Anteprima Mario Odyssey, ma ci si sente a casa

Super-Mario-Odyssey-Anteprima

Chi non conosce Super Mario? Fin da piccoli abbiamo giocato ai suoi titoli ed ogni giorno assistiamo ad evoluzioni. La sua prima comparsa era nel 1981 con Donkey Kong. In questo titolo il “gorillone” aveva rapito la principessa e Mario sulle varie piattaforme ferrose doveva arrivare a liberarla stando attento ai barili che il gorilla ci lanciava. Questo titolo ebbe un enorme successo facendo proseguire Mario verso un suo titolo Mario Bros. nel 1983. In questo capitolo iniziavano ad intravedersi i primi nemici, le tartarughine, oltre all’avvento del pulsante POW.

Il successo per Mario continua di anno in anno e tutt’ora Nintendo e il suo beniamino stanno approdando con un nuovo titolo che abbiamo avuto modo di provare in anteprima: l’attesissimo Mario Odyssey in uscita su Nintendo Switch. Ecco qualche impressione.

Anzitutto, Joy-Con alle mani, ho provato a muovere Mario in giro per lo spazio tridimensionale, la sensazione è stata veramente piacevole e familiare: numerose opzioni di movimento e salti di vario tipo danno da subito quella profondità tipica dei Mario in 3D. E ci si sente subito in compagnia di una vecchia e cara conoscenza!

La demo ci ha potuto offrire due opzioni per esplorare in anteprima questo nuovo gioco, Sand Kingdom e Metro Kingdom. Il primo scenario presenta un mondo di sabbia e strutture di pietra, con un sapore messicaneggiante. La zona ha una maggiore linearità nel proseguimento, senza però trascurare l’esplorazione e i segreti che anche ad una prova superficiale già si capisce che siano davvero numerosi. Questo livello ha molti elementi tipici del platform mariesco, con nemici riconoscibili e complessi salti da piattaforma a piattaforma. L’esplorazione è ricompensata non solo dai bellissimi scenari e dalla sfida che presenta raggiungere determinate strutture e posizioni, ma anche dal raccoglimento di lune, che in questo nuovo titolo sembrano sostituire le stelle e i soli visti in precedenza.
Arrivare sempre più in alto è stato estremamente piacevole e coinvolgente, tanto che allo scadere della prova avrei voluto proseguire ancora a lungo per poter vedere tutto ciò che se ne sta nascosto tra quelle sabbie.

Passando a Metro Kingdom ci troviamo davanti a qualcosa di più singolare, sebbene anche Sand Kingdom avesse davvero molto da vedere, il mondo resta sempre piuttosto simile a ciò a cui Mario ci ha abituati e con un esplorazione simile a quella dei titoli passati, mentre il nuovo scenario urbano si presenta come una sorta di sandbox, una metropoli da esplorare per trovarne i segreti e collezionare tutte le lune, non solo attraverso salti e sconfiggendo nemici, ma anche attraverso alcune missioni più o meno lunghe e impegnative che i diversi personaggi in giro per la città ci affideranno. Ho ricevuto una luna partecipando al gioco del salto della corda, una mi è stata data dopo un po’ di sana esplorazione e platforming, e per un’altra ho dovuto guidare un simpatico scooter salterino e anche questa esperienza sebbene spiazzante è stata estremamente gradevole! Piacevole anche l’incontro con Pauline che viene nuovamente rispolverata, forse questa volta con un ruolo maggiormente definito.

La grossa novità di Mario Odiyssey però è ovviamente l’utilizzo del cappello, come mostrato nei trailer visti fin’ora. Esso può essere utilizzato in vari modi già in questa breve demo, l’utilizzo più basilare è quello di lanciarlo come arma per sconfiggere i nemici, per farlo ci si può affidare ai tasti X e Y oppure al movimento dei Joy-con, che almeno ad una prima prova sembra offrire molte più opzioni nei movimenti e nella traiettorie da dare al cappello.
L’altra funzione e probabilmente quella più succosa, sta nel lanciare il cappello per trasferire Mario all’interno di oggetti e nemici. Nella demo non ho trovato molti momenti in cui utilizzare questa opzione, sintomo che il gameplay non ruota tutto attorno ad una simpatica trovata e nient’altro, ma è anzi molto solido già in partenza, tuttavia i momenti  in cui l’abilità di trasferimento è entrata in azione hanno mostrato bene come questa nuova idea possa dare un ulteriore strato di profondità al titolo, che nella sua versione finale ne farà sicuramente un uso intelligente e corposo.
Ho potuto utilizzare il il nuovo potere per entrare all’interno di fili elettrici come una palla di gialla energia luminosa e baffuta per raggiungere luoghi che con semplici salti mi sarebbero stati preclusi, o per diventare un razzo spaziale per raggiungere posti assai lontani da dove mi trovassi.

L’ultimo utilizzo che per ora il cappello ci offre riguarda la raccolta di monete lontane, che lanciandolo verranno raccolte una volta colpite. Semplice ma decisamente piacevole, questa opzione già nella demo ha dato vita a interessanti sequenze in cui lanciare con precisione e rapidità il cappello per poter raccogliere tutte le preziose monete, rese ancor più preziose dalla possibilità di modificare il vestiario del nostro idraulico.

Mario Odyssey si presenta sia come un titolo valido per gli appassionati di lunga data che vogliono ritrovare il protagonista che ben conoscono, sia come una ventata di aria fresca, con moltissime novità che lo sapranno sicuramente distinguere dai predecessori.

Mario Odyssey, in uscita il 27 Ottobre 2017,  sarà sicuramente un gioco da tenere d’occhio per chiunque possieda un Nintendo Switch!

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 62 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*