Scavengers – Provato l’early access

Scavengers04

Scavengers è un nuovo battle royale disponibile gratuitamente e in early access sull’Epic Store, la piattaforma di gioco di Epic Games.
Il gioco è sviluppato da Midwinter Entertainment, uno studio fondato da Josh Holmes, ex creative director di Halo e comprende nelle proprie fila anche sviluppatori che hanno messo mano ad altre serie importanti quali Battlefield e Call of Duty.

Essendo ancora in fase di sviluppo ci possiamo aspettare molti cambiamenti e migliorie, ma vediamo insieme cosa offre allo stato attuale Scavengers e come potrebbe andare a confrontarsi con altri giganti di questo genere che sta ormai spopolando da tempo.

Metti il maglione che fuori fa freddo

Scavengers è un battle royale in terza persona e come tale potete aspettarvi che i capisaldi del genere siano presenti in una qualche forma, per cominciare voglio quindi parlare di ciò che lo distingue.

Per vincere innanzitutto non è necessario eliminare tutte le altre squadre di giocatori, ma è necessario recarsi al punto di recupero dopo aver raccolto un numero di dati maggiore rispetto agli altri, più di una squadra può quindi riuscire a uscire sana e salva dalla partita, ma solamente una verrà incoronata vittoriosa.

I dati possono essere raccolti in diversi modi, ma prima di parlare di questo è necessario far presente che in Scavengers non troverete ad osteggiarvi solamente altri giocatori, ma anche un mucchio di personaggi controllati dalla CPU. Questi figuri spaziano al momento da bestie feroci, a uomini armati, fino a creature infette mostruose simili a demoni. La loro presenza riempie molto il mondo di gioco, in questo titolo vi troverete a sparare molto più spesso che in un tipico battle royale e per quanto mi riguarda questo è un ottimo punto a favore che rende l’esperienza di gioco più frizzante.
Questi bot sono posti in modo intelligente a difesa di risorse utili, affrontarli quindi non è solo piacevole ma anche utile a progredire verso la vittoria.

Tornando ai dati, possono essere raccolti in tre modi: minando le riserve che troverete sparse nella mappa, eliminando i bot che li dropperanno e infine eliminando altri giocatori per poi andare ad appropriarvi di quanto era in loro possesso.
Tre metodi molto semplici ma che spingono i giocatori all’azione.

Altra grossa distinzione tra Scavengers e gli altri battle royale sono gli elementi di sopravvivenza a cui bisogna fare attenzione. Non si tratta di niente di troppo complesso, ma queste dinamiche contribuiscono a immergere il giocatore in una terra che viene percepita selvaggia e pericolosa, ai confini del mondo.
Si tratta brevemente di dover gestire il freddo e la fame del nostro personaggio, come detto la questione non è gestita in modo difficile da comprendere e vi basterà non stare troppo a lungo lontani dai focolari per non morire assiderati e tenere d’occhio la barra della stamine del vostro personaggio in modo tale da fargli sgranocchiare qualcosa prima che sia troppo bassa da impedirgli di sgambettare e rotolare allegramente.

Gli spazzini

Come già visto in altri esponenti di questo genere, prima di entrare in partita dovremo scegliere un personaggio da utilizzare. Ognuno di essi è dotato di un potere speciale a cooldown e di un’arma personale da poter costruire durante la partita.

Appena inizierete a giocare avrete accesso a tre personaggi, un medico, uno più adatto al combattimento ravvicinato e un cecchino. I personaggi presenti in Scavengers al momento non sono molti, presentano una discreta varietà di playstyle ma personalmente li ho trovati fin troppo anonimi dal punto di vista estetico e della personalità.

Ogni scavenger ha inoltre a disposizione degli scudi che agiscono da protezione ai propri punti vita come abbiamo già visto in moltissimi altri shooter, primo fra tutti Halo. Questa protezione può essere migliorata man mano che la partita avanza e fa parte delle uniche due cose che è possibile costruire durante la partita assieme all’arma personale del personaggio.

Personalmente trovo questa meccanica interessante e mi auguro che con il tempo vengano introdotti maggiori oggetti costruibili durante la partita.

Grazie agli scudi e ad una riserva di punti vita piuttosto capiente i personaggi risultano comunque piuttosto resistenti per la media degli shooter, gli scontri a fuoco richiedono un po’ più di tempo, ma non per questi mancano di dinamismo e anzi spesso coinvolgono un po’ più tattica di quanto richiesto altrove.

Ogni giocatore ha inoltre a disposizione un respawn per ogni partita, questo da una chance in più di gioco e rende più rara la sensazione di aver buttato via 5 minuti di tempo per ritrovarsi con un pugno di mosche che è invece molto frequente in altri battle royale.

Aspetto tecnico

Parlando di grafica e audio il gioco non brilla affatto.

Il mondo di gioco è piuttosto piacevole alla vista e così anche i nemici che vi si incontrano, il problema grosso è costituito dalla scarsa personalità posta nell’estetica dei personaggi giocabili e dall’ottimizzazione che rasenta il disastroso.
Per un gioco con questo aspetto grafico infatti Scavengers non gira bene come ci si aspetterebbe e le impostazioni grafiche più basse rendono poco visibili i nemici, il ché come potrete immaginare è un gran problema.

Essendo in early access si può ancora sperare in un miglioramento, ma allo stato attuale la situazione non è affatto buona.

Per quanto riguarda l’audio non abbiamo grandi lodi da tessere ma nemmeno c’è grande infamia, Scavengers fa il minimo indispensabile senza sforzarsi di andare oltre e per il momento possiamo ritenerlo accettabile.
Certo suoni più caratteristici, soprattutto per i nemici più mostruosi, aiuterebbero molto a dare carattere e magari orientarsi meglio nell’ambiente, ma per il momento la situazione funziona senza creare alcun problema, solo non possiamo certo dire che ci si trovi davanti qualcosa di memorabile.

Oltre alla partita

All’infuori della partita vera e proprio Scavengers offre alcuni elementi interessanti che tuttavia rischiano di creare brutti effetti collaterali se non gestiti benissimo.

È infatti possibile ottenere valuta di gioco e risorse dalle partite, si può utilizzare il tutto per acquistare nuovi personaggi e onestamente non ho trovato il costo eccessivamente proibitivo anche se di certo non è neppure particolarmente basso, è anche possibile utilizzare queste risorse per costruire e potenziare l’equipaggiamento che poi andremo ad utilizzare durante le partite.

Per quanto possa essere interessante non ho potuto che storcere il naso all’idea che si possa avere equipaggiamento migliore a tavolino rispetto ad altri giocatori, viene un po’ meno l’idea di partenza dei battle royale in questo modo, ma per ora mi sento ancora di dare a Scavengers il beneficio del dubbio e continuare a tenere d’occhio dove si andrà a parare con questa dinamica. Certo è inevitabile sentire un po’ la puzza del pay to win, ma potrei anche essere completamente fuori strada.

Estrazione

Scavengers porta qualcosa di nuovo e fresco, potremmo dire persino gelido, nel panorama dei battle royale, le innovazioni si incastrano bene con gli elementi classici e le componenti di gameplay quali shooting e looting sono ben fatte e molto godibili. La presenza di bot rende le partite più vive e gli scontri a fuoco anche con i giocatori sono dinamici e interessanti anche grazie alla presenza degli scudi che rendono i personaggi più resistenti delle controparti di altri titoli.
Se i battle royale sono il vostro pane, date una chance a Scavengers, oltre ad essere divertente e unico è pure gratuito.

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 77 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*