Follow
Gamepare > Home > Yo-Kai Watch 2 > Yo-Kai Watch 2 – Recensione

Yo-Kai Watch 2 – Recensione

Il Nintendo 3DS continua a regalare gioie agli aficionados dei brand più importanti targati Nintendo e, nonostante l’uscita della nuovissima console Switch, sulla portatile di punta della grande N stiamo assistendo alla pubblicazione di seguiti molto interessanti.

Su tutti oggi possiamo goderci Yo-Kai Watch 2, ovvero il seguito di Yo-Kai Watch, che ci permetterà di visitare ancora una volta il mondo dei simpatici spiritelli della tradizione nipponica con molte più novità che in passato naturalmente, cosa che non guasta mai in un seguito di un videogioco.

Questa uscita ha due varianti, ovvero Yo-Kai Watch 2: Polpanime e Yo-Kai Watch 2: Spiritrossi; le differenze della doppia versione sono pressoché minime, l’unica cosa veramente incisiva è quella di avere alcuni Yo-Kai esclusivi (5 esemplari). Quindi se non sapete quale copia scegliere, basatevi puramente sul fattore estetico della copertina, tanto comunque gli esemplari esclusivi potranno essere scambiati con gli amici su internet in tutte e due le versioni.

Per tutti coloro che non conoscessero a fondo il franchise in questione, Yo-Kai Watch è un clone ben fatto del successo globale dei Pokemon, realizzato dal team di sviluppo di assoluto livello dei Level-5, gli stessi della classica serie del Professor Layton. Il gioco gode di un certo successo anche grazie ai vari cartoni animati e giocattoli collegati al videogioco che consentono quindi, soprattutto ai più piccoli, di vivere un’esperienza a 360 gradi e non legata solamente allo schermo del Nintendo 3DS. In ogni caso, come per Ash e compagni, lo scopo del gioco consiste sempre nell’avventurarsi in numerose lande desolate e collezionare tantissimi spiritelli che, successivamente, potranno essere utilizzati in battaglia.

Yo-Kai Watch 2 screen 2

Questo seguito può essere considerato quasi un capitolo a sé stante e quindi indipendente, dato che la trama segue solo in minima parte ciò che è stato raccontato nel prequel. Ciò significa naturalmente che potremo godere di Yo-Kai Watch 2 anche senza conoscere alcun evento pregresso a questo episodio. Tutti gli accadimenti sono assolutamente inediti e prendono pieghe inaspettate.

Ciò che differenzia maggiormente Yo-Kai Watch 2 da Pokemon è il sistema di gameplay che è fondamentalmente incentrato sul concetto di cattura prima e di combattimento poi dei vari mostri. Gli Yo-Kai possono essere individuati solo grazie all’orologio che il protagonista Nathan avrà sempre al polso e, più precisamente, grazie alla lente posta su di esso. Con il radar poi potremo metterci alla ricerca di ognuno di essi e trovarli tutti, con uno scarto di ben 200 elementi in più rispetto al passato.

E’ più importante forse la parte di ricerca e cattura che il combattimento, il quale risulta sempre molto semplice e facile da gestire. Sono state comunque apportate delle modifiche rispetto al passato dato che, ad esempio, sono state introdotte el M-Skills che consentono di attaccare in maniera potentissima perdendo però energia dell’intero proprio team.

Il target quindi è quello dei più giovani, data anche l’ambientazione generale del gioco e la facilità del gameplay, anche se non mancano assolutamente longevità e colpi di scena nelle battaglie dove mai nulla può essere dato per scontato. Potrà capitare, ad esempio, che i nostri Yo-Kai saranno riottosi ai comandi, oppure si addormenteranno e quindi questo renderà gli esiti delle battaglie sempre incerti.

La mappa da esplorare è piuttosto vasta e viva, grazie ai numerosi personaggi giocanti e non che la popolano. Tutto questo va ad aumentare la longevità grazie alle missioni secondarie che ci verranno assegnate, oltre a quelle principali. Inoltre in questa versione abbiamo la possibilità di sfruttare il multiplayer che, come anticipato, permette di scambiare gli Yo-Kai, partecipare a battaglie e vincere medaglie combattendo con i propri amici.

Buono il comparto grafico, dove i ragazzi della Level-5 hanno lavorato in maniera egregia per donare al titolo un alto impatto grafico, sempre caratterizzato da un aspetto cartoonoso, dalle texture nitide quasi si trattasse di un manga interattivo in tutto e per tutto.

Un buon titolo che non faticherà a conquistare gli appassionati che hanno trovato interessante l’esperienza del primo capitolo.

La recensione di Yo-Kai Watch 2 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0