Daymare 1998 – Recensione

Daymare 1998 - Recensione

Dopo l’uscita su PC lo scorso settembre e il suo debutto su console in Giappone, finalmente il Survival Horror di Invader Studios giunge anche qui in Europa su PlayStation 4 e Xbox One!

Spesso il mondo videoludico è capace di regalarci storie meravigliose, sia dentro che fuori la fruizione del videogioco stesso e quella che ha portato alla nascita di Daymare 1998 è una storia che merita di essere raccontata e ascoltata.

 

Facendo un viaggio nel tempo e ritornando solo per un attimo nel 1998, in materia di Survival Horror sappiamo bene che Capcom lanciò il suo terrificante Resident Evil 2 sulla prima PlayStation, che nel giro di pochissimo tempo riuscì a conquistare numerosissimi consensi dalla critica e da parte dei videogiocatori di tutto il mondo!

Indice:

Si può dire che è proprio qui che comincia questo bellissimo viaggio di Invader Studios, un team Italiano dalle grandi capacità, che pur di rivivere quelle emozioni indimenticabili di fine anni ’90, complice anche una direzione più action degli ultimi capitoli di Capcom, decide di realizzare un remake non ufficiale dell’omonimo capitolo del 1998, attirando così l’attenzione nientemeno che del colosso di Osaka, motivandolo quasi a rivendicare la propria creatura, come è appunto avvenuto lo scorso anno con l’uscita dell’incredibile Resident Evil 2 Remake. Ed è proprio questo il momento in cui la consacrazione del Team è divenuta realtà, visto che, nei titoli di coda del celebre Survival Horror di Capcom, ecco sbucare in maniera del tutto inaspettata un ringraziamento speciale al team Italiano, insieme ad altre figure di spicco quali il celebre Game Designer Hideki Kamiya.

Daymare 1998 - Recensione - Immagine 1

Una sorta di messaggio ufficioso ad indicare il fatto che se non fosse stato per loro, il Remake di Capcom non avrebbe mai visto la luce? Purtroppo, questo non lo sapremo mai, tuttavia nel frattempo il team Italiano decide di lavorare a qualcosa di diverso, un progetto completamente nuovo che nasce però sempre con lo stesso scopo, ossia quello di omaggiare  l’epoca degli anni 90, in cui produzioni horror del calibro di Resident Evil, Silent Hill e Alone in the Dark settarono degli standard nel genere di riferimento, che ancora oggi gli appassionati considerano come dei punti cardine per la realizzazione di un Survival Horror degno di tal nome. Concluso questo viaggio nel tempo, giungiamo quindi a Daymare 1998, un prodotto sicuramente coraggioso che racchiude numerosi elementi tipici dei Survival Horror che hanno riscosso notevole successo in passato; tuttavia, complici anche le risorse limitate del team italiano in questo progetto e alcune idee che potevano essere implementate con maggior efficacia, sia per quanto concerne il contesto narrativo che nel gioco vero e proprio, riteniamo che l’opera di Invader Studios sia riuscita solo in parte ad esprimere tutto quello che è il suo effettivo potenziale. Ma andiamo con ordine.

The Italian Horror

Daymare 1998 - Recensione - Immagine 2

Se c’è  una cosa che di Daymare 1998 ci ha particolarmente colpiti è sicuramente il suo essere un Survival Horror puro, di quelli che subito riescono a farti immergere in un contesto inquietante, sinistro e totalmente oscuro.

Tra bui ospedali, infide fogne, fattorie abbandonate e centrali elettriche allo sbando, il lavoro svolto dal team di sviluppo è davvero encomiabile, e riesce a garantire un’atmosfera davvero coinvolgente e in linea con le tematiche trattate dal prodotto. Ottimo lavoro svolto anche sul comparto sonoro, con tracce in grado di farti calare subito in una situazione di ansia e terrore!

