Sekiro: Shadow Die Twice, il fascino dell’era Sengoku in salsa From Software – Recensione

From Software è sempre riuscita a sapersi distinguere da tantissimi suoi concorrenti nell’ambito dei giochi di ruolo, con prodotti del calibro di Demon’s Souls, Dark Souls e Bloodborne! Tuttavia il vero grande successo di questo piccolo studio nipponico, risiede nel genio autoriale del suo presidente Hidetaka Miyazaki, che con la sua visione e il suo tratto caratteristico, è riuscito a dare una personalità così forte alle sue opere da trasformarle in una sorta di genere a se stante.

Tuttavia, come sappiamo, autori e menti così brillanti, per cercare di realizzare sempre prodotti di altissimo livello qualitativo, hanno bisogno di mettersi in discussione, cercando di creare sempre qualcosa di nuovo. Se già con Bloodborne il buon Miyazaki, cercò di proporre qualcosa di completamente diverso dai titoli della serie Souls, con Sekiro: Shadow Die Twice,  l’autore decide di rivoluzionare l’intera struttura di gioco che ha reso celebre il suo studio, in favore di un titolo puramente Action e decisamente skill based!

Indice:

Sekiro Shadow Die Twice screen01

La storia di Lupo

In Sekiro: Shadows Die Twice, a differenza di ciò che accadeva con tutti i titoli della serie Souls e con Bloodborne, il protagonista è unico per tutti i giocatori! In questa incredibile avventura, vestiremo i panni di Lupo, uno Shinobi al servizio del giovane Lord Kuro: l’erede Divino!

Il nostro protagonista, avendo prestato giuramento al suo signore, seguendo il Codice Di Ferro degli Shinobi, appreso dal padre adottivo Gufo, potrà contare su un potere tanto formidabile quanto temibile, ossia il Potere Del Retaggio Del Drago.

Questo potere ci renderà immortali ai fini del gioco e ci permetterà di poter resuscitare durante una battaglia in caso di morte, tuttavia con il progredire delle morti (e credeteci sulla parola, quando vi diciamo che soprattutto nelle prime fasi di gioco, saranno veramente tante), tutti gli NPC si ammaleranno, con un male detto Mal del Drago.

Senza volervi rivelare troppo sulle vicende del gioco, il vostro scopo sarà quello di aiutare il vostro giovane signore a recidere questo potere malvagio una volta per tutte!

Sekiro: Shadows Die Twice

Nonostante la presenza di un personaggio unico, lo stile narrativo di Sekiro: Shadows Die Twice, è tipico dell’autore e delle precedenti produzioni della casa nipponica, con però qualche suggerimento in più sul come proseguire nel gioco, in riferimento alla storyline principale! L’autore pur cambiando genere, non rinuncia alla sua cifra stilistica e ad una narrazione fatta di silenzi, esplorazione e cura per i dettagli e l’ambientazione. Si tratta di uno dei principali fattori positivi di questa nuova produzione targata From Software, poiché riprende gran parte degli elementi distintivi e che hanno fatto la fortuna dello studio, incastrandoli perfettamente in un contesto del tutto nuovo.

Molto interessanti anche le sotto-trame relative ai numerosi NPC che incontreremo. Tuttavia, ci saremmo aspettati una varietà maggiore di scelte, ma soprattutto dei premi più interessanti relativi al completamento stesso delle loro quest.

La lama che danza

Sekiro: Shadow Die Twice  può vantare nel Combat System il suo principale punto di forza e di orgoglio! L’esperienza di gioco controller alla mano è una delle più piacevoli ed emozionanti, come non se ne vedevano da molti anni a questa parte. Per essere padroneggiato alla perfezione, il sistema di combattimento vi richiederà del tempo e tanta pazienza, al netto di moltissimi fallimenti, che non vi dovranno in alcun modo scoraggiare, ma anzi aiutarvi a capire dove sbagliate e a migliorarvi in ogni nuovo scontro. Il consiglio che ci teniamo fortemente a dare è quello di non approcciare a questo titolo come se fosse un Dark Souls o un Bloodborne!

