Rocksmith 2014 – Recensione

Rocksmith_2014, gamepare

Io non sono un musicista. Tuttavia, è stato Rocksmith 2014, il nuovo gioco musicale / chitarra di Ubisoft, che in realtà mi ha fatto sentire per un giorno un vero chitarrista.

Appena inizia Rocksmith 2014, vi chiede un paio di domande relative alla vostra abilità con la chitarra come “Hai mai giocato a Rocksmith prima?” e, “che tipo di stile (ritmo, piombo, basso) Vuoi mettere a utiulizzare? ”

Questo permette Rocksmith per saltare le lezioni che non sono necessarie al fine di concentrarsi sulle aree migliorare.

Rocksmith_2014_screen3

Questa è una grande idea e dovrebbe probabilmente essere integrato in esercitazioni di altri giochi di questo genere.
A partire dal livello di abilità ti dà un sacco di tutorial che coprono i principi fondamentali di suonare la chitarra, e intendo le basi reali.

Alcune delle prime cose che vengono insegnate sono come tenere la chitarra. Da lì, ti viene insegnato strumming di base e le tecniche della barretta, scale e progressioni di accordi, e così via. Come si continua con le lezioni, Rocksmith sarà facile iniziare a gettare le canzoni a vostro modo di vedere quali sono le competenze che avete interiorizzato.

Questo è ciò che è veramente brillante su Rocksmith 2014 ti insegna chitarra in modo intelligente. Se semplicemente seguite le istruzioni che vi vengono date potete affrontare le varie lezioni fino ad arrivare improvvisamente  in grado di riprodurre brani semplici da Green Day e The Foo Fighters.

Rocksmith_2014_screen7

Purtroppo, come ho detto prima, io non sono un musicista, e quindi la quantità di tempo limitato che ho avuto con Rocksmith solo mi ha permesso di aumentare le mie abilità di chitarra. Tuttavia, questo dimostra che non importa quanto sei bravo, si può sempre ottenere il meglio imparando da questo gioco.

Rocksmith 2014 non è davvero un gioco. Con pochi euro è possibile avere un vero e proprio corso di chitarra.

Non diventerò un musicista ma saprò suonare la chitarra.

Informazioni su Andrea R. 2009 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*