Anteprima di Mortal Kombat 11 Online Beta, la nostra prova

Mortal Kombat 11 Online Beta_20190327213303

Manca meno di un mese al prossimo 23 aprile, giorno in cui Mortal Kombat 11  si rivelerà al mondo intero, ma per questo weekend, il celebre picchiaduro regala un piccolo assaggio.
Solo per i giocatori che hanno preordinato il titolo, infatti, dal 28 al 31 marzo sarà possibile mettere le mani su alcuni contenuti, grazie alla Mortal Kombat 11 Online Beta.

Niente di approfondito, intendiamoci, ma come antipasto non ci possiamo lamentare. Si potrebbe dire che il nostro “buchino allo stomaco” sia stato temporaneamente chiuso, ma la fame è tanta.

La Beta online si presenta come una preview che potremmo definire definitiva, soprattutto per quanto riguarda l’impostazione del menù principale.
Sebbene molte finestre rimangano bloccate (su tutte la modalità allenamento e la modalità storia), a nostra disposizione avevamo una piccola torre offline, il combattimento online e la modalità di personalizzazione.

Vera novità del titolo, la modalità di personalizzazione offre possibilità quasi infinite di modifica dei personaggi presenti nel roster. Si potrà scegliere (e cambiare) i movimenti di inizio e fine match, alcuni attacchi speciali e molteplici variazioni di costume. Va da se che le combinazioni risultano pressoché infinite, dove l’unico limite è la fantasia del giocatore.
Nelle foto qui sotto potete vedere il nostro Scorpion-Gamepare adeguatamente modificato:

Mortal Kombat 11 Online Beta

Una volta che ci siamo divertiti a sufficienza con le modifiche, è stato il momento di giocare effettivamente.

Bypassata (ahimè) la modalità online, che venerdì 29 si mostrava un po’ lenta, abbiamo deciso di concentrarci sulla scalata della torre offline.

A nostra disposizione potevamo contare su un roster limitato di 5 personaggi, ovvero Scorpion, Baraka, Scarlet, Jade e Kabal. E qui, il Mortal kombat 11 non tradisce, mostrandosi in tutto il suo splendore.

Provando tutti i lottatori, salta subito all’occhio come ognuno di loro abbia il suo stile di lotta ben definito e personale. Le varie scuole o fazioni di appartenenza caratterizzato anche le manovre, le prese e il parco mosse dei personaggi.
La fluidità dei movimenti e la risposta dei tasti sono immediati,  sebbene non appaia così evidente un miglioramento massiccio rispetto al Mortal Kombat X uscito quattro anni fa.  I miglioramenti approntati sono calibrati al millimetro, partendo però da una base concreta e ben strutturata grazie appunto al lavoro svolto sul precedente Mortal Kombat.
E’ sempre possibile utilizzare alcuni oggetti presenti sullo stage come armi contundenti o da difesa, così come si possono ancora usare i confini per sfuggire dall’angolo o per ferire ulteriormente l’avversario (emblematico l’utilizzo di un cactus per “rifare” la faccia al opponente).
Piccola novità è l’assenza degli x-ray, che non si potranno più sbloccare durante il match grazie all’accumulo delle barre caricabili sottostanti, ma che diventano l’equivalente dell’ultima mossa della “disperazione”. Tale situazione, chiamata fatal blow ricorda molto il rage art di Tekken 7, un x-ray a tutti gli effetti che si può attivare solo quando si arriva un meno di un quarto di vita.

La sensazione è che i ragazzi di NetherRealm si siano guardati intorno, andando a prendere spunto dai principali avversari come Tekken e Injustice (su tutti, gli stili di lotta diversi per ogni lottatore, le fatal blow e alcune fatality).

Poi Mortal Kombat è tanto gore e sangue, e lì non tradisce mai. Se possibile, le fatal blow e le fatality sono ancora più splatter e gratuitamente violente dei precedenti titoli, in una gara personale che Mortal Kombat si impegna ad avere per il piacere dei propri fans.

In conclusione, c’è motivo di attendere con fiducia Mortal Kombat 11? Ovviamente sì.
Ogni titolo del brand è sempre un evento, e grazie anche alla fanbase vasta ed esigente, è difficle pensare che le speranze possano essere tradite.

Get ready and finish him!  Ci vediamo il 23 aprile

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 155 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*