Per sconfiggere i vostri avversari, quello che dovrete fare è colpirli ripetutamente, fino a decimare la Postura e finirli a seguire con un Colpo Mortale! Tuttavia vi accorgerete ben presto che questa operazione sarà qualcosa di tutt’altro che semplice… Ogni singolo nemico (se affrontato con leggerezza), sarà in grado di avere la meglio su di voi e uccidervi senza troppi complimenti, inoltre vista la differente tipologia di nemici che incontrerete sul vostro cammino, dovrete necessariamente studiare i vostri avversari e reagire prontamente ai loro colpi. In vostro aiuto per fortuna, oltre alla vostra fidata Kusabimaru, avrete a disposizione altre opzioni offensive: Una delle più importanti è sicuramente il Braccio Prostetico, che nel corso dell’avventura vi permetterà di utilizzare degli strumenti Shinobi sempre più efficaci e funzionali al Gameplay. Abbiamo i più tradizionali Shuriken, che spezzano l’azione di gioco tra un colpo di spada e l’altro, ma si passa facilmente ad un’ascia in grado di frantumare le protezioni nemiche, oppure ad una castagnola in grado di spaventare animali e bestie feroci! Lasceremo a voi il piacere di scoprire le numerose possibilità che questo incredibile braccio andrà a fornirvi durante gli scontri, ma al tempo stesso vi diciamo che la varietà nel Combat System è incredibilmente avanzata, grazie alla possibilità di poter apprendere dei veri e propri stili di lotta, suddivisi in arti di combattimento, arti marziali Shinobi e abilità latenti, senza contare l’utilizzo dei potentissimi Ninjutsu che, a seguito di un’esecuzione alle spalle di un nemico, vi forniranno dei vantaggi incredibili in battaglia.

Sekiro Shadow Die Twice screen03

Se vogliamo riassumere il Gameplay di Sekiro: Shadow Die Twice,  non facciamo fatica a definirlo come una “danza mortale” tra voi e i vostri nemici! Una danza vorticosa scandita a ritmo di parate, colpi inferti, deflessioni ed esecuzioni, il tutto accompagnato da una soddisfazione e un piacere immenso ad ogni vostro successo, che nessun’altro titolo è in grado di regalarvi in questa generazione. Se a questo aggiungiamo le riuscitissime sessioni stealth, che fanno un po’ da break a questo ritmo infernale tra uno scontro e l’altro, si intuisce come From Software sia riuscita a settare un nuovo standard, per quanto riguarda gli action games!

Comparto tecnico e direzione artistica

Dal punto di vista tecnico Sekiro: Shadows Die Twice, come da tradizione From Software,  zoppica in alcune riprese, con una telecamera per certi versi peggiore rispetto ai titoli sviluppati in passato, con alcuni scontri in aree ristrette, in cui risulta davvero poco gestibile e frustrante.  Come se non bastasse, qualche volta di troppo vi capiterà di perdere il target fissato sul nemico, quando il nostro personaggio si trova a saltare, oppure ad allontanarsi velocemente dall’area dello scontro e questo in un impianto di gioco così tecnico e fatto di calma, concentrazione e sangue freddo, sa un po’ di lieve nota stonata, in quella idilliaca “danza mortale” definita in precedenza!

Discorso diverso invece per il frame rate, che sulla nostra base installata (Playstation 4 Slim), salvo qualche sporadico calo verso la fine del gioco, gira sui 30 fps stabili.

