Viaggio negli E-Sports al Bergamo Science Center

E-Sports al Bergamo Science Center

In diverse date dal 21 al 30 di Marzo 2017, il Bergamo Science Center ha ospitato una serie di interessanti conferenze riguardanti il tema degli sport elettronici. Il tema è stato affrontato con uno sguardo al futuro, in un panorama in cui l’Italia è ancora un’estranea, ma con un grande potenziale di crescita.

Le varie sessioni, completamente gratuite e aperte a qualsiasi genere di pubblico, hanno visto anche diverse scolaresche prendere parte all’evento, permettendo quindi agli studenti di comprendere meglio gli aspetti che hanno dato vita al recente successo di questa passione.
L’iniziativa è stata avviata con l’obbiettivo di dare luce ad un settore lavorativo che, almeno nel nostro paese, è noto solamente a chi già ne è parte.
Partecipando all’evento i giovani che ancora sono nel cuore dei propri anni di studio hanno potuto capire quali passi possono avvicinarli ad un futuro lavoro negli sport elettronici, questo affiancato all’esperienza di esponenti del settore in grado di far chiarezza sulla confusione che spesso accompagna l’immaginario giovanile in questo ambito.

A tenere la conferenza è stato infatti Francesco Albanese, Responsabile E-Sport di Games Kingdom, prima ed unica associazione italiana ad utilizzare programmi formativi per lo sport elettronico all’interno delle scuole. Forte dell’esperienza maturata con il progetto di successo che può vantare una collaborazione con l’ormai noto team Forge, unico team italiano a beneficiare di una vera e propria gaming house e che ha il merito di aver finalmente portato un team nostrano a competere in Europa,  è stato in grado di far capire anche ai più giovani che l’ambiente “e-sportivo” non è composto da estremi, ma da un panorama realistico in cui trovare occupazioni sempre più simili a quelle che gravitano attorno agli sport tradizionali.

Dopo aver trattato l’argomento partendo dalle basi e dai videogiochi più in vista del momento, consentendo quindi anche a chi non mastica affatto la questione di comprendere il discorso e sentirsi a proprio agio, è poi passato ad esporre le diverse figure che compongono l’ambiente, non limitandosi quindi solo ai giocatori, ma a tutti coloro che rendono i team una realtà e alle figure che si occupano degli eventi e di rendere il tutto proficuo.
Questo ha potuto aprire le prospettive lavorative in diverse possibili direzioni e aiutando i più giovani a comprendere come poter trovare un impiego in un campo che possa appassionarli.

Si è quindi trattato di levare parte del velo illusorio che separa la figura del famosissimo giocatore dal ragazzo intento a divertirsi a casa giocando online con qualche amico, allo stesso modo si è fatta chiarezza sull’errata convinzione che i giocatori passino oltre dieci ore a giornata giocando, mostrando invece come da un piano realistico e ben studiato si possa trarre maggior giovamento e miglioramento sfruttando bene un numero minore di ore. In questo modo anche i più giovani hanno potuto comprendere l’equilibrio a cui anche un atleta e-sportivo deve stare attento e ha permesso ai neofiti, come genitori e insegnanti, di cominciare a vedere questi ragazzi non più come alieni isolati dal mondo, ma come persone preparate che affrontano le competizioni con serietà e disciplina.

Personalmente ho trovato la conferenza una ventata d’aria fresca, in grado di aprire la mente a qualcosa che ormai da tempo sta prendendo sempre più piede consolidandosi come una realtà. Mi auguro che ci saranno altre occasioni simili per tutti coloro che non fossero riusciti a partecipare.
Nel frattempo vi invito a seguire gli sviluppi dei programmi di Games Kingdom direttamente sulla loro pagina Facebook https://www.facebook.com/gameskingdomasd/

Informazioni su Michele M. 59 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*