State of Decay 2 - Recensione 󾠊 Gamepare
Follow
Gamepare > Home > News > State of Decay 2 – Recensione

State of Decay 2 – Recensione

Finalmente è arrivato su Xbox One e Pc l’attesissimo seguito di State of Decay 2, un titolo indipendente che riuscì a conquistare gli appassionati. Undead Labs infatti è riuscita a dare vita a un survival molto sui generis con tema apocalisse-zombie. Questo secondo capitolo rappresenta certamente un “more of the same” del primo gioco e quindi gli appassionati sanno già cosa si troveranno di fronte.
Sono stati quindi corretti gli errori del primo episodio, ampliate le attività che si potranno compiere all’interno del gioco e reso più vario il gameplay e, last but not least, introdotto il tanto desiderato multiplayer cooperativo a quattro giocatori. In questo modo la fetta di giocatori si allargherà ulteriormente, complice anche un prezzo molto competitivo e l’inserimento del titolo all’interno della selezione Game Pass.

State of Decay 2 screen 5

Il gioco vede un’impostazione da action in terza persona in un mondo completamente free roaming: potremo quindi esplorarlo in lungo e in largo come più ci aggrada. Il tutto è suddiviso in tre macro aree che si sbloccheranno in seguito a un prologo che ci aiuterà a comprendere meglio il setting, la storia e il sistema di gameplay. Inizieremo scegliendo la nostra area di insediamento e nel corso del gioco potremo poi muoverci senza problemi. Cominceremo così a fare prosperare la nostra comunità di sopravvissuti, indirizzando trama ed eventi in base alle scelte che prenderemo di volta in volta.
Il fil rouge è costituito dalla Piaga del Sangue, ossia l’epidemia che ha trasformato le persone decedute in zombie assetati di sangue.

State of Decay 2 screen 7

Questo è lo scheletro della trama che comunque potrà essere modellata a piacimento in base alle scelte che adotteremo di volta in volta. Il tutto per sopravvivere e trovare materiali per migliorare le condizioni di vita dell’intero gruppo. I survival fanno spesso a meno di una trama importante e questo è il caso, dato che non ci troveremo di fronte a una concatenazione di sotto-missioni, bensì azioni slegate ma pur sempre rivolte al bene del gruppo di gioco. Storie di vari personaggi che si mischieranno all’interno di una sceneggiatura libera e ampio raggio.
Potremo controllare ogni singolo elemento del nostro gruppo e passare in ogni momento da un personaggio all’altro. Ogni membro ha caratteristiche e stats peculiari e quindi la gestione spetterà a noi lasciando magari riposare chi è più stanco o sfruttando le abilità di chi è particolarmente portato a un certo tipo di attività.

State of Decay 2 screen 8

Potremo così conoscere tutti i personaggi, comprenderne il background e farli crescere per migliorare il benessere generale di tutti e le chances di sopravvivenza. Va da sé che entrerete presto in contatto con la componente ruolistica del gioco, migliorando il combattimento, la capacità di ricerca dei materiali o la resistenza nel camminare e nel trasporto. Potremo poi affinare anche le varie conoscenze in chimica, medicina, crafting e così via. Nella parte di gestione infatti dovremo anche amministrare al meglio l’accampamento, organizzando strutture, risorse e lavoratori. Servirà sempre un ospedale per trattare feriti e malati e poi altre strutture per vivere nel migliore dei modi all’interno dell’accampamento. Le scelte sono importanti, perché lo spazio non è infinito.  Quando poi alcune risorse mancheranno ci toccherà andare a recuperarle perlustrando nei dintorni; potremo anche sbloccare dei bonus eliminando un certo tipo di zombie particolarmente coriacei oppure facendo scambi e baratti con altri accampamenti, guadagnandoci così anche in autorevolezzam nei confronti degli altri sopravvissuti. In questo modo ad esempio potremo convincere anche altri individui a unirsi al nostro gruppo sfruttando così le loro abilità.
Nel gioco esiste il permadeath e quindi quando perderemo un membro del gruppo non ci sarà alcun modo di recuperarlo. Questo porterà un decremento generale nell’umore dell’intero gruppo. A ogni decesso corrisponderà una lapide che ci ricorderà sempre la grave perdita che abbiamo subito.

State of Decay 2 screen 10

Per quanto concerne il gameplay nulla da recriminare, mentre l’aspetto tecnico del titolo è un po’ più problematico. La tensione rimane sempre alta e l’atmosfera resta eccezionale anche in quattro giocatori; peccato per una grafica un po’ deficitaria e modelli poligonali elementari con texture non di qualità. Le strutture poi finiscono per assomigliarsi un po’ tutte.  Ci sono anche cali di framerate e problemi di pop up degli zombie, che a volte sbucheranno dal nulla senza che ve ne accorgiate. Presenti anche alcuni bug che non segnalano le varie sottomissioni sulla mappa o incastreranno il vostro personaggio in situazioni piuttosto pericolose come nel caso di orde di zombie inferociti. Molto buona invece la colonna sonora.

State of Decay 2 screen 4
Un “more of the same” che gli appassionati apprezzeranno e anche i novizi ameranno per la mescolanza riuscita di generi diversi in un mix vincente. Peccato però per una realizzazione tecnica un po’ frettolosa che ripropone gli stessi problemi che affliggevano il gioco quasi cinque anni fa: speriamo in una patch correttiva quanto prima.

La recensione di State of Decay 2 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • buona mescolanza di generi
  • si crea una certa empatia con i vari personaggi
  • colonna sonora piacevole
Negativo
  • grafica vetusta
  • qualche bug di troppo da eliminare
8
Grande
Gameplay - 6.5
Grafica - 8.5
Longevità - 9
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>