The Settlers History Collection – Recensione

Costruisci il tuo impero

The Settlers History Collection Screen01

Nel 1993, Blue Byte rilascia per Amiga e PC The Settlers, videogioco di strategia in tempo reale in cui dobbiamo gestire dei piccoli lavoratori nel costruire il nostro villaggio, espanderlo e portarlo alla conquista dei territori grazie alle nostre truppe che conquisteranno gli avamposti. Per effettuare queste mansioni dobbiamo costruire i sentieri che i nostri lavoratori percorrono per raggiungere gli edifici, miniere oppure avamposti.

Il gioco a quei tempi ebbe un discreto successo che gli sviluppatori portarono a compimento nel 1996, con The Settlers II: Veni, Vidi, Vici che vantava una grafica nettamente migliorata, anche grazie al supporto su CD-ROM. Le vendite furono sufficienti da supportare l’uscita di un terzo capitolo.

The Settlers History Collection Screen02

In The Settlers III (1998), sono stati rimossi i sentieri e ora i lavoratori creano automaticamente le strade per arrivare al posto di lavoro. Questa miglioria facilita di molto la costruzione dei villaggi. La grafica più nitida e il menu sulla sinistra sono le migliorie più utili che sono state implementate.

The Settlers IV (2001), è stato invece il primo capitolo creato in collaborazione con Ubisoft, dopo l’acquisizione dello studio Blue Byte. Questo capitolo è stato riprogettato per ottenere uno stile simile a quello dei primi due, in quanto nel terzo gli sviluppatori si erano concentrati troppo sui combattimenti dimenticando in parte la natura manageriale del gioco; per questo motivo i fan avevano storto un po’ il naso, compromettendo le vendite.

Una delle migliorie più apprezzate è il reclutamento dei soldati per gradi, e la scelta della razza da impersonare, ma una caratteristica non apprezzata è stata l’intelligenza artificiale che purtroppo ha portato voti molto bassi alle recensioni di quel tempo.

The Settlers History Collection Screen05

Il 2005 vide però una rivoluzione della serie con The Settlers: L’Eredità dei Re (Heritage of Kings). Questo capitolo vede un cambiamento radicale dell’approccio lavoratore-villaggio, andando verso uno stile RTS più vicino a Age of Empires oppure a Warcraft III. Alcune delle migliorie sono la semplificazione della parte gestionale, l’evoluzione degli edifici e l’introduzione di una storia con degli eroi.

The Settlers: Rise of an Empire compare un anno dopo il capitolo precedente, cambiando le carte in tavola e diventando un vero e proprio gioco strategico, dalla base molto solida e dalla grafica migliorata. Questo titolo prevede ancora l’introduzione degli eroi con la loro storia, ma a differenza dei precedenti capitoli abbiamo strutture molto più imponenti da costruire. Abbandonando in parte il concetto dei capitoli iniziali della serie dove il lavoratore lavorava in modo del tutto autonomo, qui controlliamo interamente tutti i personaggi.

Continuando l’evoluzione della serie arriva nel 2010, The Settlers 7: La strada verso il regno (Paths to a Kingdom), l’ultimo della serie, forse quello più riuscito dopo i precedenti due capitoli, con la reintroduzione di alcune vecchie funzionalità tra cui i combattimenti in modo automatico.

Tutti questi capitoli precedentemente descritti fanno parte di The Settlers History Collection, il pack non rimasterizzato di Ubisoft. Questo pacchetto non fa altro che modificare alcuni aspetti per far partire i giochi su Windows 10 senza troppe complicazioni. La cosa che più mi dispiace è che fra le lingue disponibili sono presenti solo tedesco, francese e inglese, il che risulta un po’ strano, visto che l’italiano è sempre stato presente nei titoli originali, da The Settlers II in poi.

Inoltre, questo pacchetto non apporta nessuna modifica al gioco e non migliora la grafica. Forse l’unica nota positiva è che i titoli sono comprensivi di tutte le espansioni uscite fino ad oggi.

In conclusione, se siete dei fan della saga o semplicemente volete rivivere il gioco potete acquistarlo direttamente su Uplay in quanto è possibile acquistare sia il pacchetto completo che ciascun singolo capitolo.

Non aspettatevi però migliorie sul titolo, ma solo ottimizzazioni per l’avvio, se così si può dire.

La recensione di The Settlers History Collection si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

The Settlers History Collection
7.5 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica7.5
Longevità8
Pro
  • Un classico di strategia
  • Si sente un po' di nostalgia
  • L'evoluzione in 25 anni
  • Contro
  • Qualche miglioramento era gradito
  • Mancanza della lingua italiana
  • Alcuni problemi con le risoluzioni
  • Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2506 Articoli
    All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *