Arcade Spirits – Recensione

Arcade-Spirits

Arcade Spirits è una visual novel che come tale ha un pubblico di riferimento piuttosto ristretto anche se abbastanza appassionato a questa tipologia di titoli.

Indice:

Descrizione

Un genere solitamente indie che sta vivendo una seconda giovinezza grazie a piattaforme come Steam o Itch che permettono a tutti di cimentarsi nella creazione di questi titoli molto poco onerosi dal punto di vista dell’hardware ma non meno divertenti certamente, grazie a un buon costrutto e storie appassionanti.PQube insieme a Fiction Factory Games ha dato vita proprio a un’avventura che vede come setting quello arcade, ossia delle vecchie sale giochi con tutti gli appassionati che di solito le popolavano.

Arcade-Spirits

L’aspetto

Cominceremo con un menù abbastanza semplice che è basato proprio nell’aspetto di un cabinato da sala giochi dove potremo settare le varie opzioni e quindi creare il nostro avatar, scegliendo sesso, nominativo e altri dettagli come capelli e colore degli occhi.
Fatto questo potremo immergerci in un futuro distopico in cui i videogiochi imperano dato che la crisi del 1983 non si è mai verificata e quindi le sale arcade sono ancora sulla cresta dell’onda. Noi però perderemo il lavoro all’inizio ma la nostra coinquilina Juniper ci suggerirà di installare un’app che potrà darci una mano a indirizzare la nostra ricerca di nuovo impiego. Iris, la nuova assistente digitale, ci indirizzerà quindi verso Funplex, ovvero una sala giochi famosissima di un centro commerciale in cui faremo la conoscenza di tanti nuovi clienti e colleghi.

La trama

Questo è un elemento distintivo rispetto alle altre visual novel dato che l’elemento amoroso non sarà al centro della narrazione. Ci potranno sì essere delle relazioni amorose ma non saranno al centro di tutto, preferendo invece la crescita del nostro personaggio.
In Arcade Spirits lo scopo dell’intero gioco è infatti quello di in un certo modo scoprire se stessi capire quali possano essere le nostre vere ambizioni nella vita.
Avremo cinque differenti qualità da tenere sotto controllo e coltivare ovvero Qirky, Steady, Kindly, Gutsy e Basic. In base a quello che sceglieremo nel corso del gioco potremo oscillare da una parte o dall’altra. In base a come saremo noi avremo differenti reazioni naturalmente da parte da chi incontreremo.

La grafica

Il comparto grafico, come sempre in titoli di questo genere, non è eccessivamente studiato ma prevede in maniera basica scenari fissi in cui avremo sotto i dialoghi in lingua inglese e successivamente i personaggi con cui potremo interloquire.
La vera forza del gioco è rappresentata proprio da tutti questi personaggi così strambi ma carismatici e ben caratterizzati. Avremo i malati di retrogaming, i fanatici di e-sports o tutta una serie di abili cosplayers.  Avremo quindi molta libertà tramite i già citati attributi per poter indirizzarci verso una passione piuttosto che un’altra,
Un vero e proprio esempio di meta videogioco che grazie ai tantissimi riferimenti riuscirà a soddisfare anche tutti coloro che non sono proprio amanti del genere.

La recensione di Arcade Spirits si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Arcade Spirits
6.8 / 10 Recensione
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (0 voti)
Gameplay7
Grafica7
Longevità6.5
Pro
  • Bello il mondo delle sale arcade all’interno della narrazione
  • Personaggi carismatici
  • Contro
  • Musiche un po’ ripetitive
  • Qualche stereotipo di troppo nei dialoghi
  • Cosa dicono gli utenti... Lascia il tuo voto
    Ordina per

    Sii il primo a lasciare una recensione.

    User Avatar User Avatar
    Verificato
    {{{ review.rating_title }}}
    {{{review.rating_comment | nl2br}}}

    Di Più
    {{ pageNumber+1 }}
    Lascia il tuo voto

     

    Informazioni su Stefano Mario 367 Articoli
    Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.