Sull’app Hibye rivoluziona il concetto di influencer

Hibye Influencer

Pubblicano storie, fanno dirette e influenzano le scelte del popolo del web con i loro contenuti: sono i cosiddetti influencer. Diventati una figura di riferimento per la scelta di prodotti e servizi, tanto che le aziende sono disposte a pagare profumatamente anche solo per veder citato il proprio brand in un post su Instagram.

Le guide su come diventare influencer si sprecano sul web e addirittura Condè Nast in partnership con la SDA Bocconi ha creato la prima Accademy Italiana per diventare influencer. Infatti, molti sono i follower che vorrebbero emulare i propri beniamini, ma la verità è che si tratta di un mercato ormai saturo in cui è difficile entrare. Come fare quindi per vivere i propri quindici minuti di notorietà?

Hibye, startup milanese che ha da pochissimo lanciato l’omonima app geolocalizzata, ha rivoluzionato il concetto di influencer, creando una figura più pop: il presencer, ovvero l’influencer esperto di una determinata zona della propria città. Chiunque utilizza l’app può diventare presencer, pubblicando contenuti utili relativi al proprio quartiere: come il miglior ristorante di zona, una buona scuola di yoga nelle vicinanze o il proprio parrucchiere di fiducia. È sufficiente scaricare l’app, crearsi un profilo corredato da bio, foto e interessi/suggerimenti relativi a un’area cittadina.

Il presencer si differenzia dall’influencer non solo perché è una persona comune, ma anche perché può interagire direttamente con gli utenti dell’app interessati ai contenuti da lui pubblicati. Gli utenti, infatti, potranno chattare con il proprio presencer preferito, chiedendogli direttamente consigli e curiosità sul quartiere di interesse.

Mettetevi alla prova e diventate presencer su Hibye! Vi basterà scaricare gratuitamente l’app dall’Apple Store http://apple.co/2uAlQ4S e da Google Play http://bit.ly/2ureobT.

 

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2467 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*