Follow
Gamepare > Home > The Vanishing of Ethan Carter > The Vanishing of Ethan Carter – Recensione

The Vanishing of Ethan Carter – Recensione

Lo sviluppo di The Vanishing of Ethan Carter è stato piuttosto complicato, in particolare per il fatto di rendere l’avventura raccontata in un videogioco convincente quanto la storia scritta da Adrian Chmielarz.

Chmielarz, per chi non lo sapesse, è il fondatore della software house polacca People Can Fly, responsabili di Painkiller, Bulletstorm, Gears of War 2 e Judgement, e quindi sinonimo di vera qualità.

Lo studio oggi ha preso il nome di Epic Games Poland e Chmielarz intanto ha fondato i The Astronaut che sono alla loro prima uscita con questo titolo thriller psicologico, il quale viene giocato come una vera e propria avventura interattiva. Il gioco ricorda parecchio da vicino Dear Esther e Amnesia The Dark Descent.

Nel gioco impersoniamo Paul Prospero, impegnato ad indagare sulla scomparsa di un bambino di nome Ethan misteriosamente perso nei boschi del Nord America. Il gioco assume quindi i contorni di una cosiddetta interactive novel, dove il coinvolgimento del giocatore e la narrazione sono il fulcro dell’esperienza.

The-Vanishing-of-Ethan-Carter_screen1

Il setting è quello di Red Creek Valley, dove un fiume scorre placido tra le colline coperte di conifere. Paul è un investigatore del paranormale e si trova a indagare proprio all’interno di questi scenari, tra persone schive che sono poco inclini ai forestieri. In più, le anime di coloro che hanno subito una morte violenta perseguitano l’investigatore ed è in questi condizioni che ci troveremo ad indagare in merito alla sparizione del piccolo Ethan.

Il gioco è probabilmente uno dei migliori thriller videoludici pubblicati da parecchio tempo a questa parte. La narrazione rapisce fin dalle prime battute, l’interfaccia è praticamente invisibile e il tutto si svolge in prima persona, in uno scenario calmo e apparentemente tranquillo che in più di un’occasione vi lascerà senza fiato.

La grafica è infatti incredibilmente dettagliata e la trama si mantiene ottima e interessante dall’inizio alla fine. L’interazione con gli scenari è abbastanza limitata anche se ci saranno parecchi enigmi che dovremo fronteggiare. Dovremo inoltre esplorare parecchio e prendere spunto da ogni dettaglio, soprattutto dai rapporti molto particolari dei cittadini di Red Creek Valley, con un’atmosfera che si mantiene inquietante e al contempo coinvolgente dall’inizio alla fine.

The-Vanishing-of-Ethan-Carter_screen2

L’interazione con gli oggetti è corredata da delle note a schermo che verranno poste sugli oggetti stessi da doversi ricordare. Ogni elemento a schermo, anche quelli apparentemente insignificanti, se osservato suscita nel protagonista alcuni ragionamenti che potranno portare a ulteriori sviluppi nella narrazione e nel proseguo della trama. Vedremo graficamente una serie di parole scritte “uscire” dall’oggetto fino a quando non arriveremo a una cosiddetta parola chiave che sbloccherà gli ulteriori sviluppi.

Potremo anche concentrarci più a lungo e così visualizzare delle cutscene che ci mostreranno come un oggetto è stato utilizzato in passato.

Il tutto con un comparto tecnico d’eccellenza con effetti particellari, texture, dettagli e paletta cromatica a livelli da tripla A. Grandioso anche il sonoro che è in grado di farci saltare sulla sedia in più di un’occasione così come di allietarci con un’ottima colonna sonora.

Da segnalare che il gioco presenta l’audio in inglese, con la possibilità di inserire i sottotitoli in italiano.

Un titolo sorprendente e consigliatissimo dagli amanti del genere che se fosse durato un po’ di più delle canoniche tre/quattro ore sarebbe stato un autentico capolavoro.

Positivo
  • Ottimi dettagli grafici
  • Narrazione perfetta
  • Convolgente
Negativo
  • Di breve durata
8
Grande
Grafica - 8.5
Giocabilità - 8.5
Longevità - 7
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0