La nostra prova della beta di Gran Turismo Sport

Gran Turismo Sport

Durante lo scorso weekend di Pasqua ha preso il via la beta a numero chiuso di Gran Turismo Sport.
Studiata soprattutto per mettere alla prova i server, il programma ufficiale di gare è stato organizzato al fine di ospitare più giocatori online possibili, la beta si indirizza specificatamente alla competizione online a 18 giocatori. Al fine di ottimizzare il tutto, gli orari delle corse si sviluppano con due differenziazioni: partendo dal pomeriggio nei weekend e concentrate nella sera durante la settimana.

Tramite la modalità Sport, l’unica disponibile per ora, è possibile sfidare altri giocatori online nei pochi tracciati presenti.
Prima di partecipare a un evento di gara si avranno 15 minuti di tempo per sistemare le impostazioni e provare il tracciato, registrando al tempo stesso i tempi di qualifica utili a definire la griglia di partenza. Non è necessario passare da questa trafila, poiché l’abbinamento tra giocatori non va a considerare minimamente le abilità di questi ultimi, buttandoli tutti nello stesso calderone. Chiaro quindi che l’interesse di Polyphony Digital e Sony sia stato quello di carpire il più ampio ventaglio di feedback possibili. Poco importa se al Nürburgring ballino quasi tre minuti tra il primo classificato e l’ultimo…

Quotidianamente si potrà poi ottenere un veicolo omaggio, semplicemente completando la sfida giornaliera “maratona”. Basta infatti coprire almeno 42km complessivi per ricevere un bolide nuovo fiammante pronto all’utilizzo (la domenica di Pasqua, ad esempio, l’auto in regalo è stata la Ferrari 458).

Dal punto di vista dei comandi e del gameplay, Gran Turismo Sport non ha bisogno di portare grandi novità. Sfruttando molto bene le potenzialità offerte da PlayStation 4, prende quanto di buono fatto dai precedenti titoli, facendo quell’obbligato step in più che le consolle next-gen impongono. Definire però Gran Turismo Sport una semplice versione potenziata di Gran Turismo, sarebbe una generalizzazione sbagliata.
I tracciati sono curati in ogni singolo dettaglio e ben sviluppati anche nella fisica. Le auto rispondono alle sollecitazioni della pista, e un pilota inesperto o disattento si ritroverà spesso a fare un’escursione sull’erba. Non si tratta di un gioco rivolto a tutti i giocatori, le piste richiedono un approccio tecnico nell’affrontarle, data anche la fedele conformità delle curve o delle pendenze. Non una novità considerata la maniacale cura dei tracciati, da sempre un must della serie.
Graficamente, Gran Turismo Sport ha poco da invidiare ai suoi principali concorrenti. Pur trattandosi di una beta (quindi aperta ancora a molti miglioramenti), la cura dei dettagli è già molto soddisfacente. Le foglie degli alberi si spostano al passaggio delle vetture, il sole acceca se osservato direttamente (soprattutto al tramonto) e i tecnici di pista, un tempo piatti cartonati ai lati della pista, ora hanno uno scopo. Strappa un sorriso, infatti, vedere sventolare bandiera gialla in caso di uscita di pista.

Questa beta non è altro che un piccolo antipasto, un gustoso assaggio delle potenzialità che Gran Turismo Sport potrà offrire, specialmente se fatto girare su PlayStation 4 Pro. I recenti titoli concorrenti, come Forza Motorsport, hanno costretto Polyphony Digital e Sony a non sedersi sugli allori.
Gran Turismo Sport non va ad intaccare la tradizione che contraddistingue il “real driving simulator”, fedele ai suoi punti di forza ma sfruttando al tempo stesso le potenzialità che le console next-gen offrono.
Nonostante i numerosi cambi di data, l’uscita del gioco al momento è prevista per Ottobre 2017. Per maggiori informazioni http://www.gran-turismo.com/it/products/gtsport/

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 155 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*