Follow
Gamepare > Home > Recensioni Indie > Recensione PS4 Indie > Remothered: Tormented Fathers – Recensione

Remothered: Tormented Fathers – Recensione

Indiscutibilmente, uno dei migliori survival horror degli ultimi anni. Nessuna esagerazione, ma una concreta e sincera definizione di Remothered: Tormented Fathers.
Nato dalla mente di Chris Darril, preusdonimo dell’italianissimo Mario Christopher Valenti, dopo un esordio su PC particolarmente apprezzato dalla critica, Remothered è sbarcato su PS4 e Xbox One.

Non solo un semplice survival horror, ma anche un thriller psicologico e un “nascondino” di sopravvivenza (ricordate le dinamiche di Outlast?).

Al centro della vicenda si sviluppa la storia di Rosemary Reed, una donna di 35 anni che indaga sulla scomparsa della piccola Celeste Felton. Armata di solo coraggio, e nient’altro, la donna (dalle fattezze che ricordano pesantemente Jodie Foster nel Silenzio degli Innocenti) si reca nella villa del padre di Celeste, Richard, un uomo molto instabile e dal passato oscuro. Per nulla collaborativo, il signor Felton si mostrerà un personaggio molto sospetto, costringendo Rosemary a cercare indizi all’interno della villa, ovviamente al calar della notte.

Dal punto di vista del gameplay, Remothered si caratterizza per la mancanza di armi offensive. La protagonista può solo nascondere e difenderrsi, utilizzando gli oggetti o per liberarsi dalle prese del signor Felton (oops, spoiler!) o per distrarlo, lanciandoli lontano per creare rumore.
L’intelligenza artificiale è reattiva e abbastanza “sveglia”, capace di mettere i giocatori alle strette e creando molta tensione. Piccolo difetto, a volte i nemici tendono a “teletrasportarsi”, apparendo in breve tempo su più piani della casa a velocità davvero impressionanti.
Il gioco si sviluppa anche dalla risoluzione degli enigmi, quasi mai imprescindibili e spesso localizzati alla mera esplorazione della stanza.
La furtività sarà sempre la principale cosa da fare, approfittando dei nascondigli che la villa offre.


La trama si evolve in maniera ricca di dettagli, legati tuttavia all’acquisizione dei documenti sparsi per i mobili e alla narrazione fluida e cinematografica.
I filmati e il doppiaggio sono in inglese, è vero, ma affidati a un team di doppiatori professionisti che ben hanno saputo caratterizzare i personaggi (il gioco è comunque sottotitolato in italiano). Si imparerà presto che la vicenda è molto più profonda di quanto sembri all’inizio. Il finale poi, lascia spazio a molti enigmi e risposte incomplete, che potrebbero trovare la verità solo nel secondo capitolo (ricordiamo che il progetto completo di Remothered sarà una trilogia)

Graficamente parlando, l’estetica di Remothered è tutto sommato ben curata. I giochi di luci ed ombre coprono i piccoli cali grafici e contribuiscono a generere tensione. Alcune animazioni però appaiono frettolose e poco curate, ma non fanno storcere il naso più di tanto. La costruzione della villa, e la sua presentazione sullo schermo, è comunque valida e dal sapore retro (chi ha detto Resident Evil?).
L’audio poi è sufficientemente buono, ma andava curato un attimino meglio. Con delle cuffie giuste, si potrà rabbrividire nel sentire i passi del nemico alle proprie spalle, salvo scoprire che magari si trova in un altra stanza…al piano di sopra…

Dal punto di vista della longevità, il gioco oscilla dalle tre alle sei ore di gioco totali, il tutto dipendente dalla livello di esplorazione che si vuole dedicare. A volte, soprattutto verso il finale, l’esplorazione sarà limitata a semplici momenti di trial and error, allungando la sfida proposta.

In conclusione, Remothered: Tormented Fathers si merita un voto decisamente positivo, con quel mezzo punto in più solo per essere un prodotto italiano finalmente di qualità.

Le piccole mancanze fanno storcere il naso, ma non troppo, e per il budget cui i siculi ragazzi di Stormind Games disponevano, risulta un prodotto di pregevole fattura. Un lavoro che trasuda amore appassionato per il genere horror, esteticamente e a livello narrativo.

La recensione di Remothered: Tormented Fathers si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.
Positivo
  • Trama avvolgente e appasionante
  • Un vero horror, senza esagerazioni ma con fine psicologia
  • Tensione palpabile grazie a nemici con un'IA ben sviluppata
  • Aree meravigliosamente rese a livello estetico
Negativo
  • Alcune animazioni sono un po' frettolose e non rese in maniera convincente
  • Suono decisamente migliorabile
  • Qualche bug qui e là
  • Un po' breve e rigiocabilità pressochè nulla
8
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 8
Longevità - 8
Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>