Minimax Tinyverse – Recensione

Minimax Tinyverse è uno strategico in tempo reale (RTS) sviluppato ed edito da Nimble Neuron e O’olBlue Inc., free to play e giocabile in cross platform su Steam e dispositivi iOS e Android.

Si tratta di un interessante ibrido fra uno strategico e un MOBA, in cui fronteggeremo avversari in sfide 1 contro 1. Ciò che lo distingue è la velocità delle partite e lo stile particolare e giocoso con cui è caratterizzato.

Indice:

La guerra più piccina

Il gioco ci dà il benvenuto con una simpatica cutscene per poi introdurci al mondo di gioco a cui andremo a prendere parte. In questo mondo esistono i Mini, piccole creature dal cuore battagliero divise in due fazioni, e i Max, i semplici umani interpretati dai giocatori che possono interagire coi Mini e influenzarne le battaglie.

Andremo quindi a scegliere con quale fazione schierarci, la scelta non è vincolante ma le risorse che otterremo giocando per una fazione non possono essere utilizzate per acquistare i potenziamenti per l’altra e viceversa.

Le due fazioni si distinguono parecchio per stile grafico, ma si possono trovare elementi di gameplay simili che tuttavia vengono implementati con carattere diverso fra le due popolazioni, mettendo in risalto lo stile e i punti di forza che le distinguono.

Aillai è un popolo cavalleresco, caratterizzato da uno stile medioevale che vede armi e armature tipiche del fantasy più tradizionale, amano il giorno e la luce e combattono a viso aperto gli avversari puntando la propria vittoria sulla forza e il coraggio. Il valore che promuovono è la civiltà e la lealtà.

Creaea è un clan popolato da animali di forma antropomorfa, hanno uno stile e una civiltà tribali, con armi e armature decorate da piume e fogliame. Il loro momento preferito è la notte e si affidano a tattiche di guerriglia, sotterfugio e inganno per prevalere. Il valore che promuovono è la libertà.

La lore del mondo non è però espansa gran che oltre la presentazione iniziale e non sembra essere un punto di forza per il gioco, che tuttavia sfrutta bene il suo contesto originale per avere un carattere unico e definito.

Gameplay

Scelta la fazione che preferiamo si entra nel vivo del gameplay.

Il gioco si svolge in partite uno contro uno, si costruisce un proprio esercito scegliendo fra le unità a disposizione alla propria fazione, si sceglie un campione per guidare le nostre truppe e si sceglie un set di abilità con cui poter influenzare l’andamento della partita.
Fatto ciò si entra nella mischia, il tabellone di gioco è semplice, ma presenta a suo modo una certa profondità.
Un giocatore vedrà le proprie unità partire dalla parte più a sinistra mentre quelle dell’avversario partiranno dall’area più a destra, le truppe cammineranno lungo un percorso che prevede svolte, salite, discese e due torre difensive per squadra, non dissimili da quelle che siamo abituati a trovare nei vari MOBA, per poi raggiungere la base avversaria e provare ad abbattere anche quella.

Il proprio campione entra in gioco automaticamente dopo poco tempo dall’inizio della partita, ma per le altre unità saremo noi a scegliere chi mettere in campo e far avanzare, facendolo però andremo a spendere una risorsa adibita proprio a questo scopo, in questo modo possiamo scegliere cosa vogliamo avere in campo in base alla situazione, ma non potremo schierare unità all’infinito.
Le unità possono essere schierate lungo il percorso principale e in principio è bene fare così, ma possono essere schierate anche lungo la “corsia laterale” con la quale raggiungere le aree più distanti della mappa in modo più rapido.

La partita dura un massimo di 4 minuti e per evitare pareggi ogni obiettivo abbattuto vale dei punti. Allo scadere del tempo il giocatore con più punti vince la partita.
Durante la partita si susseguono cicli di notte e giorno, ogni 30 secondi si cambia da l’uno all’altra. Durante il giorno le truppe dello schieramento Aillai saranno più forti, mentre durante la notte saranno migliori le truppe di Creaea. I giocatori devono quindi tenere presente di questi cicli e cercare di sfruttarli a proprio vantaggio, giocando aggressivamente o difensivamente a seconda delle occasioni.

