The Town of Light, sarà pubblicato su Xbox One, nel corso del 2016

LKA.it, sviluppatore indipendente con base a Firenze, annuncia oggi che il suo primo gioco, The Town of Light, sarà pubblicato su Xbox One, nel corso del 2016.

The Town of Light è un thriller psicologico in prima persona ambientato nel manicomio psichiatrico di Volterra, in Toscana, chiuso nel tardo secolo scorso da una legge del 1978 promulgata dal governo italiano che stabilì di chiudere tutti i manicomi e, contestualmente, restituire i diritti civili ai pazienti.

Il gioco, basato su un’approfondita ricerca e su fatti realmente accaduti, sarà giocato attraverso gli occhi della protagonista Renée, una ragazzina di 16 anni che soffre di una malattia mentale e che sta cercando di scoprire quello che le è accaduto. Il giocatore sarà l’unico che potrà aiutarla.

“Siamo davvero felici di iniziare a lavorare con Microsoft per portare la storia di Renée al pubblico Xbox. Grazie allo straordinario supporto che [email protected] ci sta dando fin da quando siamo stati inseriti nel programma stiamo già lavorando per sviluppare la miglior esperienza di gioco possibile”, ha dichiarato Luca Dalcò, direttore creativo di LKA.

“The Town of Light ci ha impressionato per l’incredibile ricerca che è stata effettuata per realizzare un’esperienza così realistica e per la sua forte componente narrativa. Non vediamo davvero l’ora di portare il gioco sulla nostra piattaforma ed estendere l’offerta [email protected] grazie alla disponibilità del titolo entro quest’anno”, ha dichiarato Agostino Simonetta, [email protected] regional lead – EMEA.

Per aggiornamenti su The Town of Light seguite:

https://twitter.com/thetownoflight
https://www.facebook.com/TheTownOfLight
https://instagram.com/thetownoflight/

 

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2601 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*