Red Dead Redemption 2, il selvaggio west non muore mai – Recensione

Red Dead Redemption 2 logo

Sparatorie, uccisioni epiche, assalti ai treni, cavalli da domare, animali da cacciare. Se queste sono le cose, assieme a tante altre, che cercate in un videogioco, Red Dead Redemption 2 è sicuramente il gioco che fa per voi.

Sviluppato e pubblicato da Rockstar Games ed è il prequel di RED DEAD REDEMPTION pubblicato nel 2010.

Nella prima settimana di uscita sono state stimate 17 milioni di copie vendute tra le copie fisiche del gioco e quelle digitali. È già considerato dalla critica e dall’utenza come un capolavoro della storia videoludica.

Si tratta il primo videogioco della sua generazione a necessitare l’uso di due dischi di installazione a causa del notevole spazio che i file occupano. È inutile dire che quelli della Rockstar sanno il fatto loro avendo alla spalle i kolossal della storica serie di GTA V che ha portato a casa record su record, quindi sanno bene cosa i videogiocatori vogliono vedere e fare nelle loro ore e ore di svago videludico.

Red Dead Redemption 2 Screen 3

Ambientato nel 1899, impersonificheremo un fuorilegge di nome Arthur Morgan in una trama ricca di dettagli e colpi di scena. Dopo un colpo finito male nella città di Blackwater, Dutch Van Der Linde e la sua gang sono obbligati a scappare verso le montagne ad Est per poter sfuggire alle forze dell’ordine. Combatteremo insieme alla nostra banda, ruberemo per la nostra banda, cacceremo per procurarci il cibo sia per noi che per la banda e ci dovremo anche sporcare la mani (furti, omicidi e fughe dalla legge) per la banda sentendoci alla fine parte di una grande e unica famiglia dove tutti si difendono a vicenda.

Red Dead Redemption 2 è sicuramente un gioco d’avventura e azione ambientato nel più stupendo e meraviglioso open world di tutti i tempi, ambientano nel vecchio West. Un mondo che reagirà e cambierà in base ai nostri atteggiamenti e comportamenti: potremo infatti decidere se comportarci bene (aiutando passanti e andando a caccia di altri fuorilegge) oppure male (uccidendo persone, rubando, assaltando treni e rubando cavalli e bestiame) e questo influenzerà il modo di fare degli NPC, che popolano l’intera mappa, che decideranno se aiutarci o ucciderci. Quindi, a voi la scelta!!!

Red Dead Redemption 2

Prima parlavamo di andare a caccia: ebbene sì, questa sarà una pratica molto importante da fare. Non servirà solo a procuraci il cibo visto che andando a caccia potremo scuoiare animali e la loro pelle (se presa in ottimo stato quindi senza troppi fori di proiettiliù) servirà per abbellire il nostro campo e per costruire nuovi oggetti. Inoltre ci saranno animali leggendari nascosti nella mappa che una volta uccisi ci daranno oggetti unici; andateci però ben armati se non volete finire male! Inoltre ritroviamo il Dead Eye, preso dai predecessori Red Dead Redemption 2, ora con 5 livelli di potenza e una ruota tra oggetti e armi vastissima e potremmo anche ampiarla con la bisaccia che sarà sempre sul nostro destriero.

I comandi di gioco sfruttano tutti i tasti del pad cambiando in base alla situazione in cui si è in quel momento, se devo dirla tutta non in modo perfetto, perché tra il movimento della levetta analogica sinistra (che si occupa dei movimenti) e il movimento effettivo del personaggio passano addirittura 2 secondi: i comandi non sono quindi molto reattivi ma dopo pochi minuti ci si fa l’abitudine.

Red Dead Redemption 2 Screen 7

Tutto però passa in secondo piano se ci si ferma a guardare il paesaggio mozzafiato e ad ascoltare la colonna sonora, (192 tracce di soundtrack), parte fondamentale di questo gioco che entra a gamba tesa nel gamplay sempre nel momento giusto, regalando momenti da vera pelle d’oca. Senza parlare poi dell’interazione con il proprio cavallo: dovremo infatti prendercene cura nutrendolo e strigliandolo, e facendogli i complimenti in modo da stringere una sorta di fedeltà con cui otterremo diversi vantaggi.

Oltre a rapine, crimini di ogni genere, e caccia e pesca, Red Dead Redemption 2 offre, nascosti nella sua mastodontica mappa, una serie di Easter Egg piuttosto macabri. Troveremo infatti riti satanici, ritrovi del KKK, luoghi e persone con riferimenti a film dell’orrore, tesori nascosti e molto altro che vanno così a comporre una mappa unica nel suo genere.

Potrei stare qui a parlarvi per ore di questo capolavoro che ha scritto una pagina importante nel mondo dei videogiochi e di cui sentiremo parlare per molto molto tempo, ma non vorrei spoilerarvi nulla, quindi consiglio a tutti di finire almeno la storia che comporta all’incirca 70 ore di gioco, che diventano molte di più se si vogliono completare le missioni secondarie e aiutare tutti gli NPC che troveremo sul vostro cammino.

Red Dead Redemption 2 Screen 5

Un capitolo quindi che ha delle potenzialità enormi e che sfrutta al massimo il motore grafico regalandoci emozioni che difficilmente dimenticheremo, come il realismo nell’ambientazione che ci circonda, nei personaggi e sopratutto negli animali che a volte sembreranno veri, visto che vedremo addirittura le vene e i tessuti muscolari muoversi! Purtroppo però c’è anche un “ma”, perché se da una parte è bello il realismo, dall’altra parte il troppo stroppia: intendo dire che la mappa è veramente enorme e i cavalli (o almeno buona parte di essi) non sono troppo veloci, soprattutto se governate delle carovane. Ci troveremo quindi a cavalcare per diversi minuti  (quindi per PS4  a tenere solo premuto X senza fare niente) per raggiungere il punto che ci interessa, in modo decisamente monotono.

E per finire prendete tutto quello che vi ho appena detto e pensatelo in multiplayer. Ebbene sì, perchè proprio in questi giorni è uscita la beta dell’online di Red Dead Redemption 2 dove si è potuto “provare” (visto che era solo una beta e non l’online vero e proprio) il multiplayer ed è davvero una cosa fantastica. Il solo pensiero di vivere con i propri amici le rapine ai treni, i furti, le lotte tra le varie bande, la caccia alle taglie e il solo andare a caccia o a pesca per fare delle piccole gare tra di noi, non ha prezzo. Passerete ore a ridere come matti sentendovi parte di un gioco che vi invaderà come se foste in JUMANJI, complici sia la grafica stupenda che la colonna sonora da oscar.

La recensione di Red Dead Redemption 2 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Red Dead Redemption 2

9.3

Gameplay

9.5/10

Grafica

9.0/10

Longevità

9.5/10

Good

  • Ottima la storia
  • Grafica realistica
  • Musiche da oscar

Bad

  • Comandi un po' troppo lenti
  • Realismo a volte troppo eccessivo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*