Nintendo ha colpito ancora!

Amiibo skyward sword

È innegabile: alla casa di Kyoto sanno come introdurre innovazioni e stravolgere il mercato. Questo è quello che ci raccontiamo e ci sentiamo dire da decenni a questa parte. Ma siamo sicuri sai davvero così? Guardandomi indietro l’unica grande innovazione che riesco a riconoscergli negli ultimi 20 anni è l’essere riuscita ad entrare nelle case dei non videogiocatori con Wii e il suo discutibilissimo telecomando, talmente preciso da consentire all’utente pigro di giocare a tennis o a bowling anche da seduto e semplicemente agitando il pad come una banalissima maracas. Ma da allora? WiiU? Abbiamo visto che fine ha fatto, l’ho provata sulla mia pelle. Switch? Forse, anche se consentire di collegare una console portatile ad una televisione non mi sembra essere così rivoluzionario. E guardando i dati meno del 20% dell’utenza utilizza entrambe le configurazioni. Addirittura il 70% degli utenti utilizza per la quasi totalità del tempo la modalità docked.

Ma allora come mai si continua a dire che Nintendo sia una casa all’avanguardia e con idee sempre geniali? Semplice: perché accettare di spendere soldi ed avere meno di quello che offre la concorrenza farebbe troppo male all’utente medio. Pagare un online senza avere un servizio all’altezza delle concorrenti e per di più senza ricevere giochi non più vecchi di 30 anni? “E ma i loro titoli sono innovativi”. Potersi permettere un gioco di 2 generazioni fa senza pagarlo al prezzo del day one? “E ma sono esclusive loro e quindi o li prendi al loro prezzo oppure niente”. Emulare un gioco di 45 anni fa con un programma open source? No, devi pagarlo 5/10€ per giocarlo su un dispositivo Nintendo che sfrutta però lo stesso emulatore open source, ma con meno personalizzazione.

Innovazione sì, ma solo nel portare via soldi a i propri fan, io tra quelli. Ma a me andava bene anche tutto questo. Finché non dava il pretesto ad altre case di fare altrettanto continuando a giocare la carta dell’esclusiva, poteva benissimo continuare a vendere i propri giochi sovrapprezzati e io a giocarmeli anni dopo alle mie condizioni. Ma ora con la sua ultima trovata Nintendo ha passato decisamente il segno.

Sono ormai più di 5 anni che fra i suoi tentativi di fare soldi, Nintendo propone l’acquisto di Amiibo: action figure a tema che permettono di sbloccare nei rispettivi titoli degli extra, delle curiosità o delle skin. Un’idea tutto sommato carina, che permette al collezionista di avere un riconoscimento digitale per la propria statuetta oltre all’intrinseco valore della stessa. Sia chiaro, non si è mai trattato di nulla di speciale, al massimo di costumi particolari o accessori secondari e non indispensabili.

Ma oggi, quasi per caso mi sono imbattuto nel nuovo Amiibo di Zelda e il Solcanubi che uscirà con l’arrivo di The Legend of Zelda Skyward Sword HD. L’Amiibo in questione consentirà ESCLUSIVAMENTE all’utente proprietario di utilizzare il viaggio rapido e di conseguenza anche di poter salvare il gioco in ogni momento. Una funzionalità già presente nel titolo originale, rimossa dalla remastered e rivenduta alla modica cifra di 25€. VENTICINQUE EURO. Quindi, ricapitolando, un gioco di 2 generazioni fa con le texture leggermente migliorate a prezzo pieno (come se fosse mai sceso) e in più altri 25 dannatissimi Euro se per caso si volesse utilizzare il viaggio rapido. 25 Euro solo sulla carta, tra l’altro, perché come è già successo innumerevoli volte con altri Amiibo, ci sarà qualche scalper che farà razzia e li rivenderà a prezzi maggiorati online abusando della tiratura limitata. Ma va tutto bene, chi non può o vuole permetterseli si ritroverà semplicemente con un gioco menomato dall’avidità di una casa madre avida, sempre meno dalla parte degli utenti e sempre più da quella dei soldi.

La cosa che più di tutte mi fa incazzare è che la cosa è passata in sordina e nessuno si è lamentato. Bravi, indignatevi se il vostro titolo prenotato anni prima quando non avevate nemmeno il minimo straccio di informazione al lancio è diverso da come ve lo aspettavate. L’importante è non dire nulla quando Nintendo innova nuovamente il mercato lanciando il primo caso di FUNZIONALITÀ BASE A PAGAMENTO. Ne riparleremo tra qualche anno, quando Ubisoft annuncerà il suo nuovo Assassin’s Creed con la pausa disponibile solo tramite DLC separato.

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 5 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*