Accuse velate alla nostra passione: il videogiocatore

Accuse velate alla nostra passione

In questo articolo diverso dai soliti andremo ad analizzare una piaga ben evidente, specificamente uno dei tanti tipi di disinformazione mediatica sui videogames.

Non è raro trovarci di fronte a casi di accuse infondate sulle nostre multimedialità preferite, infatti basta fare un giro sul web o guardare qualche TG per sentire professionisti del settore giornalistico, che in caso di spiacevoli eventi tendono a sottolineare come l’indagato o il colpevole di turno sia un appassionato di videogames violenti, come per sottolineare per forza un potenziale fattore scatenante della tragedia, ma non sono l’unico ad aver notato che questa situazione si crea molto meno con libri e prodotti affini alla settima arte, e facendo due calcoli spesso coloro che tendono a evidenziare con la classica accusa velata i videogiochi sono persone vecchio stampo poco informate in materia (che non vedono alcuna forma d’arte nel videogioco) o mass media solitamente inclini a seminare zizzania, forse replicando sto facendo il loro gioco, ma è palese pensare che un presumibile serial killer o uno squilibrato mentale sia influenzabile persino da una canzone che hanno ascoltato milioni di persone o da una frase interpretata male ed è altrettanto palese che il problema non sia la canzone o il nostro gioco preferito ma il soggetto in questione che ha bisogno d’aiuto e di cure, basta pensare agli innumerevoli personaggi storici che non hanno conosciuto “Call of Duty” ma hanno compiuto nel corso degli anni gesta terribili quali stragi e bombardamenti.

Call of Duty

Inoltre posso testimoniare personalmente che giocare determinati titoli non abbia provocato in me ( come in altri milioni di giocatori sani di mente) alcun disturbo.

E poi siamo sicuri che utilizzando i videogiochi come capro espiatorio si risolva il vero problema ?

Fateci sapere la vostra nei commenti !

Informazioni su Antonio Feole 15 Articoli
Arruolato nell'armata del mondo videoludico ormai da 14 anni, diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni, con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*