Anteprima di Injustice 2 ed intervista a Derek Kirtzic

Injustice 2 Anteprima

Oggi, 9 Maggio 2017, al VGP Home a Milano in via Monte Nero 72, ho avuto la grandissima possibilità di provare in anteprima l’ormai prossimo Injustice 2 e persino scambiare due parole con un membro dello staff di sviluppo, ovvero Derek Kirtzic direttamente dai NetherRealm Studios di Chicago.

Il Gioco

Personaggi

Injustice 2 riprende molto di ciò che abbiamo visto nel primo capitolo, ad una prima vista il gioco appare decisamente ricco di contenuti:
Partendo dai personaggi, il rooster è stato leggermente rivisto e ampliato, almeno stando a quelli per ora presentati e giocabili. Ci sono interessanti new entry provenienti anche dai meandri meno conosciuti dell’universo DC, come “the Swamp Thing” e Cheetah, che danno davvero colore e spirito al titolo. Tuttavia questo viene al prezzo di alcuni personaggi che invece comparivano nel gioco precedente, al momento per esempio non c’è traccia di Raven.
In tutto comunque raggiungono un temporaneo e solidissimo 26, un numero davvero di tutto rispetto.
Ogni personaggio ha per di più numerosi elementi sbloccabili semplicemente giocando, si tratta di numerosi oggetti con cui poter equipaggiare i beniamini DC in modo da renderli esattamente i personaggi che vogliamo siano. Questo non solo a livello prettamente estetico, ma anche adattando ogni personaggio al playstyle che si preferisce. Gli oggetti equipaggiabili conferiscono infatti diversi potenziamenti, modificando gli attributi e dando la possibilità di impiegare diverse tattiche in battaglia.
Injustice 2 non si ferma qui con la possibilità di personalizzazione, fra gli elementi sbloccabili ci sono infatti anche mosse extra, anch’esse assegnabili al rispettivo personaggio d’appartenenza per dare maggiore ampiezza al proprio piano d’azione.
Il tutto rende persino possibile prepararsi per affrontare determinati scontri particolarmente ostici, equipaggiare elementi di kriptonite darà infatti un buon vantaggio affrontando Super Man e Super Girl, per fare un esempio lampante.
Vedere tutta questa varietà presente nel gioco e non nascosta dietro ad una barriera di pagamenti aggiuntivi è veramente una ventata di freschezza che quasi mi ha riportato indietro di 6 anni.

Injustice 2 Anteprima

Modalità di gioco

Passando invece alle modalità di gioco il piatto non si riduce affatto.
In Injustice 2 oltre alla storia e alle altre modalità imprescindibili tipiche di qualsiasi picchiaduro che si rispetti, come il versus locale e l’allenamento, abbiamo una nuova modalità chiamata Multiverso, che pare essere il piatto forte di questo nuovo capitolo.
Si tratta di sfide contro la cpu divise in diverse categorie per difficoltà e personaggi coi quali sono affrontabili e hanno la particolarità di essere in costante cambiamento. Non è ancora del tutto chiaro come funzioni il sistema che determina quali sfide siano disponibili, ma per potervi dare un’idea il tutto si svolge su 6 pianeti più un settimo “extra”, ogni pianeta tenderà a dare ricompense legate a specifici personaggi, così da dare la possibilità di cercare gli equipaggiamenti e le mosse extra che si desiderano. A intervalli regolari, che differiscono da un pianeta all’altro, le sfide presenti cambieranno, dandovi accesso a contenuto sempre fresco e in attesa di essere affrontato.
Questa sembra essere una modalità decisamente ricca e capace di tenere incollato al pad, o all’arcade stick, anche chi è più interessato ad un’esperienza coinvolgente per giocatore solitario e che magari non è particolarmente entusiasta all’idea di affrontare altri giocatori online.
Un qualcosa che ultimamente scarseggia nel mondo dei picchiaduro competitivi e che può essere la chiave d’accesso per il titolo al grande pubblico.

Parlando rapidamente della modalità storia la prima cosa da menzionare assolutamente è la presenza di autori di fumetti DC dietro alla sua stesura. Ancora non ci è dato sapere molto a riguardo e infatti NetherRealm ha voluto mantenere riservatezza non rendendo accessibile la modalità in questione nella versione su cui ho potuto mettere le mani, ma sappiamo che riprenderà esattamente da dove eravamo rimasti con il primo capitolo. Questi sono decisamente elementi rassicuranti, che ritengo possano catturare facilmente l’attenzione di qualsiasi fan degli eroi DC.