Il team italiano mostra quindi nella sua opera un amore a dir poco viscerale per il genere di riferimento, con numerosi rimandi ad un’epoca ormai lontana ma rimasta sempre nel cuore dei più appassionati. Lodevole anche la cura riposta nel design dei numerosi enigmi che troveremo durante la campagna, e non abbiamo dubbi che alcuni di essi richiameranno alla mente sicuramente tantissime similitudini e sensazioni provate con i primi capitoli di Resident Evil!

Se però da una parte abbiamo sicuramente un Survival Horror con delle buone basi e con un’ottima atmosfera, non possiamo dire lo stesso su una realizzazione tecnica che, per quanto possa essere giustificabile per il progetto in se, purtroppo condiziona non di poco anche tutto ciò che di buono abbiamo detto in precedenza, visto che i modelli facciali dei personaggi risultano davvero poco espressivi e le animazioni poco convincenti. Inoltre le location stesse che pure incidono molto sotto il profilo dell’atmosfera, purtroppo non riescono ad avere la stessa personalità delle produzioni a cui il gioco si ispira fortemente. Altra scelta davvero infelice risiede negli scontri con i boss altamente dimenticabili, privi di qualunque spessore o strategia particolare per poter essere affrontati e abbattuti, il che è davvero un peccato considerando che bastava davvero poco per rendere tutto ciò un valore aggiunto alla produzione.

Daymare 1998 - Recensione - Immagine 3

Non chiamatemi Resident Evil!

Analizzando il gameplay di Daymare 1998,  di primo acchito si potrebbe pensare che questo sia letteralmente una versione a basso budget degli ultimi Remake di Resident Evil! Certo, sicuramente la visuale in terza persona con telecamera posta alle spalle del personaggio e il sistema di shooting non troppo dissimile dalle opere di Capcom non aiuta a diversificare immediatamente il prodotto, ma nelle 10 e passa ore di gioco necessarie a portare a termine l’avventura possiamo garantirvi che, seppure in piccolo, l’opera ce la mette tutta per cercare di offrire un’esperienza di gioco comunque ben bilanciata, che riesce sapientemente ad alternare scontri a fuoco a sequenze un po’ più ragionate.

Concentrandoci sugli scontri, possiamo dire che l’arsenale di bocche da fuoco non manca di certo! Tra pistole, fucili, magnum e chi più ne ha più ne metta, però, vediamo che il team di sviluppo ha inserito una meccanica per diversificare gli scontri e renderli un po’ più strategici e meno banali. Si tratta del sistema Quickslot che ci permette in qualunque momento di poter giocare un po’ con il sistema di ricarica manuale delle armi, con cui scegliere opportunamente se inserire munizioni dal nostro D.I.D (inventario) all’interno dei caricatori, oppure direttamente nell’arma stessa. Scegliere tra l’una e l’altra modalità e optare tra una ricarica veloce ed una ricarica lenta spesso potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte, soprattutto a difficoltà elevate, in cui le risorse a disposizione, in proporzione alla quantità di zombi e altre tipologie di nemici che incontrerete, non saranno sufficienti a fare un “Tabula rasa”.

Tuttavia è proprio nelle sequenze più statiche e basate sugli enigmi che Daymare 1998, mostra la sua maggiore personalità. Durante la campagna abbiamo potuto apprezzare una buona varietà nella risoluzione dei rebus e alcune soluzioni che strizzano l’occhiolino ad un fascino completamente old school, che nel panorama moderno dei survival horror non si vedeva da un po’.

In buona sostanza, per quanto nel gameplay Daymare 1998 arrivi forse a stancare un po’ troppo nel suo omaggiare altre opere, gli va riconosciuta comunque una buona capacità di  diversificarsi da altri esponenti del genere, proprio recuperando e facendo sue delle meccaniche ormai dimenticate dai survival horror più moderni.

 

Una personalità che fatica ad emergere

Come abbiamo accennato prima, i problemi di Daymare 1998 si rifanno principalmente ad una realizzazione tecnica che (almeno su console) risulta essere appena sufficiente e al suo essere eccessivamente derivativo in numerose meccaniche. Inoltre, il contesto narrativo  non è riuscito a convincerci pienamente, sia nella scrittura dei 3 personaggi che utilizzeremo nei 5 capitoli di gioco, che nella struttura della campagna vera e propria, che risulta un po’ da compitino svolto a casa, e che fa unicamente da perno nel giustificare l’ennesima apocalisse zombi e legare così le storie differenti dei 3 protagonisti coinvolti.

Questa mancanza di personalità nella narrazione e nei personaggi purtroppo pesa tanto nel giudizio complessivo dell’opera, e smorza non di poco l’interesse del giocatore e la sua curiosità di vedere come si evolveranno le vicende di gioco.

Daymare 1998 - Recensione - Immagine 5

I tre protagonisti Liev, Raven e Sam non riescono in alcun modo a rimanere impressi nella mente del giocatore. La regia è studiata per dare l’impressione di trovarsi di fronte a tre diverse tipologie di personaggio, generando però un background dello storytelling davvero poco approfondito. La loro presenza nel gioco fa perlopiù da contorno in favore di una trama che prova ad esaltare più il contesto generale che i singoli protagonisti, fallendo però anche da questo punto di vista.  Risultano apprezzabili alcuni di scena qua e là, ma nulla che lasci davvero il segno e che smuova in modo significativo l’interesse del giocatore.

Ciò che davvero dispiace è che, se da una parte il team italiano ha davvero mostrato tanta passione e determinazione nella realizzazione del gioco, anche a fronte di alcune mancanze o problematiche tecniche pienamente giustificabili, ci sorprende una cosi totale sufficienza per quanto concerne la trama e i personaggi. Purtroppo siamo davvero lontani anni luce dal carisma di protagonisti come Jill Valentine, Chris Redfield e Leon’s Kennedy, iconici in primis per il loro character design, oltre che nel riuscire a coinvolgere il giocatore dall’inizio alla fine dell’avventura!

 

L’inizio di un progetto interessante

A fronte di una buona longevità della campagna, un’atmosfera da incubo, un comparto sonoro davvero coinvolgente e un più che soddisfacente sapore in salsa old school, Invader Studios con Daymare 1998 riesce sicuramente nell’obiettivo di omaggiare in modo soddisfacente l’epoca horror videoludica di fine anni ’90.

Il titolo, pur non raggiungendo mai il carisma e il fascino delle saghe horror a cui si ispira (Resident Evil, Silent Hill o Alone in the Dark), risulta un buon esponente del genere survival horror, che ci sentiamo di consigliare ai fan irriducibli delle apocalissi zombi e a chi davvero non può fare a meno di vivere senza l’ebbrezza del puro terrore!

Il gioco, pur non esente da difetti, farà sicuramente la felicità degli appassionati più nostalgici, a patto di soprassedere su un livello tecnico appena sufficiente e su una trama che non riesce pienamente a dare il meglio di se.

Daymare: 1998
7 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica6
Longevità8
Pro
  • Atmosfera ben riuscita
  • Ottimo comparto sonoro
  • Buona longevità della campagna
  • Survival Horror dal sapore Old School
  • Interessanti gli enigmi
  • Contro
  • Tecnicamente poco rifinito su console
  • Trama e personaggi poco interessanti
  • Nessuna modalità extra dopo aver raggiunto i titoli di coda
  • Gli omaggi ad altre saghe horror, alla lunga arrivano a stuccare un po’
  • Boss davvero deludenti
  • Informazioni su Antonio Amoroso (DevilGame) 5 Articoli
    Conosciuto principalmente come DevilGame sul web! Videogiocatore e sognatore da un tempo così immemore, da averne perse le origini. Percorso iniziato con i platform e i survival horror, a seguire i J-RPG, i souls-like, e via via esplorando tutto ciò che questo fantastico mondo ha da offrirgli! Le parole che non dimenticherà mai, sono quelle di un conoscente che gli disse: "Ho conosciuto in tutta la mia vita, ragazzini che riuscivano ad essere felici, con un pallone da calcio... A te invece quello che serve per esserlo, è con un videogioco. " Il resto è storia.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *