Annapurna Interactive Showcase: tra novità e conferme

Tiriamo le somme su quello che è stato mostrato  all’ Annapurna Interactive Showcase di questo 29 luglio.

The Artful Escape: Già annunciato circa 2 anni fa ma ora in con una data d’uscita, questo titolo sembra essere un adventure game in 2D surreale, fuori dalle righe e con un comparto artistico fuori dal comune. Coloratissimo, spiritoso e assolutamente da non perdere.

Neon White: dai creatori di Donut Country. Si tratta di un FPS molto veloce e dai ritmi  serrati in cui vestiremo i panni di un assassino in fuga dagli inferi. Il gameplay sfrutta un sistema di carte che possono essere usate come armi o scartate per migliorare le nostre abilità di movimento. Non un gioco per tutti, ma decisamente un titolo per gli amanti di parkour e della velocità.

A Memoir Blue: atmosfere nostalgiche e sognanti per quest’opera che mescola  grafica 3D con un’animazione 2D color pastello.  Il gioco si presenta come un viaggio narrativo alla scoperta dei ricordi della protagonista, in un racconto che esplora il rapporto madre figlia. Forse il titolo più sentimentale della conferenza.

Storyteller:  un prodotto molto particolare e ambizioso. Un puzzle game narrativo, o meglio, di narrativa. Il giocatore dovrà riuscire a ricreare determinate tipologie di storia partendo da pochi elementi a sua disposizione. Le soluzioni sono molte, così come le storie che si potranno creare.  Un’idea veramente originale.

Solar Ash: già anticipato anche qualche mese fa all’E3, ci è stato mostrato ancora qualche scorcio di gameplay. Sempre migliore trailer dopo trailer, questa  volta il focus era sulla varietà di ambientazioni, nemici e sul comparto artistico. In particolare questa volta a catturare la mia attenzione sono stati i colori e i forti contrasti tra i diversi elementi di gioco.

Skin Deep: titolo in prima persona  ambientato su una nave spaziale attaccata da pirati in cui dovremo eliminare minacce e risolvere task in maniere decisamente non convenzionali. Una via di mezzo tra un FPS classico, un puzzle game e un simulatore, il tutto mescolato in salsa irriverente ed esagerata. Decisamente consigliato per gli amanti delle stranezze.

Stray: Annunciato l’anno scorso con un trailer molto interessante, ora finalmente abbiamo qualche informazione sul titolo e anche un gameplay trailer. Nei panni di un gatto randagio ci aggireremo in una città futuristica tanto misteriosa quanto piena di pericoli. Un’avventura con molti rompicapi che ci porterà  a scoprire i motivi pericoli ma anche nuovi alleati. Tra tutti i titoli mostrati in questa conferenza sicuramente questo è il titolo che mi ha convinto di più e che aspetto con maggiore impazienza.

È stato annunciato un’espansione per il magnifico Outer Wilds, già uscito l’anno scorso per PC e in uscita prossimamente per Switch questo settembre. Per chi se lo fosse perso è un gioco fantascientifico in cui saremo intrappolati in un loop temporale in prossimità del collasso del sistema solare. Nostra unica possibilità indagare loop dopo loop alla ricerca delle motivazioni di questo cataclisma e di una eventuale soluzione.

Sono state inoltre presentate diverse software house, alcune nascenti altre con già qualche titolo alle spalle che entrano nella famiglia Annapurna. Stiamo parlando di Outer Loop (Falcon Age), Jessica Mak (Sound Shapes), Ivy Road  e no Code Entertainment (Stories Untold).

Insomma, una conferenza breve ma intensa, con titoli tutti di qualità e un ottimo biglietto da visita per questa giovane Software House che sta diventando sempre più popolare e importante.

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 19 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*