principali vetrine ufficiali. Non c’è assolutamente nulla che ti impedisca di scaricare il gioco direttamente da Epic e continuare a giocare, e il sistema di pagamento proprietario di Epic può ancora essere trovato in queste versioni dei giochi. Ti forniremo di più sulle cause legali di Epic contro Apple e Google non appena lo avremo. Fino ad allora, se non hai ancora giocato a Fortnite su dispositivo mobile, sembra che dovrai scaricare il gioco da un altro luogo diverso da App Store e Play Store.

Cosa ne pensi della causa legale di Epic contro Google? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!

Informazioni su Stefano Mario 633 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*