Nasce la prima edizione dell’Italian Video Game Awards, che eredita iconica statuetta del Drago D’Oro

Italian Video Game Awards

Cresce l’attesa in vista della prima edizione dell’Italian Video Game Awards, l’appuntamento annuale promosso da AESVI – l’associazione che rappresenta il settore dei videogiochi in Italia – che raccoglie l’eredità del Premio Drago D’Oro. L’evento di quest’anno si terrà il 14 Marzo 2018 presso il Teatro Vetra a Milano acquisendo un’allure più da notte degli Oscar rispetto al passato. Sono previsti un vero e proprio red carpet con ospiti nazionali e internazionali e la diretta streaming per tutti i fan che vorranno seguire l’evento. L’iconica statuetta del Drago D’Oro rimarrà il simbolo forte dell’evento, come elemento di continuità con le scorse edizioni del premio.

E da oggi le discussioni degli appassionati si arricchiscono di nuovi elementi grazie all’annuncio delle nomination ufficiali da parte dell’Associazione. La Giuria guidata dal giornalista del Corriere della Sera Federico Cella e composta da nomi di spicco del settore in Italia, giornalisti rappresentanti delle principali testate italiane ed esperti della stampa specializzata, ha definito le candidature per le diverse categorie di premi e identificato i titoli che si contenderanno le ambite statuette. Per il premio “Game of the Year” sono in gara 10 dei principali titoli protagonisti del 2017: The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Mario + Rabbids Kingdom Battle, Super Mario Odyssey, Nier: Automata, What Remains of Edith Finch, Wolfenstein II: The New Colossus, Assassin’s Creed: Origins, Horizon: Zero Dawn, Resident Evil 7 e Persona 5.

Quest’anno sarà inoltre introdotta la nuova categoria “eSports Game of the Year”, che vedrà competere pesi massimi come League of Legends, Overwatch, Dota 2, Counterstrike: Global Offensive e Tom Clancy’s Rainbow Six Siege. Altra novità di questa edizione del premio la categoria “Game Beyond Entertainment” che premierà il titolo meglio in grado di coinvolgere, raccontare ed emozionare i videogiocatori. La sfida sarà tra capolavori del genere come Hellblade, What Remains of Edith Finch, Last Day of June, Life is strange: Before the storm e Bury me, my Love.

Per quanto riguarda le produzioni “made in Italy”, sono state infine annunciate le nomination per i due premi che saranno assegnati durante la serata: “Best Italian Game” e “Best Italian Debut Game”. A competere per la prima categoria ci saranno Don’t Make Love, Father.io, forma.8, Last Day of June e Mario + Rabbids Kingdom Battle. I nominati come migliori debuttanti sono Downward, Father.io, GRIDD: Retroenhanced, Laika2.0 e The Wardrobe.

L’appuntamento con la notte degli Italian Video Game Awards prenderà il via il 14 Marzo alle ore 19:00 e sarà un’occasione unica per celebrare il valore culturale e artistico del videogioco. Importanti ospiti nazionali e internazionali che si alterneranno sul palco per raccontare le loro esperienze e animare la serata, condotta da Rocco Tanica e Lucilla Agosti.

GameStop, la più importante catena mondiale specializzata nella vendita del videogioco, è il Partner Retail dell’Italian Video Game Awards. Da oggi e sino al 14 Marzo attiverà, su tutti i suoi 380 negozi della catena, importanti offerte promozionali dedicate a tutti i 25 titoli in nomination per il premio “People’s Choice”. Premio che viene assegnato dai videogiocatori italiani al titolo che li ha più appassionati durante l’anno. Radio 105, già radio ufficiale di Milan Games Week, è la Radio Ufficiale dell’evento e nel corso della serata Daniele Battaglia premierà il vincitore della categoria eSports con il “Radio 105 eSports Game of the Year”. Infine, ACER, una delle aziende ICT leader al mondo, premierà con un PC Predator Triton 700, uno dei notebook più performanti della gamma Predator, il miglior debuttante italiano.

La lista completa delle nomination per gli Italian Video Game Awards è consultabile sul sito ufficiale della manifestazione, aggiornato in tempo reale con ogni novità sull’evento: www.italianvideogameawards.com.

Informazioni su Andrea R. 1984 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*