PlayStation 5 – Il riassunto della conferenza Sony

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo consigliamo il video in fondo alla pagina]

Ciao belli, a pochi giorni dalla presentazione di PlayStation 5 colgo l’occasione per aggiornare il canale EliRedZ insieme a questa sezione del sito. Il video sarà improntato nella prima parte da un gusto interamente personale, quindi non prendetevela se non caricherò di hype titoli che per voi sono stati invece sensazionali. Mentre nella seconda parte andrò a ripercorrere i giochi rimanenti presentati all’evento.

Partiamo dunque con i cinque giochi che mi sono rimasti più impressi, e lo facciamo con una bella TOP5.

Al quinto posto troviamo Horizon 2 Forbidden West. Voi direte: quinto posto? Si proprio così, perché il secondo capitolo di Aloy a parer mio avrebbe guadagnato di diritto il primo posto nelle delusioni di questa conferenza, ma dal momento che non mi sembrava neanche giusto lasciarla fuori dalla TOP5 ho deciso di relegarle l’ultimo posto. Guerrilla in questo caso mi ha spiazzato in negativo; andrò anche controcorrente ma io non ho notato nulla di davvero nuovo, nulla che mi facesse gridare al miracolo. Se pensavano di potermi colpire con un mammuth gigante in stile Assassin’s Creed Origins insieme a due semplici nuotate, beh si sbagliavano di grosso. Mi è sembrato un copia-incolla del primo capitolo con l’aggiunta di macchine più grosse per pompare un po’ gli occhi dell’utente. Sperando di sbagliarmi clamorosamente, attenderò comunque il suo arrivo.

Al quarto posto Ratchet e Clank Rift Apart. Ho amato tanto il suo remake su PlayStation 4 e il gameplay mostrato sulla NextGen, tra milioni di particelle e armi fanta-spaziali, sembra esplodere ancora di più. Poco da dire se non che l’azione frenetica che ha contraddistinto tutto il trailer ha attirato la mia attenzione. Tuttavia fossero state sganciate bombe più potenti, il caro buon vecchio Ratchet avrebbe lasciato spazio a qualcun altro.

Il terzo posto se lo aggiudica Kena: Bridge of Spirits. I mostricciatoli neri protagonisti del trailer mi hanno catturato il cuore e lo sguardo determinato della protagonista promette ampia azione e adrenalina. Per quel poco che si è visto, il combat system non porta nulla di originale, anzi un rimando quasi allo strigo Geralt, ma l’ambientazione e i colori di questa nuova IP mi hanno davvero toccato. Spero di non dovermi ricredere in futuro.

Seconda posizione per Project Athia: Square Enix a mio avviso è stata l’unica in grado di dare la sensazione tanto attesa di salto generazionale, un po’ come lo è stato quando è stata mostrata la Tech Demo con l’Unreal Engine 5. Di questo titolo sappiamo poco o davvero nulla, ma l’ambientazione, le boss fight e il mondo sconfinato hanno reso il teaser a mio parere magnifico.

Al primo posto Demon’s Souls. Partiamo da un presupposto che per la maggior parte di voi sarà una bestemmia. Il sottoscritto non ha mai giocato a un soulslike, essendo comunque un grande appassionato di videogiochi “difficili”. Questo remake però devo dire che mi ha colpito appieno. Iniziato il trailer, la sensazione è stata subito quella di trovarmi dinanzi a The Elder Scrolls VI, ma poi ci sono arrivato. I ragazzi di BluePoint hanno regalato ai loro fan quello che aspettavano da tempo. E vedere successivamente in rete il confronto con il gioco originale mi ha alzato ancor di più l’asticella dell’hype. La NextGen sta davvero arrivando.

Il riassunto della conferenza Sony HORIZON 2

Completata la mia lista personale, focalizziamoci adesso velocemente su tutti i restanti giochi mostrati:

Si parte con Grand Theft Auto V: Nulla di particolare da dire se non che Rockstar con la sua macchina da soldi più importante penetrerà anche su console NextGen con l’aggiunta dell’online, in questo caso gratuito per i primi tre mesi dal lancio di PlayStation 5.

Si prosegue con Spiderman Miles Morales, nuovo capitolo Insomniac il quale sarà disponibile fin da subito insieme alla nuova console.

Terzo titolo in lista Gran Turismo 7: lo storico brand in tutta la sua maestosità e bellezza vuole riprendersi il ruolo di leader nel settore automobilistico videoludico, e difficilmente non ce la farà.

