Gamepare > Home > News > PEGI non è un opinione ma un obbligo

PEGI non è un opinione ma un obbligo

Molte volte guardando un videogioco sulla confezione leggiamo la scritta PEGI 16, ma questa sigla a cosa corrisponde?

Prima di tutto facciamo chiarezza, la Pan European Game Information, denominata con l’acronimo PEGI, è un ente Europeo che classifica i giochi in base al suo contenuto.

PEGI, Gamepare

Queste classificazioni sono a scopo informativo e consentono di guidare un genitore al giusto acquisto di un videogioco.

Questo articolo è nato per questo aneddoto:

Per caso l’altro giorno ho assistito ad una scena in una grande catena di distribuzione, dove un bambino che aveva più o meno 12 o 13 anni, stava scegliendo un gioco dallo scaffale. Ad un certo punto la madre gli dice:  <<scegli quello che costa meno>>. Il bambino stava scegliendo con molta calma un titolo che gli poteva interessare, quando la madre si gira prende GTA IV e gli dice: <<prendi questo che costa poco>>. Il bimbo lo guarda si gira verso la mamma e dice: <<Ma questo non posso prenderlo c’è scritto 18 anni>>, e la madre <<Non importa costa poco>>.

Non sono qui a sentenziare, ma ci sono cose che non si possono accettare, anche sui videogames ci sono delle regole da rispettare.

La Pan European Game Information, in collaborazione con molti psicologi ed esperti del settore, sottopone i giochi ad una vera e propria analisi, questo perché l’esposizione prolungata a violenza per i ragazzi al di sotto dei 16 anni, può provocare danni psicologici.

Molti di voi diranno, si ma io ai tempi a 12 anni giocavo a Doom, ed ora sono l’uomo più tranquillo del mondo.

Si, questo è vero, però non tutti siamo uguali di fronte a forti emozioni e violenza. Per questo prevenire è meglio che curare.

I videogames stanno diventando sempre più realistici, e sopratutto a volte richiamano la vita reale, se è scritto PEGI 18 un motivo ci sarà.

Se vuoi approfondire l’argomento visita il sito di PEGI

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>