Assassin’s Creed Odyssey – Recensione

Assassins-Creed-Odyssey
Origins ha segnato un autentico cambio di passo nella blasonata epopea degli Assassini e questo Odyssey vuole continuare su questa scia e regalare agli appassionati un titolo ricco e profondo  come quello ambientato nell’antico Egitto. In questo caso si è optato per la suggestiva ambientazione della Grecia del periodo aureo, quindi grossomodo quinto secolo avanti Cristo. Una continuità certamente in termini di gameplay con Origins ma una storia tutta nuova con protagonisti e personaggi molto carismatici. Assassins-Creed-Odyssey-screen-7 Nel 431 avanti Cristo Atene e Sparta sono ai ferri corti dopo avere sconfitto assieme il nemico persiano. Non sono serviti sacrifici importanti come quello di Leonida alle Termopili contro Serse per poter mantenere le polis unite. Ecco quindi giungere alla celeberrima guerra delle Termopili. Per quanto concerne il filone legato alla lotta eterna tra Templari e Assassini facendo un balzo all’indietro di quasi quattrocento anni qui le due congreghe non erano ancora nate anche se molti elementi potranno arricchire i concetti già presenti nella trama principale. Nel presente torna Layla che questa volta studierà i due personaggi principali ossia Alexios e Kassandra. La storia non subirà tante variazioni in base alla scelta di un personaggio o l’altro quindi si tratta di una variazione puramente estetica quasi. Partiremo da Cefalonia dove il nostro personaggio conduce una vita piuttosto tranquilla. Cominceremo come mercenario per poi intraprendere un lungo viaggio, una vera e propria odissea, per raggiungere le città più famose della Grecia antica e le sue isole principali. Tre storie quindi si intrecciano coinvolgendo lo scenario storico della Guerra del Peloponneso, una guerra intestina contro una setta misteriosa che sembra essere dietro il conflitto tra Sparta e Atene e poi è presente anche un filone più dedicato al sovrannaturale di cui però si può svelare ben poco in fase di recensione per evitare inutili spoiler. Di carne al fuoco ce n’è tanta ma il timone sarà sempre nelle mani del giocatore, anche letteralmente dato che vengono riprese molte dinamiche da Black Flag. Assassins-Creed-Odyssey-screen-5 Presente anche un sistema di scelte e dialoghi simile a quello visto in The Witcher che influenzerà leggermente l’andamento della storia. Le quest secondarie appaiono quindi molto più integrate che nelle precedenti incarnazioni del brand. Le missioni diventeranno di volta in volta sempre più complesse in base anche alla crescita del personaggio. Ci sono step da superare grazie anche a del sano farming e alcune dinamiche rimangono immutate rispetto a Origins, come ad esempio l’utilizzo del falco per avere una maggiore visione d’insieme. Una struttura quasi da moderno RPG che si smarca quindi dalla matrice classica della serie. Tutto è molto immersivo e la Modalità Esplorazione vi ruberà parecchie ore di gioco. Assassins-Creed-Odyssey-screen-3 Assassin’s Creed Odyssey, però, illegalità viene punita e non poco. Compiere azioni come assassinare civili, rubare o altro, alzerà la taglia sulla nostra testa, attirando tanti esperti sicari che sulla nostra strada proveranno ad ucciderci per incassare la somma designata. Buono il sistema di combattimento che rimpiazza lo scudo con una semplice parata dell’arma. Ottimo poi il sistema delle abilità attive che ci permetterà di integrare mosse molto utili come il calcio di Sparta. I vari perk sono raccolti in un albero che si sviluppa in tre direzioni differenti. Tornano anche i temuti mercenari che vi daranno la caccia nel caso in cui compiremo crimini alla luce del sole. Ottima la vena artistica, soprattutto nella personalizzazione di personaggi celebri come Socrate e buono anche il comparto tecnico soprattutto nell’eccezionale doppiaggio in italiano. In conclusione Assassin’s Creed Odyssey si dota di un fascino grafico abbastanza elevato, dotandosi di una nota storica dove arrampicarsi su statue o architetture storiche per raggiungere il punto di sincronizzazione sarà un emozione affascinante. Anche se non privo di difetti Ubisoft è riuscita a dare quel tocco di RPG al titolo, vedremo cosa succederà nei successivi episodi della serie. La recensione di Assassin’s Creed Odyssey si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Assassin’s Creed Odyssey

8.3

Gameplay

8.0/10

Grafica

9.0/10

Longevità

8.0/10

Good

  • Dinamiche RPG
  • Molto immersivo

Bad

  • Narrativa da rivedere
  • Forse un po' copiato dai precedenti Assassin's Creed
Informazioni su Stefano M. 364 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*