Hidden Gems annunciate alla Gamescom 2021

Premessa: se cercate notizie sui tripla A o sui titoli più chiacchierati sappiate che non siete nel posto giusto. Qui, come nell’articolo che feci qualche mese fa in occasione dell’E3, troverete solo i titoli che meno sono stati sotto i riflettori. Quindi accomodatevi e godetevi questo elenco sparso di titoli che secondo me avrebbero meritato più risalto.

Nobody Saves The World è un titolo  GDR action con visuale dall’alto dei creatori di Guacamelee. In arrivo nei primi del 2022, è visivamente molto accattivante, colorato  ed estremamente cartoonesco. La feature principale è rappresentata dalla possibilità di trasformarsi in creature ed entità diverse (tra le più disparate ricordo un uovo e uno slime). Fin qui niente di particolarmente originale se non fosse che abbiamo la possibilità di combinare a nostro piacimento le abilità e caratteristiche delle nostre trasformazioni ottenendo ad esempio un cavallo arciere o un uovo robot. Personalmente ho molta fiducia in questo titolo che sembra molto promettente e nei suoi creatori che hanno già dato prova della loro bravura.

Si sa ancora poco di Dream Cycle, e forse è troppo presto sia per parlarne che per trarre conclusioni affrettate. Quel che si sa di certo è che è un titolo originale di Toby Gard, il creatore di Tomb Raider. In tutta sincerità a me questo basta per essere interessato ed inserirlo nella mia lunghissima wishlist ma per voialtri sappiate che si tratta di un titolo che punta molto sulla narrazione e sull’atmosfera. Con tematiche horror psicologiche ed un gameplay definito dalle preferenze del giocatore questo titolo può rivelarsi una sorpresa inaspettata.

Midnight Fight Express è un picchiaduro rapido e frenetico con visuale isometrica che riesce a mescolare elementi old school con animazioni e stile dei titoli moderni. In alcuni momenti la sua follia sembra ricordare Hotline Miami, pur mantenendo la propria originalità grazie ad un’ampia varietà di stili di combattimento ed armi da poter utilizzare a nostro piacimento sui gruppi di nemici che dovremmo ogni volta combattere. Per questo titolo dobbiamo purtroppo attendere quasi un anno, ma sono fiducioso che l’attesa varrà la pena.

Direttamente da un team tutto italiano, Soulstice è un action frenetico con ambientazioni fantasy dark. Racconta la storia di due sorelle, Briar (una guerriera) e Lute (un fantasma) che combinano le loro capacità per riconquistare una città caduta in rovina dopo l’attacco di brutali creature. Anche questo un po’ souls ma anche tanto hack & slash con un sistema di combo e abilità da poter rivaleggiare con i migliori esponenti del genere. Anche per questo non ci resta che attendere l’uscita confidando nella bravura dei nostri connazionali.

tERRORbane racconta le vicende di un eroe e della sua avventura alla ricerca del videogioco perfetto. Pur avendo l’aspetto di un classico JRPG,  non ci vuole un occhio esperto per capire che questo titolo è estremamente divertente e fuori dagli schemi. Con riferimenti a un po’ tutta la cultura videoludica dovremo trovare, aggirare, sfruttare e combattere contro i bug, i glitch e le stranezze che oltre 40 anni di storia videoludica ci hanno insegnato a conoscere.  Un gioco meta-gioco che non vedo l’ora di provare, perfino io che sono allergico ai classici combattimenti a turni, ammesso che qui siano davvero “classici”.  

Un altro picchiaduro action interessante è senza dubbio Sifu. Dai creatori di Absolver, un gioco in terza persona con combattimenti di arti marziali intensi. Il giovane protagonista in cerca di vendetta dovrà migliorare velocemente per sconfiggere i numerosi nemici che gli sbarreranno la strada. In un solo giorno dovrà riuscire a eliminare i suoi nemici oppure riprovare, ma ad un prezzo molto alto: alcuni anni della sua vita. Impara dai tuoi errori e diventa un maestro del Kung Fu con questo Sifu, in arrivo a febbraio su Epic e Playstation.

Volete invece qualcosa di più classico? Allora 9 Years of Shadow potrebbe essere quello che fa per voi. Un metroidvania puro con un comparto tecnico d’eccezione e una colonna sonora composta direttamente da maestri del genere (Mega Man, Castlevania e Metal Gear). Per non parlare della pixel art, a dir poco perfetta e come ben poche volte si era vista. Ambientazione, nemici, gameplay… non manca niente. Più che un gioco sembra una lettera d’amore al genere.

FAR: Changing Tides: “Una suggestiva avventura su veicoli che segue l’emozionante viaggio di un ragazzo e della sua nave verso una nuova casa.” Così è come Steam descrive questo titolo a scorrimento laterale. Io ci ho visto molto di più: enigmi, difficoltà e un’esperienza di meditazione e crescita cullati dai suoni dell’oceano e della colonna sonora.  Sequel del già bellissimo FAR: Lone Sails, ma con un’ambientazione esplorata con più calma e nuove meccaniche.  Attendiamo l’uscita per tuffarci in abissi sconosciuti ed esplorare un magnifico mondo sommerso.

Tails of Iron è un’epica avventura GDR che vivremo nei panni di un topo guerriero in guerra contro i nemici del suo regno. Rane, insetti e molte altre minacce cercheranno di fermarci ma grazie alle nostre abilità, ai nostri alleati e ai potenziamenti a disposizione sapremo sempre contrattaccare. Quello che più di tutto mi ha attirato è però è lo stile grafico: disegnato a mano e molto scuro, ben riesce a rappresentare le caratteristiche del mondo di gioco. Disponibile tra meno di 2 settimane è uno dei titoli che più aspetto.

Ultimo di questo elenco, ma primo tra gli annunci che mi hanno colpito, Cult of The Lamb. Con un gameplay davvero vario e intrigante, uno stile grafico carino e coloratissimo in contrasto con le tematiche inquietanti del gioco, ci sarebbe davvero tanto da dire anche solo vedendo il trailer, troppo e tutto in positivo. Non lo farò e vi invito a guardarlo di persona. So che ne resterete colpiti. Ancora una volta Devolver Digital si conferma un publisher di tutto rispetto e non a caso uno dei miei preferiti.

E voi, avete seguito questo Gamecom? Cosa vi ha colpito? Cosa aspettate di più? Fateci sapere.

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 17 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*