Overcooked – Recensione

Team17, la compagnia Britannica indipendente degli anni ’90, partita con la creazione di videogames per Amiga e poi su PC, continua a sfornare videogames di grande qualità.
Sicuramente il videogioco più conosciuto è la serie Worms, il cui primo capitolo fu rilasciato nel 1995 e successivamente portato ai giorni nostri con l’ultimo titolo Worms W.M.D.

Nel mese di Ottobre 2016 viene rilasciato Overcooked, un titolo di Ghost Town Games, in cui Team17 avrebbe il solo ruolo di publisher, ma ha in realtà dato il suo contributo anche allo sviluppo.
Questa recensione di Overcooked si baserà inizialmente sulle caratteristiche primarie del gioco per poi proseguire al gameplay.

Il titolo è disponibile per le piattaforme PC, PlayStation 4 e Xbox One. Il gameplay è strutturato in co-op locale per un massimo di 4 giocatori: chi avesse comprato 4 Gamepad, magari per altri giochi Fifa, li sfrutterà tutti per far giocare 4 giocatori in contemporanea.
Overcooked si basa principalmente sulla collaborazione dei giocatori, infatti è possibile giocare da soli utilizzando il Gamepad suddividendo i tasti per controllare in contemporanea 2 cuochi, oppure in compagnia con più Gamepad.

Passa la cipolla, taglia il pomodoro e cuoci il fungo

Il regno delle cipolle è minacciato da un enorme polpetta con braccia di spaghetti, chiamata “La Belva” e solo la miglior cucina potrà sfamare il suo appetito. Il gameplay di Overcooked parte con una breve fase tra tutorial e inizio gioco. Ci troviamo infatti in una cucina ed il nostro obiettivo è quello di sfamare la gigante polpetta ma ben presto scopriremo di non saper cucinare granché è verremo spediti indietro nel tempo per le cucine in giro per il mondo.

Inzia così l’avventura a bordo di un camioncino dove ci sposteremo di cucina in cucina per imparare nuovi piatti. Overcooked è abbastanza semplice da imparare, e mano a mano scopriremo che la miglior tecnica per vincere è la collaborazione. Infatti è necessario comunicare verbalmente con le persone reali al tuo fianco per poter portare a termine il gioco con successo.
Questo gioco riprende le dinamiche delle grandi cucine, e senza collaborazione non riusciremo a far uscire neanche un piatto dalla nostra cucina.

Il titolo è strutturato a livelli, e ognungo di questi corrisponde ad una diversa cucina, queste location portano con sè nuove ricette, disastri naturali che possono impattare sul nostro operato oppure animali o persone invasive. Il livello deve essere completato in un tempo stabilito. Durante la nostra partita verranno esposte in alto a sinistra delle ricette che dovremo preparare; se quei piatti verranno completati e portati fuori dalla cucina verrà corrisposta una mancia e quel quantitativo di denaro andrà a sommarsi alla quota finale. Ma attenzione: se sbaglierete un piatto o mancherete una ricetta verranno decurtate delle monete e questo causerà la perdita del livello. Al completamento di ogni livello verranno calcolate le performance in base alla velocità e qualità dei piatti che sono usciti dalla cucina.

Le monete accumulate saranno strumento indicativo per assegnare delle stelle fino ad un massimo di 3 per procedere con il livello successivo, e in base alle stelle acquisite verranno sbloccati livelli o personaggi aggiuntivi.

Il fungo non l’ho tagliato bene

Overcooked, dal punto di vista grafico ha un level design ben definito con personaggi a mezzo busto che richiamano gli stili dei cartoni animati. Il motore principale di gioco è Unity, e ciò ha aiutato gli sviluppatori a creare una grafica lineare. Il sonoro è armonico e adeguato al gioco, contribuendo spesso a creare momenti di forte stress per finalizzare un piatto ancora mancante.
Una nota dolente è l’assenza di un multiplayer online, ma speriamo che nelle prossime versioni venga inserito. Le sfide da affrontare non cambiano se si gioca da soli oppure in compagnia, rendendo quindi il gioco più difficile se si decide di affrontare la campagna da soli, mentre se si gioca in compagnia i livelli di Overcooked risulteranno più facili e veloci.

 

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.