Sekiro Shadow Die Twice screen04

Parlando di direzione artistica, From in passato ci ha sempre deliziato con ambientazioni mozzafiato e mappe interconnesse tra loro, con un level design da antologia e anche qui la casa nipponica ci regala un titolo artisticamente meraviglioso, con alcuni scenari che lasciano letteralmente senza fiato per la loro bellezza… Il mondo di gioco si lascia esplorare in ogni sua componente, ed è costruito con una cura ed un amore, che trasmettono nel giocatore una genuina e curiosa voglia di voler girare per le terre di Ashina, da capo a fondo. Una delle cose più belle che si possa fare è quella di ammirare gli incredibili scorci che il titolo offre e osservare a distanza luoghi precedentemente visitati, con quella sensazione di interconnessione tra le mappe tipica del lavoro autoriale del maestro!

Per l’ennesima volta, a fronte di alcune problematiche tecniche ed un comparto grafico non di primissimo livello, From Software riesce a stupire e a superarsi di nuovo, con un’estetica e una direzione artistica senza eguali!

L’importanza della rigiocabilità

From Software non è nuova ad offrire esperienze di gioco incredibilmente longeve e che regalano grandi sorprese, anche dopo essere giunti per la prima volta ai titoli di coda! Infatti anche in Sekiro: Shadow Die Twice ci sarà la possibilità di poter rigiocare l’intera avventura dal principio (nelle stesse modalità, in cui accadeva con Dark Souls III), conservando i progressi del playthrough precedente.

La possibilità di poter riaffrontare i vari boss e mid-boss con maggiore consapevolezza dei propri mezzi e dopo aver imparato per bene le meccaniche di gioco, insieme alla possibilità di vivere una conclusione alternativa dell’opera, rende il Nuovo Gioco + e successivi una componente fondamentale in quello che è il ciclo di vita del gioco a lungo termine!

Certo, rispetto ai lavori precedenti di Miyazaki, si sente quel pizzico di sfida in meno, ma la voglia di giocare e di arrivare ad un livello di completamento più alto possibile vi trascinerà a rigiocare il titolo più e più volte, con un piacevolissimo sorriso sul volto.

Sekiro Shadow Die Twice screen05

I finali di gioco da sbloccare sono ben 4 e richiederanno in ogni playthrough condizioni completamente diverse al relativo sblocco! Noi abbiamo impiegato circa 90 ore di gioco, per sbloccare tutti i finali e completare l’opera al 100%, eppure il titolo si lascia volentieri continuare a giocare, grazie ad uno spirito puramente ludico, privo di alcun tipo di pesantezza o noia, tipico di ogni videogioco che funziona alla grande sia nell’immediato, ma anche e soprattutto nel lungo periodo!

In definitiva Sekiro: Shadow Die Twice rappresenta indubbiamente una delle uscite più rappresentative di questa annata videoludica, che, al netto di qualche ingenuità tecnica, consacra uno studio come From Software nell’olimpo dei grandi di questa generazione. Un capolavoro autoriale e stilistico, capace di alzare di numerose lunghezze l’asticella qualitativa nel panorama dei videogiochi Action.

La recensione di Sekiro: Shadow Die Twice si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Sekiro: Shadow Die Twice
9.3 / 10 Recensione
Gameplay10
Grafica8.5
Longevità9.5
Pro
  • Combat System monumentale
  • Direzione artistica ispiratissima
  • Storia ricca di colpi di scena
  • Longevità alle stelle
  • Contro
  • Telecamera e target a volte ingestibili
  • Poca varietà nelle Quest secondarie
  • Informazioni su Antonio Amoroso (DevilGame) 4 Articoli
    Conosciuto principalmente come DevilGame sul web! Videogiocatore e sognatore da un tempo così immemore, da averne perse le origini. Percorso iniziato con i platform e i survival horror, a seguire i J-RPG, i souls-like, e via via esplorando tutto ciò che questo fantastico mondo ha da offrirgli! Le parole che non dimenticherà mai, sono quelle di un conoscente che gli disse: "Ho conosciuto in tutta la mia vita, ragazzini che riuscivano ad essere felici, con un pallone da calcio... A te invece quello che serve per esserlo, è con un videogioco. " Il resto è storia.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *