Blackguards 2 Blackguards 2 – Recensione

Blackguards2-Gamepare

A distanza di un anno dal rilascio di Blackguards, la casa produttrice Daedalic Entertainment ha pubblicato, in esclusiva per PC, il sequel del primo celebre titolo: Blackguards 2.

In questo nuovo capitolo non dovremo creare nessun alter ego, in quanto le vicende della storia si ambientano a pochi anni di distanza dal primo Blackguards e narrano la storia della nobile Cassia la quale, tradita e imprigionata in un dungeon, trascorre quattro anni in prigionia uscendone pazza e sfigurata in volto, con il desiderio di vendetta verso il suo spietato carceriere e la volontà di conquistare la città di Mengbilla, capitale del regno.

Blackguards2-Gamepare

Da segnalare che i videogiocatori che non hanno giocato al precedente capitolo potranno inizialmente trovarsi spaesati. Tutta la prima parte infatti è ricca di dialoghi con riferimenti a nomi, fatti e luoghi delle precedenti avventure. Inoltre anche i tre personaggi che andranno a comporre il party provengono da Blackguards. Si tratta infatti di Takate, un temibile guerriero, oggi annoiato despota della giungla che brama solo una degna morte, Zurbaran, irresistibile mago donnaiolo, e Naurim, avido e cocciuto nano finito in malora dopo uno dei suoi loschi traffici.

Nel nuovo titolo troveremo la classica componente strategica in combattimento a turni, con in aggiunta la dimensione gestionale della world-map con la quale potremo spostarci nelle varie città del regno.

A differenza di Blackguards possiamo subito notare una semplificazione del gioco da parte di Daedalic, in particolare su tutto il sistema di skill, abilità e potenziamenti. I personaggi del gioco non salgono di livello, ma guadagnano punti esperienza che possiamo spendere in cinque diverse categorie dopo ogni combattimento vinto.

La struttura del gameplay si suddivide in tre momenti ben diversificati tra di loro e la componente RPG è forse la meno ampia. Sono presenti caratteristiche e abilità da potenziare, come anticipato, mentre non vi sono città da esplorare, ma solo alcune schermate di NPC con cui interagire in schermate statiche. Il nucleo portante del gameplay è infatti quello delle battaglie, migliorate notevolmente insieme al sistema di sviluppo delle abilità, che risultano più semplici e ben strutturate.

Blackguards2-Gamepare

Nei combattimenti gestiremo un party di eroi guidandoli in una serie di combattimenti a turni organizzati su una griglia a caselle esagonali. Il tutto in arene vaste e complesse, con inoltre l’inserimento del valore della resistenza dei personaggi, il quale garantisce un migliore bilanciamento fra i vari combattenti.

Sarà come sempre possibile interagire con i materiali di scena e costruire inoltre trappole durante i combattimenti. Le condizioni di vittoria sono più varie, e questo aspetto raggiunge l’apice con le boss-fight, duelli in qui oltre a porre attenzione ai nemici dovremo risolvere alcuni rompicapo ambientali tutt’altro che semplici, aumentando notevolmente la difficoltà del gioco.

Una grande novità risiede nell’inserimento della componente gestionale, potremo infatti addestrare un esercito di mercenari per conquistare le cittadine del regno disseminate nella world-map. Il nostro esercito partirà dal confine estremo della mappa e dovremo farci strada nel regno, conquistando man mano una serie di città e punti di interesse.

Potremo anche pianificare le nostre mosse in base alle informazioni ottenute mediante quest secondarie oppure ricorrendo all’interrogatorio dei prigionieri. A termine di ogni battaglia troveremo infatti dei detenuti che potremo torturare o ingannare al fine di ottenere preziose informazioni, scegliendo infine cosa fare della loro vita, tenendo presente che questo potrà modificare il corso degli eventi.

La strada per la città di Mengbilla sarà ostacolata dall’esercito avversario che puntualmente cercherà di riprendersi i territori da noi ottenuti; ci troveremo quindi a gestire anche una linea difensiva, piazzando trappole e creando barricate.

Blackguards2-Gamepare

Basandosi sulla licenza ufficiale di The Dark Eye, il mondo di Blackguards 2 è oscuro e degradato come i personaggio che lo abitano, fornendo un perfetto stile dark fantasy. L’ambiente grafico è tuttavia fermo al primo capitolo, ed è infatti ancora basato su motore Unity. Da segnalare tuttavia la ricchezza e la struttura degli scenari, ben realizzati.

Sebbene varietà e originalità non siano il massimo, Blackguards 2 si dipana in una trama ben delineata tra dialoghi scritti con gusto e situazioni parecchio scomode ed estreme, causate soprattutto dallo stato di pazzia di Cassia, le quali bastano per creare una racconto piacevole fino alla fine.

Possiamo quindi affermare che Blackguards 2 è un sequel ben riuscito e superiore al primo capitolo, dal quale si notano molti miglioramenti. Si può ottenere un buon mix di PRG e gioco strategico a turni, accompagnato da una buona componente narrativa e con ambientazione non banali.

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*