Solamente accennata è invece un’altra modalità che tuttavia pare essere a sua volta piuttosto interessante. Sarà infatti possibile creare dei team di tre personaggi a proprio piacimento e, una volta equipaggiati a dovere, mandarli in nostra assenza a scontrarsi coi team costruiti da altri giocatori. Questo non solo è attuabile tramite la cpu che completerà le sfide in automatico, facendoci trovare ricche ricompense al nostro ritorno, ma anche di propria mano, andando a scontrarsi contro i team avversari sempre controllati dalla cpu. Non abbiamo potuto vedere in azione tutto questo e sono estremamente curioso di vedere il prodotto finito.

Injustice 2 Anteprima

Gameplay e Grafica


Sotto questo aspetto Injustice 2 è un netto miglioramento, riprende le ottime meccaniche del titolo passato come transizioni di scenario ai danni dell’avversario e elementi dello sfondo sfruttabili in modo originale, ma è chiaro fin da subito l’impegno messo in fase di sviluppo per rendere il gioco una versione sempre migliore di se stesso. L’azione è infatti molto più fluida e i personaggi rispondono decisamente meglio ai comandi, connettere combo e mosse speciali da grandi soddisfazioni, capita molto raramente di dare input involontari o di non comprendere il comportamento del personaggio in base a ciò che si è fatto anche con il pad in mano per la prima volta. L’unica leggerissima pecca in questo ambito è l’input buffer, se in fase di combo è infatti giustamente restrittivo e richiede il giusto tempismo per mandare a buon fine tutti i colpi, quando si viene colpiti a metà di un’azione è spesso eccessivamente generoso facendo si che il proprio attacco parta non appena il nostro personaggio si sarà rimesso in piedi, causando qualche raro errore extra.
Fastidioso si, ma nulla che un po’ di pratica non possa risolvere.

L’attenzione del gioco ai dettagli più tecnici è assolutamente disarmante, in senso positivo ovviamente!
Sono rimasto estremamente colpito quando, aprendo l’elenco mosse del mio personaggio, ho potuto notare frame data accurata di ogni singola mossa a mia disposizione. Questo è un aspetto che sicuramente sarà la gioia di chi vorrà prendere il gioco più competitivamente, oltre ad una dimostrazione di trasparenza eccezionale da parte degli sviluppatori, al punto che sono quasi rimasto perplesso nello scoprire che non ci fosse alcuna opzione per mostrare hitbox e hurtbox dei personaggi, probabilmente cominciavo a chiedere troppo!
La modalità allenamento è comunque molto robusta, con tutte le opzioni per testare le proprie capacità, combo, mixup e quant’altro.
Non ho notato una modalità addestramento degna di questo nome tuttavia, ma ciò non ne esclude la presenza e attenderei la release ufficiale prima di sbilanciarmi a riguardo.

I personaggi offrono un’ottima varietà di playstyle già senza alcuna modifica, spaziando da rushdown aggressivo allo zoning più difensivo. Ho avuto modo di provare metà del rooster e di vedere in azione tutti e 26 i personaggi, ognuno è unico e offre approcci differenti alla battaglia, davvero difficile restare insoddisfatti da questo aspetto.

Per chi poi non avesse interesse in tutte le possibilità di personalizzazione, ma sia alla ricerca di un gioco bilanciato e competitivamente valido non c’è nulla da temere, poiché nelle sfide online e offline è sempre presente la possibilità di giocare ignorando tutti i potenziamenti e relegando l’equipaggiamento ad un ruolo prettamente estetico.
Una scelta che ritengo ottima oltre che necessaria al titolo per poter raggiungere la giusta competitività.

Anche graficamente non c’è nulla di cui potersi lamentare. Anzitutto il framerate è apparso assolutamente stabile fin dove ho potuto vedere, senza però sacrificare in alcun modo il dettaglio grafico veramente ottimo. I personaggi non solo sono ben realizzati da un punto di vista prettamente tecnico, ma anche stilisticamente hanno parecchio carattere e se anche non dovessero piacervi nelle loro vesti di partenza avete sempre la possibilità di “vestirli” in modo diverso!

Ho tessuto le lodi di questo titolo a sufficienza per ora, ma prima di passare all’intervista un ultima considerazione.
Vi sembrerà forse eccessivo tutto questo entusiasmo, ma ho potuto provare un titolo che sembra quasi andare in contrasto coi tempi in termini di ricchezza di contenuti, dalle premesse sembra poter offrire tutto ciò che si può desiderare da un picchiaduro e non posso fare a meno di attendere con ansia il momento in cui potrò rimetterci sopra le mani e riprendere ad allenarmi con Black Canary!

Injustice 2 Anteprima

L’intervista

Parlare con Derek Kirtzic è stato un vero piacere, lo sviluppatore statunitense si è dimostrato estremamente disponibile e cordiale nel rispondere alle diverse domande.
Il tutto è cominciato con ovvi convenevoli, nei quali Derek si è espresso in apprezzamenti di vario genere verso il cibo, le persone e l’italia in generale. E’ sempre un piacere sapere che il bel paese è ancora molto apprezzato dagli stranieri.
Siamo poi passati nel vivo del discorso ed ecco di seguito le domande a cui ha avuto il tempo di rispondere.

Michele (Gamepare): Qual’è l’obbiettivo che vi siete posti durante la realizzazione di questo gioco? C’è qualcosa in particolare che desiderate portare agli appassionati che lo aspettano?

Derek: Il primo obbiettivo è quello di raccontare una storia, creare un universo DC originale. Speriamo che il nostro Multiverso possa costruire una nuova nicchia attraverso la storia inedita e originale. Inoltre vogliamo rendere vivi i personaggi che molti come noi amano, dando loro non solo un ottimo look ma anche una personalità interessante a cui ci si possa appassionare, senza però andare a semplicemente a copiare dalle opere già esistenti.

M:Si, ritengo ci siate riusciti bene da quello che ho visto, il timbro tipico di Nether Realm è visibile da subito!
Passando ad una seconda domanda, nei 26 personaggi attualmente giocabili ho potuto scorgere la mancanza del Joker. Possiamo aspettarci di trovarlo all’interno del gioco completo?

D:Sappiamo che il Joker è morto nel gioco precedente, quindi non posso dire molto a riguardo, non vogliamo fare spoiler! Ma posso però rassicurarti e dirti che lo vedremo da qualche parte nella storia.

M:Questo mi porta a pensare se ci siano altre personaggi ancora nascosti! Mentre riguardo ai personaggi DLC avete già dei programmi?

D:Si, prevediamo 9 personaggi DLC, 3 dei quali saranno disponibili al lancio. Per chi preordinerà una copia dovrebbero essere già inclusi! Gli altri 6 arriveranno successivamente, ma acquistando la Ultimate Edition del gioco sarà possibile averli senza ulteriori spese non appena saranno disponibili.

M:Cambiando argomento. Ha decisamente colto la mia attenzione la presenza di frame data e altri dettagli importanti così facilmente accessibili ai giocatori. Pianificate di portare il titolo ad alti livelli di competizione e farlo crescere come e-sport? L’EVO è un vostro obbiettivo?

D:Decisamente! Siamo già pronti per L’EVO 2017, ma oltre a quello stiamo organizzando una serie di tornei in giro per tutto il mondo, europa compresa. Il montepremi raggiunge i seicentomila dollari attualmente, chiunque potrà partecipare agli eventi e avere una chance di accaparrarsene una parte.

M:Notizie di tornei in Italia?

D:Oh! Purtroppo per ora non so nulla a riguardo, ma l’europa è assolutamente inclusa nei nostri progetti, quindi con poco sforzo potrete sicuramente partecipare anche voi!

M:Un ultima domanda, più che altro si tratta di una curiosità! In Mortal Kombat si blocca con un pulsante dorsale, mentre in Injustice si utilizza il metodo più comune nei picchiaduro 2D, ovvero premere “indietro” rispetto al proprio avversario. Come mai queste due scelte differenti?

D:Mi piacciono queste domande, sono quelle più divertenti di solito! L’obbiettivo è quello di dare un’identità propria al titolo. Injustice non è semplicemente un altro Mortal Kombat e ci vuole poco per rendersene conto. Qualche ovvia similitudine c’è, la nostra esperienza ci ha d’altronde portato a scelte che sappiamo funzionare, ma allo stesso tempo i due titoli si distinguono l’un l’altro per tanti aspetti. Quello del blocco è uno, forse il più evidente, ma contribuisce a dare un feeling differente al tutto, un gioco è infatti più incentrato sui footsies mentre l’altro più sul mettere pressione.

M:Grazie mille per il tuo tempo e la disponibilità Derek, è stato un piacere conoscerti!

D:Altrettanto, il piacere è mio!

Injustice 2 sarà disponibile dal 18 Maggio 2017 su Xbox One, PlayStation 4, iOS e Android.

Informazioni su Michele M. 59 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*