Gamepare > Home > Radical Chic Gaming > Console > Horror: Genere in decadenza?

Horror: Genere in decadenza?

Trovandoci nell’annuale periodo a tema Halloween, oltre ai film, e al tenere la lucetta accesa di notte, è lecito pensare a titoli della nostra amata decima arte rappresentanti l’orrore.

Per gli affezionati di vecchia data è d’obbligo ricordare con malinconia saghe capostipiti del genere come Resident Evil, Silent Hill, Alone in the Dark e via discorrendo, e capiremo il perché in questo nuovo articolo della rubrica Gaming Radical Chic mettendo a confronto alcune pecche strutturali degli horror odierni con le caratteristiche di alcuni antenati appena citati, parlando soprattutto della distinzione tra paura e spavento.

Resident evil 1996
Resident Evil – 1996

La paura è lo stato ansiogeno che proviamo quando siamo in pericolo ed è proprio ciò che sentivamo davanti al tubo catodico giocando Silent Hill, impauriti a primo acchito già dall’immersione nell’ambiente nebbioso e cupo, sensazione che aumentava esponenzialmente alla vista delle creature sfornate dalla silenziosa cittadina, tenendo conto della componente survival, il tutto incentivato dal voler svelare il mistero di Harry Mason. Non male per un videogioco del 1999!

Welcome to Silent Hill
Welcome to Silent Hill

Lo spavento invece è la reazione emotiva di fronte al pericolo ed è proprio ciò che si prova davanti ad uno jumpscare (salto di paura a seguito di una scena improvvisa che va poi ad affievolirsi), definito sia da cultori del cinema che del videogioco, un metodo pigro e passivo per fare horror, caratteristica abusatissima da molti indie games e tripla A usciti nell’ultimo lustro.

Bisogna ammettere che i primi jumpscares videoludici risalgono al primo Resident Evil, ma in questo caso sono stati inseriti con parsimonia e senza mai cadere nel banale portando i puristi del genere ad amare la saga per i primi anni, ed ad abbandonarla in seguito, vista la piega action presa da Capcom.

Five Night's at Freddys
Five Night’s at Freddys

L’horror è un genere diventato quasi totalmente autocitazionista, dove è più facile farsi una risata cadendo nei cliché piuttosto che sentire la famosa ansietta costante, e dovrebbe rinnovarsi portando originalità per risalire dalla monotonia. Il ricordo dell’inquietante Shadow Island in Alone in the Dark : The New Nightmare resterà impressa a chiunque lo abbia giocato nei tempi che furono, mentre le scenette ripetute allo stremo, destinate a finire nel dimenticatoio dei ricordi di un gamer, sono ideali per sessioni mordi e fuggi ma sconsigliate per chi vuole immedesimarsi al 100% nel personaggio principale.

Per adesso la domanda resta la stessa: “L’horror è un genere in decadenza?” Fateci sapere la vostra opinione nei commenti, e infine come rivoluzionereste voi questa categoria?

Scritto da
Appassionato del mondo videoludico sin dai tempi "denti da latte", da 5 anni gestisco il mio gruppo Whatsapp "The Hardcore Gamers" and get ready for the next battle!

Dite la vostra!

6 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>