Solarix Solarix – Recensione

Solarix è un survival horror psicologico per stessa definizione dei suoi creatori, ovvero i ragazzi di Pulsetense Games. Vestiremo infatti gli scomodi panni dell’unico sopravvissuto di un esperimento genetico andato piuttosto male, e dovremo quindi sopravvivere in una colonia totalmente impazzita e popolata da zombie tecnologicamente attrezzati e assetati di sangue.

La trama verrà narrata per tutto il titolo attraverso registrazioni sonore e email molto esplicite, che potremo visualizzare sui vari terminali sparsi per il gioco, assieme a incubi che avrà il nostro personaggio e renderanno la storia un po’ più chiara. Il tutto però risulta abbastanza banale e i pochi colpi di scena che si pareranno di fronte saranno tutti abbastanza scontati. Il gioco comincia con il nostro risveglio dal coma e ci troveremo in una stanza piena di armadietti di metallo, in cui una voce femminile ci chiederà di riattivare i generatori. Faremo così la conoscenza immediata dei controlli e ci potremo rendere conto che sono parecchio datati, un po’ come un gioco degli anni Novanta alla Thief.

Solarix_Screen7

Il gioco in totale durerà sulle sei ore, in cui dovremo anche risolvere piccoli puzzle che consistono tutti nel trovare una chiave per aprire una porta o riattivare un macchinario.

Solarix comunque dà certamente il meglio di sé nelle sezioni stealth, dato che gli scontri sono molto ma molto limitati poiché avrete una sola arma e con munizioni sempre ridotte all’osso.

Solarix è un “more of the same” di parecchi titoli visti nel passato, e quindi potrebbe subentrare un po’ di senso di dejavu se avete giocato ai titoli di Looking Glass, per esempio. Il gioco poi a volte non è chiarissimo negli obiettivi, che dovremo capire da soli. Il grado di sfida è comunque parecchio elevato, con ogni minimo errore che è punito con la morte del protagonista (preparatevi a passare a miglior vita molto spesso).

Solarix inoltre è privo di salvataggi manuali ma utilizza solo dei checkpoint. I checkpoint sono però posizionati in punti veramente scomodi e il tutto è aggravato dalla pessima intelligenza artificiale dei nemici, che girovagheranno senza meta nei corridoi senza alcun filo logico da seguire. I nemici, che sono tutti per lo più ex dipendenti della base in cui ci troviamo infettati dal morbo, sono attirati dal rumore o dalle fonti di luce. È necessario quindi spegnere tutte le luci nei vari corridoi, così come utilizzare la torcia con la massima parsimonia.

Solarix_Screen8

Capiterà però in maniera fastidiosa che per alcuni bug del gioco essi si incastreranno nelle porte o sulle casse, che dovrete spostare per risolvere gli enigmi e quindi sarà praticamente quasi impossibile procedere. Nelle sezioni all’aperto poi si notano dei vistosissimi cali di framerate, che ulteriormente inficeranno l’esperienza di gioco in maniera quasi esasperante. La cosa è parecchio strana anche perché il gioco utilizza l’Unreal Engine che non è mai troppo esoso in termini di richieste di hardware. Questo clone di Dead Space poteva essere qualcosa di piacevole, peccato che la realizzazione tecnica è stata abbastanza pessima. Il prezzo basso comunque potrebbe farvi dare un’occhiata al titolo, quantomeno per curiosità.

Informazioni su Stefano Mario 367 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*