Il gameplay quindi è piuttosto semplice da comprendere e mettere in atto, ma presenta una certa profondità di gioco grazie a numerosi fattori.
In primis la variabile del campione, non è strutturato e profondo come quelli di un MOBA vero e proprio, ma dà il suo tocco personale allo schieramento. Allo stesso modo abbiamo le abilità disponibili al giocatore, da nubi di gas per danneggiare i nemici, a energie guaritrici per salvaguardare le proprie truppe, fino a muri di pastelli a cera per bloccare percorsi importanti. Personalizzare il proprio stile di battaglia è molto interessante e lascia spazio alla creatività, purtroppo essendo un f2p questi elementi richiedono un certo tempo per essere ottenuti, in parte è però un bene perché questo ci permette di familiarizzare con tutti gli elementi del gioco un po’ per volta.

Aspetto tecnico

Passando al comparto grafico, il gioco non è una meraviglia tecnologica, ma ha carattere e si distingue in modo unico e particolare.
Non tanto per i personaggi, che in realtà risultano piuttosto blandi e generici, campioni compresi, ma nel come sono rese le abilità a disposizione del giocatore e la mappa stessa.
Come abbiamo detto all’inizio stiamo infatti “supervisionando” battaglie fra popoli di creature piccole che non ci notano ne vedono, siamo quindi come delle potenti forze divine superiori per la loro prospettiva, ma il modo con cui il giocatore interviene è specchio di un aspetto molto giocoso della questione.
Le mani giganti che andranno a compiere le nostre azioni si muniranno infatti degli oggetti più semplici o buffi che possiamo trovare nel nostro quotidiano, con un fiammifero si andrà ad accendere il muro di fuoco, con le bolle di sapone proteggeremo le nostre truppe, con i pastelli faremo delle barricate e con una lampadina porteremo il giorno a prevalere sulla notte.
Gli effetti sono buffi e molto colorati, danno davvero un carattere unico al titolo.

Purtroppo il comparto sonoro è invece generico e non presenta elementi particolari o degni di menzione, si limita al minimo e non è affatto memorabile.

Il gioco come detto è crossplatform PC e smartphone, ma i comandi del primo sono decisamente superiori al secondo. Tuttavia forse Minimax Tinyverse funziona meglio come passatempo da cellulare.

Abbiamo però un problema per quanto riguarda la connettività con altri giocatori, purtroppo la playerbase non è vastissima, si finisce fin troppo spesso a giocare contro coreani e la connessione va per fragole molto facilmente, facendo si che le partite risultino in stalli con barre della vita a punteggio negativo, con nessuno dei giocatori che avanza fino a che qualcosa di inspiegabile non sblocca la situazione e il fortunato che si trova a pressare in quel momento vince.
Veramente un aspetto pessimo che rende tutta l’esperienza di gioco molto inferiore a quanto potrebbe essere se tutto funzionasse a modo.

Anche quando si gioca contro giocatori non così distanti nel globo la connessione è comunque instabile, complice il fatto che molti giocatori utilizzino probabilmente la non ottima connessione del proprio telefono per giocare.

Il titolo può quindi risultare un simpatico passatempo, ma purtroppo non riesce a ritagliarsi una nicchia più massiccia a causa della grossa semplicità(che però è anche un punto di forza) e dell’instabilità delle partite dovuta alle connessioni telefoniche e al matchmaking balordo.

Conclusione

Minimax Tinyverse è un titolo interessante e particolare che forse però fatica a ritagliarsi una vera nicchia nel tentativo di fare cose un po’ per tutti i palati, ma che non arrivano al cuore di nessuno.
Un gran punto di forza è nello stile con cui il gioco è presentato, ma purtroppo la trama non è affatto sviluppata lasciando tutto questo un abbozzo e una parentesi solamente estetica.
Purtroppo presenta grossi problemi di connessione, complice il fatto che sia giocabile anche su smartphone, senza i quali il titolo sarebbe notevolmente superiore.

Minimax Tinyverse
5.8 / 10 Recensione
Gameplay5.5
Grafica7
Longevità5
Pro
  • Stile unico e accattivante
  • Partite veloci
  • Intuitivo e semplice da imparare
  • Contro
  • Connessioni tremende all'ordine del giorno
  • Lore e ambientazione poco sviluppata
  • Character design non particolarmente ispirato
  • Riepilogo
    Buon passatempo che potrebbe essere di più ma fallisce a causa di alcuni problemi chiave.

    Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 68 Articoli
    Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *