Genesis Alpha One – Recensione

Genesis Alpha One

Che cosa è Genesis Alpha One? Sebbene non sia così facile inquadrare questo titolo, si può dire che questo titolo sia un ibrido tra un gestionale, un Rogue-like e un FPS. Sviluppato dalla casa tedesca Radiation Blue, team di sviluppo agli esordi e rilasciato per Pc, Xbox One e Ps4 a fine 2019.

Introduzione 

In un lontano futuro la razza umana ha dovuto abbandonare la terra e vive su stazioni spaziali. Ora, alla ricerca di un nuovo pianeta sul quale stabilirsi per ricominciare, sarà nostro compito assicurare la sopravvivenza del nostro equipaggio e cercare tra le galassie una nuova Terra sulla quale trasferirsi.

Questa l’idea di partenza per un titolo in grado di regalare numerose ore di contenuto agli amanti di questo genere, ma con molte chicche nascoste che potrebbero interessare anche i giocatori più navigati.

Gameplay 

Grazie al proprio gameplay ibrido di molti generi molto diversi tra loro, Genesis Alpha One riesce a mostrare inventiva e originalità.

Si parte dalla fase di costruzione e ampliamento della nave. In questa prima e forse più importante fase dovremmo creare nuove stanze dell’astronave in maniera intelligente per ampliare la nostra astronave, accrescere il nostro equipaggio, mantenerlo in vita e difendere il tutto da eventuali intrusioni di forme di vita aliene. Inoltre, dovremmo essere sempre in grado di raggiungere il più velocemente possibile qualsiasi stanza, in modo da intervenire in caso di eventuali problemi per risolvere l’emergenza il prima possibile.

Genesis Alpha One ScreenShot

 

Un altro elemento molto importante è rappresentato dalla gestione delle risorse, cosa che soprattutto nelle prime fasi di gioco, rappresenterà il nostro problema principale. Questa fase non è da prendere assolutamente sottogamba perché l’elemento randomico di ogni partita potrebbe compromettere una run e quindi bisogna gestire con parsimonia ogni elemento raccolto, pianificare cosa raccogliere in modo da non riempire i magazzini con quantità eccessive di materiali non necessari, che finirebbero solamente con l’occupare spazio inutilmente. In questa fase potrebbe aiutarci il nostro equipaggio, grazie ad un sistema di assegnazione di compiti e automazione di certe mansioni, lasciando a noi più tempo per dedicarci ad altri ruoli più importanti.

Infine, la componente FPS di Genesis Alpha One, ci permetterà non solo di difenderci da intrusioni aliene con armi nella classica maniera che tutti ben conosciamo, ma anche di esplorare pianeti in prima persona alla ricerca e raccolta di materiali che non saremmo altrimenti in grado di raccogliere direttamente dall’astronave. Mentre effettueremo queste esplorazioni dovremo anche stare attenti alla fauna locale ed essere sempre pronti ad una ritirata nel caso la situazione dovesse diventare troppo pericolosa. Qualche nota negativa per questa parte però c’è: la zona esplorabile dei pianeti è estremamente limitata e poco varia, non presentando differenze significative nel terreno (sempre pianeggiante) e con pochi biomi disponibili. Anche la possibilità di utilizzare diverse armi ed equipaggiamenti sulla carta dovrebbe essere un’ottima cosa, ma personalmente non ho mai sentito il bisogno di maggior capacità di fuoco, visto che qualsiasi cosa diversa dalla pistola consumerà risorse la cui spesa non sarà giustificata dall’efficacia sul campo.

Buoni i controlli, semplici e intuitivi, soprattutto grazie anche all’introduzione ingame di diversi terminali o tablet che ci permetteranno di gestire con prontezza e facilità elementi che altrimenti sarebbero stati molto più complessi da utilizzare.

Infine, un buon compromesso sulla difficoltà, che premia la pianificazione e punisce, spesso ferocemente, la troppa fretta. Aumenta gradualmente con l’astronave e le risorse a disposizione del giocatore compensandone gli effetti positivi non diventando mai particolarmente ostica e mantenendosi sempre su ottimi livelli di equilibrio e gestibilità.

Genesis Alpha One ScreenShot 2

 

Grafica e Audio

Sebbene il titolo sia abbastanza recente (il 2019 in fondo non è che un anno e mezzo fa), si stenta a credere che visivamente il titolo appaia così acerbo e con ancora molte rifiniture da portare a termine. Stilisticamente è davvero poco vario e assolutamente poco originale. Non solo per quanto riguarda l’astronave ma anche l’equipaggio, i differenti tipi di biomi dei pianeti e soprattutto le creature aliene da cui dovremo spesso difenderci, che sembrano banalmente insetti giganti. Si nota, saltuariamente, qualche guizzo di creatività qui e là, ma purtroppo i pochi elementi originali finiscono per stonare con il resto degli elementi e di fare paradossalmente l’effetto opposto a quello desiderato. Le animazioni, quando presenti, sono estremamente minimali e poco curate. Il menu di costruzione dell’astronave è facile da navigare e intuitivo ma si potrebbero incontrare problemi quando vorremo iniziare a sviluppare la nostra stazione spaziale su più piani dato che a volte i piani superiori ostruiranno la nostra visuale rendendoci la costruzione molto difficoltosa. In generale uno stile grafico ben al di sotto della media e con un comparto tecnico che zoppica.

Parlando invece dell’audio c’è ben poco da dire: la colonna sonora, assolutamente dimenticabile ed estremamente generica, non riesce a farsi notare e ricordare. Mentre per quanto riguarda i suoni in generale, ci si muove attorno alla sufficienza: nulla di eccezionale ma tutto, o quasi, che funziona come dovrebbe. Personalmente ho trovato giusto un paio di problemi legati alla regolazione del volume di alcuni allarmi e per alcuni brevi momenti, in vicinanza di portelloni e eventuali squarci sulla nave, un effetto ovattato generale dei suoni.

Genesis Alpha One ScreenShot 3

 

Conclusione

Nonostante il potenziale di intrattenimento che Genesis Alpha One potrebbe avere in un fan di questa tipologia di giochi, in me non ha smosso particolare interesse e se devo essere sincero, non sono riuscito a continuarlo per più di una decina di ore e di qualche run. Sono consapevole di non aver esplorato a fondo il pieno potenziale di questo titolo, come ad esempio la possibilità di creare nuovi membri dell’equipaggio con parte di DNA alieno.

Purtroppo gli aspetti innovativi e interessanti di questo titolo sono spesso messi in cattiva luce da altrettanti elementi terribilmente raffazzonati o addirittura pessimi. Buona l’idea, insomma, un po’ meno la realizzazione. Un titolo, questo Genesis Alpha One, sicuramente non brutto ma deludente per molti aspetti.

Recensione Video:

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 5 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*