Primo indie mostrato alla conferenza Sony: Stray. Il racconto di un gatto alle prese con un mondo popolato da cyborg. Nulla mostrato di gameplay, ma sembra davvero interessante.

Giunge poi Housemarque con il suo primo gioco in terza persona: Returnal si discosta completamente dai titoli che ci hanno abituato i creatori di Resogun e Dead Nation; finalmente qualcosa di diverso che non può che catturarci e far sperare in meglio.

Dopo Ratchet e Clank fa il suo ingresso nel panorama platform anche Sackboy A Big Adventure. In stile decisamente Super Mario Galaxy, il pupazzo di pezza ritorna in grande stile pur non mostrando nulla di nuovo.

Parlando di stile, Destruction All Stars prende poi la scena con la sua vena tamarra attraverso combattimenti corpo a corpo mischiati a gare automobilistiche. Personalmente il titolo che ritengo più inutile fra tutti.

Indie interessante invece Goodbye Volcano High. Titolo in uscita nel 2021. Mostrato però davvero troppo poco per commentare altro.

Il mondo dei Mudokon ritorna con Oddworld Soulstorm. Nuove meccaniche e inedite boss fight per un titolo apprezzatissimo dagli amanti del genere.

Nel 2021 verrà poi pubblicato da Bethesda Ghostwire Tokio. Horror action in prima persona ambientato nella città nipponica.

Si prosegue in termini fantascientifici con Jett the Far Shore in arrivo a fine anno. Sicuramente nella prima line up di lancio di PlayStation 5 il titolo sembra misterioso e intrigante. Staremo a vedere.

Nello stesso periodo di lancio anche Godfall, scintillanti armature per un action adventure sviluppato da Counterplay.

Inedito gioco in arrivo nel 2021 anche per i creatori di Hyper Light Drifter. Solar Ash sarà sicuramente un titolo frenetico e affascinante allo stesso tempo. Personalmente dopo aver apprezzato i lavori passati del team, anche questo non mi sfuggirà.

Bomba a mano con Hitman III. La trilogia dell’agente 47 si concluderà con il nuovo capitolo in uscita su NextGen. Per molti il più grande colpo dell’intera conferenza.

Come per il lancio di PlayStation 4 non poteva mancare il gioco già presente in console all’acquisto. Parliamo di Astro’s Play Room: simpatico platform classico e divertente.

Altro titolo che mi ha fatto ben sperare, Little Devil Inside. Tra il comico e il noir, un avventura in terza persona piena di fascino.

NBA2K21 fa il suo ingresso a pieni polmoni. Nulla mostrato in gameplay, ma per gli amanti della pallacanestro un must.

Bugsnax non mi sento di dire nulla se non che è uno di quei titoli che appena vedo mi ricorda di quanto il mondo sia bello perché vario

Bethesda tira poi fuori l’inedito FPS Deathloop: gioco d’azione in prima persona che personalmente non mi ha detto granché.

Cosa contraria invece per Pragmata, titolo Capcom descritto come un’avventura indimenticabile in un’ambientazione distopica che spazia tra la Terra del futuro e la Luna. Grafica mozzafiato per un videogioco che promette grandi cose.

Il riassunto della conferenza Sony RE8

Il grande titolone atteso dagli amanti dell’horror giunge poi nel finale di conferenza: Resident Evil 8 The Village si mostra in un gameplay davvero diverso dal suo stile più classico. Cosa che ha fatto storcere il naso a un bel po’ di appassionati. Non ci resta anche qui che attendere nuovi dettagli in merito.

Finita la carrellata di giochi ecco il momento tanto atteso: attraverso un video tecnicamente splendido Sony mostra finalmente il suo gioiello PlayStation 5. Un design in linea con i tempi, accurato, elegante ed accattivante. Arriverà in due versioni: una con lettore ottico e una in versione “digitale”, facendoci intuire che le versioni fisiche dei giochi in futuro spariranno. Cosa che purtroppo sappiamo effettivamente già da tempo. Insieme alla console, ovviamente anche tutti gli accessori correlati.

In linea di massima la conferenza posso dire che mi ha colpito, ma non quanto avrei voluto. Le aspettative in questi casi sono sempre davvero troppe. Spero che questo articolo/video vi sia piaciuto e che l’abbiate trovato utile, soprattutto a chi non ha potuto godersi l’evento in diretta.

Un saluto dal vostro EliRedZ, ci risentiamo.

Ciao belli!

 

Informazioni su Elia Rossi 12 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*